Land Art al Furlo 2014

Fossombrone - 23/08/2014 : 21/09/2014

Cinquanta artisti provenienti da tutta Italia si ritroveranno in un bosco, sul fume, a mostrare le loro opere ispirate al tema: Limo.

Informazioni

Comunicato stampa

Cinquanta artisti provenienti da tutta Italia si ritroveranno in un bosco, sul fume, a mostrare le loro opere ispirate al tema: LIMO. E' la V edizione della LAND ART AL FURLO, nelle Marche, una mostra sotto il cielo tra sculture, installazioni, performance, concerti, incontri, video, reading poetici. Dice la curatrice artistica, Alice Devecchi, docente urbinate di Arte Contemporanea: “ LIMO come fertilità, eredità, sedimento, un'onda creativa che “allagherà” il borgo antico di Sant'Anna, a Fossombrone, nella selvaggia e bellissima Gola del Furlo”

Per un mese, dal 23 agosto al 21 settembre, si svolgerà la famosa Passeggiata d'Arte, (ingresso libero, tutti i giorni dalle 10 alle 19) organizzata dall'associazione culturale no-profit LA CASA DEGLI ARTISTI che ospita gratuitamente tutti i partecipanti non marchigiani. Una associazione cresciuta nel tempo, unica realtà marchigiana, che ha ottenuto quest'anno l'iscrizione allo SPAC (sistema provinciale di arte contemporanea), a cui è stato dedicato un saggio: “Il Parco Museo Sant'Anna del Furlo” per le Edizioni Aras, che verrà presentato il 24 agosto. I visitatori potranno incontrare gli artisti e toccare con mano le opere all'aperto: antichi sedimenti, relitti fantastici, ninfee, sabbie, ceramiche, terre crude, e ancora, nidi di fiume, sculture in legno e in ferro, assistere alla performance dedicata alla dea Hathor, divinità egizia della grande inondazione. Un omaggio alla “piccola inondazione” che avverrà con gli studenti urbinati dell'Accademia di Belle Arti e dell'ISIA, una felice novità voluta dalla giovane curatrice Devecchi. Non mancheranno le poesie, la musica delle piante, i concerti per flauto e arpa. Un LIMO fertile che lascerà un seme grazie all'attesa performance del MAAM di Roma che sceglie solo i luoghi italiani dove si esprime la Cultura Indipendente, come a Sant'Anna del Furlo.