Luciano Puzzo – Fuori Luogo

Siracusa - 18/05/2013 : 30/05/2013

Fuori Luogo è una raccolta di fotografie inedite - realizzate da Luciano Puzzo - che parlano della metamorfosi e del processo di inesorabile trasformazione di tutti quegli oggetti che, abbandonati dall'uomo e a causa dell’inconsapevole intervento del mare e degli agenti atmosferici, diventano altro, perdendo l’originaria identità e funzione per consegnarsi alla reinterpretazione fotografica che li coglie, appunto, "fuori luogo".

Informazioni

Comunicato stampa


Performance inaugurale di Gianluca Puzzo e Stefania Maddaleni. Lettura del racconto dal titolo “Versi Fuori Luogo”


Not’Art Galleria presenta Fuori Luogo, progetto creativo di Gianluca e Luciano Puzzo. L’inaugurazione dell’evento artistico avrà luogo sabato 18 maggio 2013, alle 18.30. La mostra, che durerà fino al 30 maggio 2013, potrà essere visitata dal martedì alla domenica dalle ore 18.00 alle ore 20.30 e la domenica mattina dalle 10.30 alle 12.00


Fuori Luogo è una raccolta di fotografie inedite - realizzate da Luciano Puzzo - che parlano della metamorfosi e del processo di inesorabile trasformazione di tutti quegli oggetti che, abbandonati dall'uomo e a causa dell’inconsapevole intervento del mare e degli agenti atmosferici, diventano altro, perdendo l’originaria identità e funzione per consegnarsi alla reinterpretazione fotografica che li coglie, appunto, "fuori luogo".
Gli scatti (accompagnati da testi inediti scritti da Luciano e Gianluca Puzzo, rispettivamente padre e figlio) realizzati nell'arco di diversi inverni sugli arenili del litorale romano, ripropongono con forza e poesia all'attenzione dell’osservatore tutti quei temi di ecologia e salvaguardia dell'ambiente che rivestono un ruolo sempre più importante in seno alla società contemporanea. I testi assumono gradualmente sempre forme diverse, passando dal racconto breve che accompagna la sequenza fotografica di un orsetto giocattolo accarezzato dal mare, a una storia narrata in versi fino a brevissimi frammenti di parole in libertà che, lungi dall'essere delle semplici didascalie delle immagini, indagano con grande forza evocativa sull'essenza degli oggetti fotografati.
Fuori Luogo, che rappresenta senza dubbio alcuno un progetto artistico di grande interesse, capace di coinvolgere con energia attraverso il forte potere comunicativo della parola e della immagine, in un vortice incessante di sensazioni, propone dunque un connubio originale, una pregevole sintesi, tra fotografia, versi e testi. Questi non si presentano quali mere didascalie alle fotografie e le immagini non sono semplici illustrazioni dei testi. Fuori Luogo non è una mostra fotografica, né una sequenza di pensieri tradotti in parole. Fuori Luogo è sicuramente ben altro.
Tra la fine degli anni novanta e i primi anni duemila, Luciano Puzzo - eccellente fotografo e uomo dalla straordinaria sensibilità artistica - si ritrova a passeggiare lungo il litorale romano d’inverno in compagnia di una macchina fotografica con pellicola e zoom. Si imbatte, casualmente, in un percorso fotografico che in seguito si trasforma, grazie al fondamentale contributo e al dialogo costante con il figlio Gianluca, in un vero e proprio progetto culturale. L’iniziale, istintiva, intuizione di qualcosa diviene gradualmente strutturata ricerca: dall’incontro con un orsetto giocattolo naufragato, carezzato dalle onde del mare in seno ad un tempo dilatato, senza fine, nasce un nutrito corpus di fotografie. L’oggetto abbandonato, costante nel farsi ritrovare durante le settimane, da relitto inconsapevolmente smarrito o consapevolmente ripudiato, riesce a mettere in moto un processo emozionale, di immaginazione, di costruzione di una storia altra, nuova, forte e melanconica al tempo stesso, capace di rendergli il respiro, la vita (l’oggetto esanime diventa donna trascinata dal mare e dagli eventi).
Testi e immagini capaci di mettere in luce problemi sociali fortemente attuali, di indurre alla riflessione, di lasciare spazio all’immaginazione ed al fiorire delle emozioni.
Fuori Luogo è un lavoro intenso, denso di significati e aperto a numerose possibili interpretazioni, in cui quelle date dagli Autori costituiscono solo il punto di partenza verso le intime riflessioni del fruitore.
La mostra “Fuori Luogo” verrà presentata, in giugno, dall’Associazione Culturale Fotografica APF di Augusta e successivamente installata, nel mese di luglio, all’interno della prestigiosa libreria Elsa Morante di Ostia (sponsorizzata dal Comune di Roma).






Fuori Luogo - Notizie relative al volume.

1. Intro Fuori Luogo
Introduzione.

2. Storia Fuori Luogo - racconto con l'aggiunta di sei foto - narra della casuale scoperta da parte del fotografo (Luciano Puzzo) di un minuto orsetto di peluche venuto dal mare.
La prima sezione del volume contiene sei immagini che documentano il casuale ritrovamento del minuto orsetto arrivato dal mare e ritrovato, durante varie settimane successive alla “scoperta”, in posti diversi, come se fosse spostato da una mano sensibile desiderosa di portarlo in salvo e donargli una nuova vita. Le sei foto sono affiancate da un racconto breve capace di ricostruire e narrare in modo ora puntuale ora visionario gli incontri tra il fotografo ed il giocattolo: esperienza densa di sensazioni e riflessioni sui comportamenti umani.
Questo incontro e le riflessioni interiori da esso scaturite, hanno dato il via alla ricerca che ha portato Luciano Puzzo, per diversi inverni, sugli arenili del litorale romano. In definitiva, senza questo giocattolo venuto dal mare, non avrebbe avuto inizio la ricerca Fuori Luogo, né avrebbe preso corpo il progetto artistico tutto.
“Il caso, o la fortuna, vuole che io incontri oggetti, persone, storie e luoghi singolari che arricchiscono il mio io e di questo sono felice, anche se spesso mi provocano non poco turbamento”.
(Luciano Puzzo)

3. Versi Fuori Luogo (un racconto composto da 13 poesie scritte da Gianluca Puzzo ed accompagnate da 3 foto realizzate da Luciano).
La seconda sezione del volume, come lascia intuire il titolo stesso, contiene delle poesie: tredici frammenti che, come tessere di un mosaico, compongono una trama articolata (l’orsetto diventa una giovane ragazza migrante).
La storia d’amore tra la donna ed il pescatore che la salva dalle acque è accompagnata da tre grandi foto in bianco e nero raffiguranti elementi come le reti o il mare in tempesta che il lettore ritroverà nei versi.

4. Vite Fuori Luogo (circa 60 foto tutte accompagnate da testi scritti a quattro mani da Luciano e Gianluca Puzzo).
Le terza sezione di “Fuori Luogo” occupa oltre la metà del libro ed è composta da una lunga serie di doppie pagine, l’una indipendente dall’altra, in cui a ogni foto è affiancato un breve testo, suscitato agli Autori direttamente dall’immagine ma proiettato in un’altra dimensione concettuale.
E’ così, in un succedersi di ruote di bicicletta, bombolette spray, legni e oggetti di ogni genere, che l’espressione “Fuori Luogo” trova la propria piena compiutezza.

5. Luoghi Fuori Luogo
Piccolo spazio dedicato alle località dove sono state scattate le fotografie.

6. Autori Fuori Luogo
Contiene le biografie dei due Autori, appunto, padre e figlio.