Le Crociate non finiscono. Medioevo contemporaneo

Rivoli - 02/02/2017 : 02/02/2017

In occasione della retrospettiva dedicata a Wael Shawky, uno dei più importanti esponenti arabi dell’arte contemporanea, il Castello di Rivoli propone una giornata di approfondimento sul tema delle Crociate e la loro relazione con l’attualità.

Informazioni

Comunicato stampa

In occasione della retrospettiva dedicata a Wael Shawky, uno dei più importanti esponenti arabi dell’arte contemporanea, il Castello di Rivoli propone una giornata di approfondimento sul tema delle Crociate e la loro relazione con l’attualità.
La mostra presenta le principali opere di Shawky, tra cui la trilogia completa di Cabaret Crusades (2010-2015), una serie di film che, attingendo a fonti storiche originali, raccontano la storia delle Crociate dal punto di vista arabo. Queste opere travalicano le più tradizionali nozioni sullo scontro di civiltà tra mondo occidentale e culture islamiche


La giornata di approfondimento curata da Marcella Beccaria, Le Crociate non finiscono. Medioevo contemporaneo, vedrà l’intervento degli storici Franco Cardini, massimo esperto in Italia di Storia delle Crociate, e Giuseppe Sergi, autore di fondamentali studi sulla Via Francigena, insieme a Giovanni Leghissa, filosofo esperto di storia delle religioni e culture.

In occasione degli incontri sarà presentato il nuovo catalogo, a cura di Carolyn Christov-Bakargiev e Marcella Beccaria, dedicato all’artista.
Il catalogo Wael Shawky, pubblicato dal Castello di Rivoli per i tipi di Skira, Milano, include un nuovo progetto d’artista nella forma di disegni realizzati in dialogo con il saggio di Heinrich von Kleist Sul teatro delle marionette (1810), nuovi contributi critici di Carolyn Christov-Bakargiev e Laura Marks, nonché una conversazione di Marcella Beccaria con Shawky. Oltre a inediti materiali d’archivio relativi alla produzione filmica del ciclo Cabaret Crusades, per la prima volta il catalogo presenta una cronologia scientifica delle mostre e relative opere ad oggi realizzate e una ricca sezione di testi antologici.


Franco Cardini
Professore Emerito presso l’Istituto Italiano di Scienze Umane (Sum) e membro del Consiglio scientifico della Scuola Superiore di Studi Storici di San Marino, è inoltre Direttore di Ricerca nell’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi e Fellow della Harvard University. Dopo la Laurea in Lettere presso l’Università di Firenze nel 1966, assume l’incarico di Professore di Storia Medievale nella stessa Università e, nel 1985, Professore Associato e Ordinario all’Università di Bari; nel 1989 ottiene la cattedra di Storia Medievale a Firenze. Il campo di studi principale di Cardini è quello della storia delle Crociate, affrontato a partire da scritti cristiani e arabo-islamici.
Dal 1994 al 1996 è stato membro del Consiglio d’Amministrazione della RAI. È socio di numerose organizzazioni scientifiche italiane e straniere e ha ottenuto molti riconoscimenti per i suoi studi accademici, tra cui si ricorda l’elezione ad Accademico Ordinario dell’Accademia delle Arti del Disegno di Firenze.

Giovanni Leghissa
Giovanni Leghissa (Trieste, 1964) è Professore Associato presso il Dipartimento di Filosofia e Scienze dell’educazione dell’Università di Torino. Redattore di aut aut, direttore della rivista online di filosofia Philosophy Kitchen. Tra le sue pubblicazioni: Neoliberalismo. Un’introduzione critica (Mimesis, Milano 2012). Postumani per scelta. Verso un’ecosofia dei collettivi (Mimesis, Milano 2015). The Origins of Neoliberalism (Routledge, London 2016, con Giandomenica Becchio). Ha curato, con Enrico Manera, il volume Filosofie del mito nel Novecento (Carocci, Roma 2015).

Giuseppe Sergi
Professore emerito di Storia medievale nell’Università di Torino. È consigliere del Centro Italiano di Studi sull’Alto Medioevo di Spoleto, direttore del Bollettino storico-bibliografico subalpino e socio nazionale dell’Accademia delle Scienze di Torino. Fa parte della direzione di Historia Magistra. Rivista di storia critica (Milano), dei comitati scientifici del Bullettino dell’Istituto storico italiano per il Medio Evo (Roma), della Bibliotheca Michaelica (Bari) e del Coordinamento di redazione de L’indice dei libri del mese. È stato responsabile dell’allestimento della sezione medievale del Museo delle Alpi di Bard e del Museo Torino. Ha presieduto il comitato scientifico delle mostre Carlo Magno e le Alpi (Susa, 2006) e La scoperta delle Alpi (Torino, Bardonecchia, Susa, Exilles, 2008). Consulente della casa editrice Einaudi per vent’anni, ha promosso nel 2002 la riedizione aggiornata degli Storici arabi delle crociate. Nel 1981, con il volume Potere e territorio lungo la strada di Francia (Liguori), ha rinnovato l’interesse della medievistica per la via Francigena. Il suo libro L’idea di medioevo (1998, 2005) è stato tradotto in Francia e in Spagna. In Spagna sono stati tradotti anche i 4 volumi di Arti e storia nel medioevo (Einaudi, 2002-2004) da lui curati con Enrico Castelnuovo. Si è occupato di metodi e storiografia in Antidoti all’abuso della storia (Liguori, 2010) e in Soglie del medioevo (Donzelli, 2016).

Programma:
Moderatore Marcella Beccaria
Ore 10.30 Le Crociate e l’uso della storia. Tra Oriente e Occidente e tra il presente e il passato, Lecture di Franco Cardini
Ore 14 Pellegrini e armati sulle strade medievali: storia e memoria, Lecture di Giuseppe Sergi
Ore 15 Storie mediterranee. L’interpretazione della storia tra religione e politica Lecture di Giovanni Leghissa