Luigi Pagano – Materia/Verba

Napoli - 22/02/2013 : 27/02/2013

In mostra circa quindici lavori che evidenziano il percorso dell'artista che, da sempre attratto dalle suggestioni della materia e della natura, ha accompagnato ad un'ampia sperimentazione tecnica una costante evoluzione nella ricerca del senso profondo dell'arte.

Informazioni

  • Luogo: AICA ANDREA INGENITO CONTEMPORARY ART
  • Indirizzo: Via Cappella Vecchia 8/A - Napoli - Campania
  • Quando: dal 22/02/2013 - al 27/02/2013
  • Vernissage: 22/02/2013 ore 19
  • Autori: Luigi Pagano
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00. (lunedì su appuntamento).
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

AICA|Andrea Ingenito Contemporary Art è lieta di ospitare venerdì 22 febbraio alle ore 19,00 Materia/Verba, serata evento che comprende: il vernissage della personale di Luigi Pagano curata da Andrea Ingenito, una lettura critica delle opere -che vuole essere un “invito ad osservare”- affidata a Lorella Starita ed un reading di inediti testi poetici in tema di Marco De Gemmis, Luca Gioacchino Di Bernardo ed Enza Silvestrini


In mostra circa quindici lavori che evidenziano il percorso dell'artista che, da sempre attratto dalle suggestioni della materia e della natura, ha accompagnato ad un'ampia sperimentazione tecnica una costante evoluzione nella ricerca del senso profondo dell'arte.
Nel corso del suo cammino, Pagano ha utilizzato materiali primari come cera, carbone e colori vegetali, ha dipinto tele stese sulla terra, spruzzando e lanciando i colori, facendo colare la pittura e lasciando i suoi lavori all'aperto, in modo che anche gli agenti atmosferici partecipassero al processo creativo e permettessero all'immagine di emergere dal supporto.
Le sue opere, come corpi viventi, sono state scalfite e ferite, sono nate da lamiere e da carte, hanno costruito – complice l'avvicinamento alle filosofie orientali – un palinsesto delle emozioni attraverso la stratificazione della dimensione visiva e dell'inconscio, fino ad approdare a quella che l'artista definisce una "ricerca di brillantezza", ovvero lo stato di grazia in cui luce e forma, materia e spirito si annullano per diventare pura energia.



La mostra sarà visitabile dal 22 al 27 febbraio 2013, dal martedì al sabato dalle 11.00 alle 19.00. (lunedì su appuntamento).
Ingresso gratuito
Note Biografiche:
Luigi Pagano nasce nel 1963 a Scafati (Sa), dove vive e lavora.
Affianca all'attività artistica quella di docente, prima all'Accademia di Belle Arti de L'Aquila, poi presso l' ISA di Sorrento ed infine presso il Liceo Artistico Statale di Napoli.
I suoi lavori sono presenti in importanti collezioni pubbliche e private italiane ed estere tra cui (in permanenza) il Duomo di Napoli, la Chiesa di San Lio a Venezia, il Museo Stauròs di San Gabriele, il Music und Theater di Monaco di Baviera. È tra i trenta artisti italiani che hanno illustrato i Lezionari della Chiesa Cattolica Italiana.
Hanno scritto di lui: Ada Patrizia Fiorillo, Massimo Bignardi, Anna Zanco Prestel, Enrico Crispolti, Paola Ballerini, Paolo Balmas, Flaminio Gualdoni.
Principali esposizioni ed interventi ambientali:
2012
Trasmutazioni Luigi Pagano-Maria Rucker, Obersten Baubehörde im Bayerischen Staatsministerium des Innern Monaco di Baviera
Come Ovo, Agorà Morelli Napoli

2011
Prefigurazioni, Museo FRAC Baronissi
Lo stato dell’arte, 54a Biennale di Venezia, Pontecagnano Faiano
Le stanze dell'anima, Chiesa SS.Annunziata, Marcianise (Caserta)
Seguendo il cammino di Marco Polo,artisti italiani dipingono Hangzhou, Fondazione Bevilacqua la Masa, Venezia
Fienga Pagano Vollaro, Real Polverificio Borbonico, Scafati

2010
Humana Passio, Sala museale quartiere S.Stefano
Luminaria 02, centro storico di Napoli
Prefigurazioni, Spazio tekla ,Cava dei Tirreni, (Salerno)

2009
Dialoghi di luce, chiesa S. Francesco di Paola, Scafati

2008
XIII Biennale d’arte sacra, Museo Stauros, San Gabriele di Colledara

2007
Visioni, Associazione culturale Grafio, Prato

2006
XII Biennale d’arte sacra, Museo Stauros, San Gabriele di Colledara
Mit geschlossenenen augen- Accademia di Musica e Teatro di Monaco di Baviera

2005
Già e non ancora, 51a Biennale di Venezia, Chiesa di San Lio, Venezia
Ferita, installazione permanente Duomo di Napoli, Napoli
Ad occhi chiusi, Conservatorio di Musica, San Pietro a Majella, Napol

2004
Immagini sospese,Istituto Italiano di Cultura, Monaco di Baviera
Opere recenti, Frac, Convento Francescano SS. Trinità, Baronissi (Sa)

2001
Architettura –Arte –Città, Palazzo delle Esposizioni, Roma

2000
Mutazioni 1990-2000, Galleria Giulia, Roma