La formazione dell’uno

Cosenza - 09/11/2011 : 27/11/2011

La mostra espone centocinquanta opere di artisti contemporanei che hanno elaborato personali declinazioni sul divenire di un processo unitario ancora in fieri, utilizzando come traccia linguistica la riproduzione della storica bandiera dei fratelli Attilio ed Emilio Bandiera, vittime eroiche del processo unitario, nei suoi contorni ideali e rivoluzionari.

Informazioni

Comunicato stampa

LA FORMAZIONE DELL’UNO
150 artisti per l’Unità d’Italia
Galleria Nazionale di Cosenza
Cosenza – Palazzo Arnone 9 /27 novembre 2011
Inaugurazione 9 novembre 2011– Ore 18.00

Mercoledì 9 novembre prossimo, alle ore 18.00, a Cosenza, Palazzo Arnone, la Soprintendenza per i Beni Storici, Artistici ed Etnoantropologici della Calabria, diretta da Fabio De Chirico e VERTIGO ARTE presentano la mostra LA FORMAZIONE DELL’UNO - 150 artisti per l’Unità d’Italia, a cura di Fabio De Chirico, Mimma Pasqua e Franco Gordano


Essa nasce da un’idea progettuale di Mimma Pasqua e Franco Gordano nell’ambito della V edizione di [email protected], rassegna d’arte annuale itinerante.
La mostra espone centocinquanta opere di artisti contemporanei che hanno elaborato personali declinazioni sul divenire di un processo unitario ancora in fieri, utilizzando come traccia linguistica la riproduzione della storica bandiera dei fratelli Attilio ed Emilio Bandiera, vittime eroiche del processo unitario, nei suoi contorni ideali e rivoluzionari.
Gli artisti, assai noti e di nazionalità anche straniera, hanno inteso narrare la complessa e controversa storia sottesa all’Unità d’Italia, secondo un’interpretazione originale e del tutto personale, a volte polemica e comunque partecipe del vivace dibattito che oggi attraversa la politica e la cultura.
La rassegna suggerisce gli esiti di ricerche estetiche contemporanee in una sorta di armonia “sinfonica” dettata dall’unitarietà del tema a forte valenza emozionale e a cui si accompagna lo straordinario effetto visivo dato dalla riproposizione incalzante del tricolore.
La scelta di ospitare la mostra a Cosenza nelle sale espositive della Galleria Nazionale di Cosenza, non certo casuale per le vicende che hanno visto la città protagonista nella storia dell’Unità d’Italia, si inserisce nell’attività di programmazione della Soprintendenza BSAE della Calabria che intende valorizzare gli ambiti di ricerca del contemporaneo, inserendosi in quel programma di rivalutazione, promozione e valorizzazione dell’arte moderna e contemporanea che da tempo caratterizza le scelte culturali degli Istituti del MiBAC.
Parteciperanno all’inaugurazione: Fabio De Chirico, soprintendente BSAE Calabria; Mario Occhiuto, sindaco di Cosenza; Maria Francesca Corigliano, assessore alla Cultura della Provincia di Cosenza; Franco Gordano, direttore di VERTIGO ARTE; Ghislain Mayaud, docente Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria; Mimma Pasqua, critico d’arte. Giulia Fresca, giornalista, modererà i lavori. Durante la serata ad affiancare la visione delle opere letture risorgimentali a cura di Alessandra Romeo, docente UNICAL.
A corredo della rassegna la monumentale scultura in bronzo raffigurante Il guardiano di Bizhan Bassiri, artista di origine persiana che vive e opera a Roma e nella provincia di Siena, che nella prestigiosa cornice di Palazzo Arnone non solo è di forte impatto visivo, per le iridescenze luministiche della materia, ma sembra dialogare con l’architettura circostante nella quale si inserisce a vigilare sulla “costituzione italiana”.
Sempre nell’ambito dell’iniziativa [email protected], venerdì 18 novembre, alle ore 18.00, verrà presentato a Cosenza, Palazzo Arnone dopo il MAXXI di Roma, il volume BIZHAN BASSIRI. La caduta delle meteoriti, a cura di Bruno Corà.