Kris Ruhs – Resonances

Milano - 17/04/2012 : 22/04/2012

Nel lavoro di Kris Ruhs la forma è innanzitutto aperta e naturale. In queste opere esplora tre forme in ‘risonanza’ che in passato aveva appena accennato. In accordo al suo stile, sempre enfatizza il gioco della luce sulle superfici, arricchendo di movimento la materia inerte dei metalli.

Informazioni

  • Luogo: FONDAZIONE SOZZANI
  • Indirizzo: Corso Como 10 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 17/04/2012 - al 22/04/2012
  • Vernissage: 17/04/2012 Dale ore 17.00 alle ore 21.00 Cocktails
  • Autori: Kris Ruhs
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: Tutti i giorni dalle ore 10.30 alle ore 21.00 Cocktails dalle ore 19.00

Comunicato stampa

KRIS RUHS
Resonances


Nel lavoro di Kris Ruhs la forma è innanzitutto aperta e naturale. In queste opere esplora tre forme in ‘risonanza’ che in passato aveva appena accennato. In accordo al suo stile, sempre enfatizza il gioco della luce sulle superfici, arricchendo di movimento la materia inerte dei metalli.
Risonanza del naturale: l’eco delle forme come se si agitassero a tempo una accanto all’altra. In una panchina ‘foglie’ di luccicante metallo come se soffiate dal vento. La luce risplende sulle superfici forgiate ricordando l’acqua iridescente investita dal sole


Risonanza del circolare: una serie di cerchi concentrici, turbinanti, a creare la struttura metallica di panchine d’amore, uno di fronte all’altro, identica da entrambi i lati ad abbracciare l’uno e l’altro dei partner nello stesso modo.
Lampade a stelo definiscono con la luce la circolarità.

Risonanza dell’identico: disposte sulla parete, questa serie di identiche scatole illuminate, che possono essere composte in un numero infinito di forme, ‘infiammano’ la superficie del muro con motivi non dissimili dai mosaici bizantini. È un altro punto topico dell’esplorazione estetica che Ruhs attua in ogni suo lavoro.
Le strutture di Ruhs possono riflettere una forma naturale o geometrica, ma, in ogni caso, la risonanza deriva dalla integrità della forma come oggetto in se stesso.
Ogni opera è realizzata in edizione limitata di sei esemplari e due prove d’artista da Marzorati Ronchetti.





BIOGRAFIA



Nato a New York da una famiglia di origine tedesca, Ruhs studia alla School of Visual Arts. La forte capacità di portare alla luce le potenzialità espressive iscritte nella materia e nei colori permettono a Ruhs di superare con facilità i limiti esistenti tra il lavoro tridimensionale, la scultura, e quello a due dimensioni, la pittura, il collage in carta e legno, rompendo le barriere fra realtà e rappresentazione. La luce è alla base della riflessione creativa dell’artista: materiali e luce si possono muovere - materiali e luce possono rimanere immobili. Il processo di cambiamento e dissoluzione della luce, interrotto e diretto dall’artista secondo la sua volontà, rivela le caratteristiche intrinseche dei diversi materiali, che l’artista mette in evidenza. Il risultato della sua ricerca artistica sono opere in cui la disciplina formale e la padronanza di svariate tecniche riflettono sul mistero del passaggio del tempo e dell’organizzazione dello spazio.

























MARZORATI RONCHETTI




Marzorati Ronchetti è una sartoria del metallo. Luogo dove prendono forma i desideri e le visioni dei maggiori artisti, designer, architetti della nostra epoca.
Senza vincoli di scala, dall’oggetto minuto sino alla facciata di un palazzo; di genere, dall’opera d’arte all’arredo, dalla struttura architettonica al pezzo di design; l’unica regola rispettata è la non serialità delle opere.
Marzorati Ronchetti eccelle nel progetto, tanto più complesso e difficile quanto più efficiente si manifesta propria capacità risolutiva.
Fondata a Cantù nel 1922, all’avanguardia nella lavorazione dell’acciaio inox già dagli anni ’50, è oggi guidata da Stefano Ronchetti, nipote di uno dei due fondatori. Attiva pressoché in ogni continente, l’azienda dimostra una natura tanto eclettica nella parte tecnica quanto dinamica nella capacità di fare network e captare le energie della contemporaneità. Forte di una rete commerciale con uffici a Londra, Dusseldorf, New York. Los Angeles, Tokyo e Dubai.
Un dinamismo che l’ha portata a collaborare con alcuni dei maggiori creativi della scena italiana e internazionale. Tra gli altri Lord Norman Foster, Ron Arad, Mario Bellini, Antonio Citterio, Thomas Heatherwick, Peter Marino, Italo Rota, Adam Tihany, Sir Anthony Caro, Piotr Uklanski Kris Ruhs.
Arte, design, architettura; novant’anni di ricerca, di elevata professionalità e di solida tradizione artigiana, dedicate al culto della bellezza, della sfida tecnica e della capacità di dare dimensione reale ai desideri più suggestivi.