Luca Panaro – Tre strade per la fotografia

Firenze - 24/10/2011 : 24/10/2011

Il nuovo libro di Luca Panaro Tre strade per la fotografia, appena pubblicato da APM Edizioni, sarà presentato al pubblico in una serie di incontri, nei quali l’autore dialogherà con curatori e esperti di fotografia di diverse città italiane. A Firenze, presso la libreria Feltrinelli di Via de’ Cerretani 30r, Luca Panaro incontrerà il pubblico in un interessante dialogo con Lorenzo Giusti, curatore di EX3 Firenze.

Informazioni

Comunicato stampa

Intervengono
Lorenzo Giusti (Curatore EX3 Firenze)
Luca Panaro (autore)
Il nuovo libro di Luca Panaro Tre strade per la fotografia, appena pubblicato da APM Edizioni, sarà presentato al
pubblico in una serie di incontri, nei quali l’autore dialogherà con curatori e esperti di fotografia di diverse città
italiane. A Firenze, presso la libreria Feltrinelli di Via de’ Cerretani 30r, Luca Panaro incontrerà il pubblico in un
interessante dialogo con Lorenzo Giusti, curatore di EX3 Firenze, lunedì 24 ottobre alle 18


In questo saggio Luca Panaro individua, fra le molte strade percorse dalla fotografia contemporanea, quelle che
meglio si fanno interpreti del nostro tempo: l'«archivio» inteso come “forma simbolica” e come luogo da cui
prelevare fotografie preesistenti depositarie di significati ancora da scoprire (Andy Warhol, Gerhard Richter, Franco
Vaccari); la «realtà» come spettacolo quotidiano che si svolge all'interno delle quattro mura domestiche come nei
reality televisivi (Larry Clarke, Nan Goldin, Sophie Calle); la «finzione» come documentazione di mondi fittizi che
soltanto il mezzo fotografico può trasformare in future verità (James Casebere, Thomas Demand, Luigi Ghirri).
Le tre strade per la fotografia che Panaro suggerisce nei capitoli del libro si possono estendere ad altre espressioni
artistiche, come la video-arte, il cinema sperimentale, o i cosiddetti new media.
1. L'archivio come forma simbolica
Panaro parla dell'archivio come “forma simbolica” di un'epoca passata, ma che in un certo senso stiamo in parte
ancora vivendo. Oggi migliaia di artisti in tutto il mondo prelevano fotografie e video e le riutilizzano per dare vita a
nuove opere d'arte. L'autore rintraccia l'origine di questo fenomeno indicando quali artisti nel secolo scorso hanno
introdotto il prelievo di un oggetto oppure di un'immagine come atteggiamento artistico. Spiegando in che modo
questo possa essere l'elemento che accomuna cento anni di storia dell'arte, dalle avanguardie d'inizio Novecento
fino all'epoca attuale.
2. La realtà come spettacolo quotidiano
Parlare di realtà a proposito della fotografia può sembrare banale, vista la specificità del mezzo a cui ci riferiamo e
la sua apparente vicinanza al vero, risulta pertanto necessario individuare una sottocategoria per proporre una
discussione seria sull'argomento. In questo caso l'interesse di Panaro è caduto sulla spettacolarizzazione della vita
quotidiana che ormai da tempo contraddistingue la nostra società, ma nello specifico su quegli artisti che hanno
rivolto l'obiettivo su loro stessi e sulla piccola comunità d'individui a cui appartengono, in una visione intima e
condivisa. Ma si tratta di una realtà però che da un momento all'altro può trasformarsi in spettacolo, a prescindere
dal grado di consapevolezza dei partecipanti.
3. La finzione come futura verità
La fotografia ha sempre mentito e sempre lo farà. Ancora oggi però ci stupiamo quando questo accade,
nonostante l'affermarsi delle tecnologie di matrice informatica lascerebbe pensare il contrario. Ma in che modo
l'immagine mente? Ci sono tante occasioni per fingere utilizzando la fotografia. Evitando di parlare di alcuni autori
della cosiddetta staged photography, uno dei generi più fortunati della scena artistica statunitense degli ultimi
decenni, Panaro ha trovato invece più interessante approfondire la conoscenza di quegli autori che hanno rivolto
una particolare attenzione alla ricostruzione di ambienti architettonici. Situazioni che possiamo già considerare
finzione prima ancora di essere trasformate in fotografia, ma che necessitano di quest'ultimo passaggio per mutare
una momentanea bugia in futura verità.
CENNI BIOGRAFICI
Luca Panaro è nato a Firenze nel 1975. Laureato in Arte al DAMS dell'Università di Bologna, dal 2007 insegna al
Biennio specialistico di Fotografia dell'Accademia di Belle Arti di Brera e dal 2005 collabora con il Laboratorio Arti e
Comunicazione Visiva del Politecnico di Milano, sede di Piacenza. Ha pubblicato il libro L'occultamento
dell'autore (APM, 2007). Tra le sue opere più recenti: Realtà e finzione nell'arte contemporanea in Aa. Vv., XXI
Secolo - Gli spazi e le arti (vol. 4, Enciclopedia Treccani, Roma 2010) e Community. La ritualità collettiva prima e
dopo il web (Electa-Mondadori, Milano 2010). Ha curato volumi monografici di Olivo Barbieri, Mario Cresci, Bruno
Munari e Franco Vaccari. Attualmente scrive su «Arskey» e «Flash Art».
APM Edizioni
Tre strade per la fotografia di Luca Panaro, si inserisce nell’interessante proposta editoriale della casa editrice
APM. Un nome che ha le sue radici nella storia della città di Carpi (MO), l’acronimo di Aldo Pio Manuzio, tutore e
stampatore del principe di Carpi Alberto III Pio (XV secolo) e ritenuto il primo editore in senso moderno. APM ha
infatti un’eredità storica lunga secoli e la sua storia si snoda attraverso i fatti del passato della città carpigiana. Oggi
si propone al pubblico con un’offerta editoriale specializzata in volumi su arti visive, fotografia, architettura,
illustrazione, cataloghi di mostre e pubblicazioni d’arte di pregio. Tra le recenti pubblicazioni: Mario Cresci. Dentro
le cose, Olivo Barbieri. Selected works 1978-2010, Fantasia esatta. I colori della luce di Bruno Munari.