Lento processo e materia – Cultura di Carta

Roma - 24/10/2011 : 07/11/2011

Lento processo e materia – Cultura di Carta rappresenta il secondo appuntamento del progetto Lento processo e materia, ideato e curato da Emanuele Rinaldo Meschini e presentato per la prima volta il 21 luglio 2011 a Firenze, presso la Simboli Art Gallery.

Informazioni

Comunicato stampa

Lento processo e materia nasce dall’esigenza di unire l’esperienza espositiva a quella laboratoriale attraverso una performance continua. Lo scopo del progetto è, infatti, quello di mostrare allo stesso tempo opere già realizzate dai tre artisti, che spaziano dalla pittura alla video arte, attraversando la scultura, ed opere in realizzazione. Pertanto, lo spazio espositivo non verrà usato solo come luogo di presentazione, bensì come un reale laboratorio creativo nel quale gli artisti si troveranno ad operare


Durante la performance, gli artisti Ruggero Baragliu, Paolo Scarfone e Marialuna Storti lavoreranno ai telai seguendo il tradizionale metodo di realizzazione della carta, dalla cellulosa al foglio finito. Ognuno di questi fogli verrà successivamente modellato o scritto.
A Roma Lento processo e materia – Cultura di Carta, si vuole focalizzare con decisione sul concetto di costruzione della cultura.
Così come il sapere può essere considerato un processo di “accumulo”, il progetto si propone di riempire lo spazio espositivo sia con le opere già realizzate da Baragliu, Scarfone e Storti, sia con quelle create con la carta durante le due settimane performative.

Cultura di carta rappresenta l’evento collaterale del progetto Lento processo e materia e si basa su un ciclo di seminari e conferenze creando, all’interno della mostra, uno spazio comunicativo nel quale verrà dibattuta l’importanza di una cultura che trova la sua specificità nel confronto e nelle differenze.

Mercoledì 2 novembre, ore 17:00
Nobushige Akiyama
La carta nella cultura giapponese
L’artista e maestro Nobushige Akiyama affronterà il tema dell’importanza della carta nella tradizione giapponese attraverso una dimostrazione pratica. Il maestro infatti trasferirà il suo studio, con strumenti e telai tipici, all’interno dello spazio espositivo e realizzerà della carta appositamente per la mostra in corso.

Venerdì 4 novembre, ore 17:00
Luca Marchetti, docente di estetica all’Università La Sapienza di Roma
Il linguaggio ed il discorso contemporaneo dopo Arthur C. Danto
Basandosi sulle riflessioni del filosofo d’arte Arthur C. Danto, riguardo un’arte post-storica che ricomincia a riscrivere il suo linguaggio, l’intervento intende porre in evidenza la difficoltà del linguaggio artistico contemporaneo orientato sempre più ad una sua autoreferenzialità. Qual è la condizione della critica artistica oggi? Come si può analizzare l’arte contemporanea? Qual è il linguaggio dell’arte contemporanea?

Lunedì 7 novembre alle ore 17:00
Antonio Di Gennaro (Napoli)
Aforismi di carta: Emil Cioran.
La terza e ultima lezione sarà dedicata al filosofo romeno-parigino Emil Cioran (1911-1995). Partendo dalla lettura di alcuni aforismi, verranno discussi gli aspetti più importanti del suo pensiero, in costante riferimento allo sviluppo della filosofia contemporanea.
Al termine dell’intervento, seguirà una performance artistica di Baragliu, Scarfone e Storti, che realizzeranno opere in carta, nate dal confronto con l’esperienza concettuale e “patica” del pensatore di Sibiu.

Ruggero Baragliu, Nuoro 1987, vive e lavora a Roma.
Il suo linguaggio artistico si basa su una forte matericità riscontrabile sia nei lavori su carta che negli oli. In molte delle sue opere, il mito della Sardegna rivive e si rafforza in composizioni dalla salda struttura.

Paolo Scarfone, Catanzaro 1989, vive e lavora a Roma.
La sua poetica è incentrata sulla parola, sulla ricerca in ogni sua opera della costruzione di un dialogo non narrativo. Le sue sculture si basano sui giochi di contrasto e trovano vita dal rapporto tra pieni e vuoti, rumori e silenzi.

Marialuna Storti, Roma 1984, vive e lavora a Roma.
La sua ricerca attraversa instancabile differenti mezzi artistici sviluppandosi dalla pittura alla performance alla video arte. Il suo percorso è fortemente teso alla ricerca di un risultato che non sia già conosciuto.