Luce Resinanti

Milano - 12/04/2012 : 22/04/2012

Mostra personale di Luce Resinanti, un’artista milanese che crea immagini e atmosfere dai materiali solitamente considerati “di scarto”.

Informazioni

Comunicato stampa

A Milano, il 12 aprile alle ore 19, presso La Casa di Vetro di via Luisa Sanfelice 3 si inaugura la mostra di Luce Resinanti, un’artista milanese che crea immagini e atmosfere dai materiali solitamente considerati “di scarto”. Ecco allora che dalla sovrapposizione di scampoli di stoffe diverse si formano le curve morbide di un ramo in un campo di carta dorata, fili di cotone conducono leggeri al formarsi di delicati equilibri, pezzetti di carta si accompagnano con nastri e stagnola per comporre lo scorrere del tempo

In esposizione le opere per formare un cammino, il racconto di come assapora il mondo, con serenità e grazia, dove il colore è ingentilito dalla luce che riporta al suo nome.

LUCE RESINANTI - Vive a Milano, dove -come lei stessa dice- “lavoro con fili, carte di cioccolatino, imballaggi vari, stagnola. Mi piacciono i materiali riflettenti, ori, argenti, madreperla ... ritaglio e ri-assemblo, snaturo e trasfiguro, forse nobilito”.
Luce Resinanti gioca con la soglia tra realtà e quadro. I suoi lavori danno alla superficie e alla materia la simbolicità del quadro, ma senza sottrarre loro le proprietà tattili, luminose e spaziali che le costituiscono come oggetti reali. C’è tutta una tradizione, quella del collage, che lavora su questo dualismo irrisolto (e d’altra parte, uno dei filoni più problematici dell’arte del ‘900 è proprio quello che indaga il rapporto con l’archetipo del “quadro): linguaggio –perché di linguaggio si tratta– costruito con pezzi di realtà, immediatamente riconoscibili. Tuttavia, il suo lavoro si discosta da questa tradizione nel momento in cui non fa del «pezzo di realtà» un uso esclusivamente linguistico (la carta di giornale che «sta al posto di …»), ma piuttosto strutturale, in senso costruttivista: è l’inserto materico che crea la forma, che suggerisce nella sua interezza il mondo simbolico del quadro. Il materiale tratto dalla realtà porta innanzitutto suggestioni poetiche, vede attivata nel suo nuovo utilizzo quella bellezza che, nella funzionalità del quotidiano, non era quasi lecito notare. La carta del cioccolatino, che amiamo in quanto tale perché ci segnala la presenza del suo contenuto, e che ingratamente gettiamo via una volta soddisfatta la voglia, assume una nuova, autonoma dignità; da mezzo (o strumento) si fa oggetto del nostro sguardo.

LA CASA DI VETRO – Nei locali di via Sanfelice n.3 la “Casa di Vetro” si propone come centro di attività culturali e scientifiche dedicato al mondo delle donne e delle professioni. Promotrice de la Casa di Vetro è la dr.ssa Maria Cristina Koch, saggista, epistemologa, psicologa, psicoterapeuta, specialista in psicologia clinica e delle dipendenze, trainer in Programmazione Neuro Linguistica, esperta in comunicazione, consulente di enti pubblici. Ospite di numerosissimi convegni, ha partecipato spesso come opinionista a trasmissioni televisive come Samarcanda, Tempo Reale, Moby Dick, Costanzo Show, Unomattina, Cominciamo Bene, Sfera.

EFF&CI – FACCIAMO COSE – Siamo un gruppo di persone che pensa al lavoro come ad un momento di condivisione di idee e di energie. Abbiamo creato Eff&Ci per realizzare uno spazio dove sia possibile a tanti crescere e sperimentare, forniamo servizi a chi opera nella cultura e nel sociale, come enti pubblici e associazioni. Abbiamo inaugurato la nostra attività con “la storia di Francesca” di Isabel Lima contro la violenza sulle donne, abbiamo curato e allestito mostre fotografiche, di sculture, collaborato all’organizzazione di eventi e convegni occupandoci sia di promozione e comunicazione che del supporto tecnico. Proponiamo agli artisti emergenti, che cercano luoghi per farsi conoscere, dal semplice supporto alle loro esigenze espositive fino alla progettazione, cura, allestimento e promozione delle loro mostre.