Luca Armigero – Zone d’ombra

Piacenza - 10/05/2014 : 14/06/2014

L'installazione Zone d'ombra si presenta come un ambiente caratterizzato dalla presenza di vecchi lampadari logorati rimessi in luce che l'artista ha rinvenuto in siti disabitati come case rurali, cascinali, antichi palazzi signorili ed edificazioni orfane del proprio tempo.

Informazioni

  • Luogo: PLACENTIA ARTE
  • Indirizzo: Via Giovanni Battista Scalabrini 116 - Piacenza - Emilia-Romagna
  • Quando: dal 10/05/2014 - al 14/06/2014
  • Vernissage: 10/05/2014 ore 18
  • Autori: Luca Armigero
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

L'installazione Zone d'ombra si presenta come un ambiente caratterizzato dalla presenza di vecchi lampadari logorati rimessi in luce che l'artista ha rinvenuto in siti disabitati come case rurali, cascinali, antichi palazzi signorili ed edificazioni orfane del proprio tempo



Armigero opera un attraversamento temporale all'interno del quale la tradizione, la memoria e la coscienza del passato si ricongiungono a quelle del tempo presente ed i relitti dei lampadari sedimentati da anni in labirinti inimmaginabili di ragnatele, fili elettrici, lumini appesi ed interruttori rievocano un'eredità immateriale, in relazione alle immagini fotografiche desolate che ritraggono la collocazione originaria degli stessi lampadari in un'elegia di sottrazioni e riempimenti.

Attraverso una soppesata sistemazione dei lampadari nello spazio i manufatti, indelebilmente coperti di polvere e divenuti oggetto di degrado e de-funzionalizzazione che li ha resi non più utilizzabili o sotto-utilizzabili, vengono reinseriti in una condizione anomala di uso e funzionamento che ne palesa la non appartenenza all'ambiente.

L'autore dunque esclude tali oggetti, definiti simbolicamente in quanto corpi illuminanti, dalla distruzione e dalla perdita, e li preserva da quell'appassimento che è prodotto stesso di un'esistenza apparentemente piena di luce ma comprendente in realtà vaste zone d'ombra.

Le visioni di luce artificiali fanno breccia nel pragmatismo opaco e senza orizzonte della moderna società dei consumi. Luci che scalfiscono l'oscurità che condanna ad una inutile devastazione ambientale intere aree urbane e rurali ed assurgono a simbolo dell'abbandono e dell'esclusione che è propria della condizione umana in generale.