La Bellezza nella Parola

Milano - 04/11/2011 : 22/12/2011

Accanto a capolavori d’arte sacra di àmbito lombardo, per la prima e unica volta, saranno presentate la ‘coperta’ e le 73 tavole realizzate da artisti contemporanei quali Nicola De Maria, Mimmo Paladino, Ettore Spalletti, Giovanni Chiaramonte, Nicola Samorì e Nicola Villa, che illustrano il sacro volume liturgico. In mostra, l’Evangeliario di Paolo VI che è stato posto sulla bara del beato Giovanni Paolo II, il giorno delle sue esequie.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO REALE
  • Indirizzo: Piazza Del Duomo 12 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 04/11/2011 - al 22/12/2011
  • Vernissage: 04/11/2011 ore 18
  • Autori: Mimmo Paladino, Nicola Samorì, Nicola de Maria, Giovanni Chiaramonte, Ettore Spalletti, Nicola Villa
  • Generi: documentaria, arte antica, arte contemporanea, collettiva
  • Orari: 5 novembre - 8 dicembre 2011 (Palazzo Reale) 5 novembre - 22 dicembre 2011 (Galleria San Fedele) Milano, Palazzo Reale, Piazza Duomo 12 orari di apertura: lunedì dalle 14.30 alle 19.30; martedì, mercoledì, venerdì, domenica dalle 9.30 alle 19.30; giovedì e sabato dalle 9.30 alle 22.30. Ingresso libero. Visite guidate gratuite: 10.30, 12.00, 16.30, 18.00; giovedì e sabato anche alle 20.30. Visite guidte gratuite per gruppi su prenotazione: [email protected] oppure 347 8893303 Chiesa di San Raffaele, via San Raffaele 4, Milano orari di apertura: dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 18.30 sabato dalle 16.30 alle 18.30 Chiusa nei giorni festivi. Galleria San Fedele, (fino al 22 dicembre), via Hoepli 3, Milano dal martedì al sabato dalle 16.00 alle 19.00 (al mattino su richiesta). Chiusa nei giorni festivi.
  • Sito web: http://www.evangeliarioambrosiano.it
  • Patrocini: L’iniziativa è promossa dal Comune di Milano, Cultura, Expo, Moda, Design, dalla Galleria San Fedele, da Palazzo Reale, e organizzata dall’Arcidiocesi di Milano.
  • Uffici stampa: CLP
  • Editori: SILVANA EDITORIALE

Comunicato stampa

A MILANO
PALAZZO REALE, CHIESA DI SAN RAFFAELE E GALLERIA SAN FEDELE
5 NOVEMBRE – 11 DICEMBRE 2011
ESPOSTO IL NUOVO EVANGELIARIO AMBROSIANO

Accanto a capolavori d’arte sacra di àmbito lombardo, per la prima e unica volta, saranno presentate la ‘coperta’ e le 73 tavole realizzate da artisti contemporanei quali Nicola De Maria, Mimmo Paladino, Ettore Spalletti, Giovanni Chiaramonte,
Nicola Samorì e Nicola Villa, che illustrano il sacro volume liturgico.

In mostra, l’Evangeliario di Paolo VI che è stato posto sulla bara
del beato Giovanni Paolo II, il giorno delle sue esequie









Un evento unico per Milano e per la sua diocesi.
Dal 5 novembre al 11 dicembre 2011, una mostra dal titolo La bellezza nella Parola presenterà il nuovo Evangeliario Ambrosiano, il volume usato nella solenne lettura delle celebrazioni liturgiche, le cui pagine accolgono le tavole di maestri dell’arte contemporanea, quali Nicola De Maria, Mimmo Paladino, Ettore Spalletti, il fotografo Giovanni Chiaramonte e due giovani artisti, Nicola Samorì e Nicola Villa.
L’iniziativa è promossa dal Comune di Milano, Cultura, Expo, Moda, Design, dalla Galleria San Fedele, da Palazzo Reale, e organizzata dall’Arcidiocesi di Milano.
Il percorso espositivo, che ruota attorno al Duomo e si snoda tra Palazzo Reale, la Chiesa di San Raffaele e la Galleria San Fedele, proporrà un confronto tra queste opere e alcuni dei più importanti capolavori d’arte sacra antica di area lombarda.

Il progetto, curato da una commissione composta da don Umberto Bordoni, arch. Carlo Capponi, p. Andrea Dall’Asta S.I., mons. Domenico Sguaitamatti, prof. Francesco Tedeschi, don Norberto Valli, si è sviluppato proprio a seguito della pubblicazione della nuova edizione dell’Evangeliario Ambrosiano, che il Cardinale di Milano, Dionigi Tettamanzi, ha voluto realizzare in dialogo con l’arte contemporanea, con l’intento di avvicinare le persone al messaggio evangelico attraverso un linguaggio artistico del nostro tempo.

La sezione a Palazzo Reale presenterà, per la prima volta insieme, manufatti d’arte antica di straordinaria bellezza come la Coperta dell’Evangeliario di Teodolinda da Monza, la Pace di Chiavenna, l’Evangeliario di Ariberto del Duomo di Milano e quello di Vercelli che convergono a illustrare la sintesi medievale fra ordine cosmologico, ingegno umano e redenzione divina.
Inoltre, si troverà una serie di Evangeliari manoscritti e miniati con inchiostro, oro e porpora, come il Codex Sarzanensis della Diocesi di Tortona, l’Evangeliario di Busto, l’Evangeliario di Bobbio e l’A 28 conservati alla Biblioteca Ambrosiana, e l’Evangeliario Casola della Biblioteca Capitolare di Milano.
A segnare il passaggio all’arte contemporanea sarà l’Evangeliario di Paolo VI, lo stesso che venne posto sulla bara di Giovanni Paolo II, nel giorno delle sue esequie.
La mostra prosegue con la presentazione della ‘coperta’ e di tutte le 73 tavole del nuovo Evangeliario Ambrosiano, che saranno visibili insieme, per la prima e unica volta, prima di essere rilegate nel volume originale che verrà in seguito consegnato all’uso liturgico del Duomo.
Le opere dei sei artisti, che dal dialogo con il testo evangelico traggono una particolare forza e significato, sono in grado di affermare la capacità del nostro tempo di dare una forma contemporanea di bellezza alla Parola eterna delle Scritture.

La sezione allestita alla Galleria San Fedele (aperta fino al 22 dicembre) proporrà una selezione di bozzetti e un lavoro a soggetto sacro particolarmente significativo dei sei artisti, mentre alla chiesa di San Raffaele verranno esposte alcune opere appositamente realizzate per l’occasione, che illustreranno il rapporto vitale con il culto e la liturgia.

Il libro dei Vangeli ha sempre rivestito una grande importanza, sia nella storia della liturgia che in quello dell’arte. Fin dal Medioevo e dal primo Rinascimento, il prezioso volume si è rivestito di autentici capolavori dell’ingegno umano. Gli splendidi elementi artistici rivelavano la ricchezza dei testi sacri in esso contenuti e davano forma di bellezza e di cultura a un messaggio di vita capace di attraversare i tempi e illuminare i secoli.
La Chiesa, la cui esistenza ha come motivo principale la custodia e la consegna delle parole di Gesù contenute nel Vangelo in ogni epoca e in ogni luogo, trova nella produzione dei preziosi Evangeliari, un luogo di espressione simbolico della sua identità e missione. La scelta di percorrere la via della contemporaneità corrisponde alla sua pretesa non solo di camminare al passo coi tempi, quanto di anticiparli nella profezia.

Milano, ottobre 2011