La fine del mondo

Torino - 18/12/2012 : 03/03/2013

L’approfondimento culturale, ideato e prodotto da BasicNet, è stato realizzato con il patrocinio della Regione Piemonte e grazie alla collaborazione del Museo Regionale di Scienze Naturali e del Planetario di Pino Torinese (Infini.to).

Informazioni

Comunicato stampa

Martedì 18 dicembre, alle ore 18,30, presso il Museo Regionale di Scienze Naturali (via Giolitti 36, Torino) – a poche ore dall'Apocalisse prevista dal calendario Maya per il 21 dicembre 2012 – Marco Boglione, fondatore e presidente di BasicNet, e Michele Coppola, assessore alla Cultura e alle Politiche giovanili della Regione Piemonte, inaugurano l’approfondimento culturale “La fine del mondo”. La mostra, allestita nella sala dell'Arca del museo, sarà aperta al pubblico dal 18 dicembre 2012 al 20 gennaio 2013 (lunedì-domenica 10-19; chiusa il martedì)


L’approfondimento culturale, ideato e prodotto da BasicNet, è stato realizzato con il patrocinio della Regione Piemonte e grazie alla collaborazione del Museo Regionale di Scienze Naturali e del Planetario di Pino Torinese (Infini.to).
Dal 19 al 21 dicembre (ore 19), inoltre, al Parco Astronomico di Pino Torinese si terranno tre appuntamenti di approfondimento con scrittori e scienziati, con spettacoli in Planetario.

Perché crediamo ai Maya?
Nonostante la scienza sia ormai entrata ampiamente nelle abitudini culturali della nostra società, il tema “La fine del mondo” resta ancora una zona franca, un luogo dove tutti sembrano perdere i riferimenti che, da Galileo, ci accompagnano nella presa di coscienza del mondo in cui viviamo. Sulla fine del mondo, dunque, in molti hanno costruito e costruiscono una propria teoria, trovando a turno il favore del pubblico. Da sempre, antiche culture (come i Maya), profeti, pseudoscienze, sette religiose e autori di fantascienza propongono modelli fantasiosi su questo evento, indicando date suggestive e disegnando scenari catastrofici.
Attraverso preziosi cimeli, filmati e immagini proveremo innanzitutto ad ascoltare la voce della scienza, scoprendo cosa dicono i biologi, gli astronomi e i geologi. Quando si spegnerà il Sole? Sono davvero così minacciose le meteoriti? L’Homo Sapiens potrebbe un giorno essere rimpiazzato da una specie più forte?
Daremo poi spazio ai Maya, alle religioni, alla fantascienza e a tutte quelle culture che si sono espresse con estrema fantasia su questo evento tanto temuto dagli uomini. Troveremo libri sacri, film d’autore e oggetti-simbolo capaci di evocare ed esorcizzare la fine del mondo.


BasicNet SpA è la società proprietaria dei brand Kappa®, Robe di Kappa®, Jesus® Jeans, Lanzera®, Superga®, K-Way®, AnziBesson® e Sabelt®, marchi leader nell’abbigliamento, calzature e accessori per lo sport e il tempo libero. BasicNet opera nel mondo attraverso un network di imprenditori che, su licenza, producono o distribuiscono i prodotti a marchi del Gruppo. A questi, BasicNet fornisce servizi di ricerca e sviluppo, industrializzazione dei prodotti e marketing globale. Tutti i processi aziendali avvengono unicamente attraverso Internet, fatto che rende BasicNet una vera e propria “fully web integrated company”. BasicNet, con sede a Torino, è quotata alla Borsa italiana dal 1999.