L’architetto comunale Gioacchino Ersoch

Roma - 13/05/2015 : 13/05/2015

Nel corso dell’appuntamento verranno ricostruiti gli studi recenti su Gioacchino Ersoch (Roma, 1815-1902) e sulla sua produzione confluiti nel volume Gioacchino Ersoch Architetto Comunale (Palombi Editore, Roma 2014).

Informazioni

  • Luogo: MUSEO DI ROMA IN TRASTEVERE
  • Indirizzo: Piazza S. Egidio 1B - Roma - Lazio
  • Quando: dal 13/05/2015 - al 13/05/2015
  • Vernissage: 13/05/2015 ore 16
  • Generi: incontro – conferenza
  • Uffici stampa: ZETEMA

Comunicato stampa

Palazzi, mercati, cimiteri, il famoso Mattatoio di Testaccio, progetti per il Pincio e per il verde. E ancora: macchine pirotecniche, monumenti, lampioni ed elementi di arredo della città.
Una sola firma, Gioacchino Ersoch - architetto, urbanista, inventore – la cui molteplice produzione ha segnato nell’arco di oltre quarant’anni la fisionomia e l’evoluzione della città, da Pio IX all’unità d’Italia



Tra fascino e storia, la figura e il lavoro dell’eclettico responsabile dell’Ufficio municipale di edilizia pubblica Ersoch, saranno approfonditi nell’incontro “L’architetto comunale GIOACCHINO ERSOCH”, mercoledì 13 maggio, alle ore 16 e con ingresso gratuito, al Museo di Roma in Trastevere.

A cura e con l’intervento di autorevoli storici dell’arte-curatori di Sovrintendenza e storici dell’architettura: Nicoletta Cardano, Alessandro Cremona, Claudio Crescentini, Laura Francescangeli, Claudio Impiglia, Massimo Pentiricci, Eleonora Ronchetti, Elisabetta Ronchini

Nel corso dell’appuntamento verranno ricostruiti gli studi recenti su Gioacchino Ersoch (Roma, 1815-1902) e sulla sua produzione confluiti nel volume Gioacchino Ersoch Architetto Comunale (Palombi Editore, Roma 2014), con informazioni utili alla conoscenza del lavoro, dell’abilità tecnica, della creatività di questo geniale architetto e offrendo spunti di approfondimento per la lettura della città e della sua storia nella seconda parte dell’Ottocento.
Noto soprattutto per la realizzazione del Mattatoio a Testaccio (1888-1891), opera ingegneristica d’avanguardia, conosciuta a livello europeo, Ersoch ha realizzato nell’ambito della sua attività municipale progetti di edifici e servizi pubblici in Roma e nel Lazio e ha definito il volto e il decoro della città attraverso la progettazione di elementi di arredo, dagli apparecchi di illuminazione alle fioriere, alle cancellate. Di particolare interesse sono anche i suoi progetti per l’edilizia privata.
Rintracciare le sue architetture nella città contemporanea è un occasione per una lettura del tessuto urbano e della sua storia sotto il profilo dell’architettura industriale, delle strutture di servizio e funzionali, dell’arredo urbano.


A celebrare il bicentenario della nascita dell’architetto anche una mostra, preziosa e multidisciplinare: “Gioacchino Ersoch (1815 – 1902). Un architetto per Roma Capitale”, ospitata al Museo di Roma Palazzo Braschi dal 16 maggio al 20 settembre 2015.
Con opere e documenti provenienti dalle collezioni del Museo di Roma, dall’Archivio Storico Capitolino e dall’Archivio Gianfranco Ersoch, l’esposizione propone una serie di progetti e disegni dell’architetto romano, in parte inediti, accompagnati da dipinti e fotografie d’epoca.
Affrontando tematiche differenti, la mostra ricostruisce la carriera, le idee e la pratica dell’architetto, anche attraverso l’esposizione di alcuni dei suoi strumenti di lavoro, e testimonia la capacità di Ersoch di rispondere creativamente alle esigenze di una città in evoluzione, spaziando dall’architettura civile a quella funzionale.


L’appuntamento chiude il programma 2014-15 di “EDUCARE ALLE MOSTRE, EDUCARE ALLA CITTÀ” - ciclo di approfondimenti ragionati su archeologia, trasformazioni urbane, musica, scienza, arte contemporanea e condotti da Direttori e curatori di museo, docenti universitari - promosso da Assessorato alla Cultura e al Turismo - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali, in collaborazione con Zètema Progetto Cultura