Jason Martin – Tropicalissimo

Milano - 25/11/2021 : 14/01/2022

Mimmo Scognamiglio Artecontemporanea è lieta di presentare Tropicalissimo, la nuova mostra personale dell'artista britannico Jason Martin. A quattro anni dalla sua ultima mostra in questi spazi, Martin torna con un nuovo corpus di opere realizzate durante il periodo di lockdown, coinciso con una fase di grande ispirazione.

Informazioni

  • Luogo: MIMMO SCOGNAMIGLIO ARTE CONTEMPORANEA
  • Indirizzo: Via Goito 7 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 25/11/2021 - al 14/01/2022
  • Vernissage: 25/11/2021 ore 18,30
  • Autori: Jason Martin
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: LUNEDI’- VENERDI’ 11:00–19:00 – SABATO SU APPUNTAMENTO

Comunicato stampa

“Suggerire è creare; descrivere è distruggere”.
Robert Doisneau


Mimmo Scognamiglio Artecontemporanea è lieta di presentare Tropicalissimo, la nuova mostra personale dell'artista britannico Jason Martin. A quattro anni dalla sua ultima mostra in questi spazi, Martin torna con un nuovo corpus di opere realizzate durante il periodo di lockdown, coinciso con una fase di grande ispirazione.

Tale ispirazione proviene direttamente da un movimento artistico brasiliano chiamato Trópicalia, emerso negli anni '60, che
fondeva ritmi brasiliani e africani con la psichedelia britannica e americana

L'artista ha poi fuso la parola “Trópicalia” con la parola italiana “bellissimo”; da qui il titolo della mostra.

I riferimenti cromatici e le composizioni delle opere in mostra suggeriscono non tanto un sentimento di nostalgia, quanto piuttosto una riedizione attuale e allo stesso tempo classica delle stesse. Gli spazi pittorici sono talvolta idee di paesaggi, o luci temporanee: questo ha favorito la ricerca dell'artista e il gioco con la profondità figurativa o l'illusione di uno spazio pittorico in contrapposizione ad una piatta astrazione didattica.

Il periodo di lockdown si è rivelato essere un momento di relax e di spontaneità, durante il quale Jason Martin ha risposto maggiormente all’ambiente e al vuoto esagerato dell'essere umano. Qui le opere non sono concepite nel loro insieme, ma possono essere considerate come una cornice o un'istantanea del lavoro dell'artista in un periodo. Martin esplora diversi media e diversi temi. Gli spazi esplorati sono soglie.

Nell'astrazione ci sono sempre elementi di figurazione: verticale e orizzontale guadagnano in pratica l'uguaglianza. L'artista suggerisce che alcune opere possano essere ruotate di 90° per essere considerate alternative nel formato. I riferimenti elementari (terra, vento, fuoco, ghiaccio, nebbia ecc.) sono per Jason Martin sempre parte integrante dell'autonomia di vita di qualsiasi opera.

BIOGRAFIA

Jason Martin (Channel Islands, 1970), incanala un approccio minimale alla pittura attraverso un uso espansivo ma controllato di colore, pennello e mezzo. Lavorando con pigmenti, acrilici, colori ad olio, grafite e metallo fuso, Martin si interroga sui fondamenti della pittura, passando da composizioni epiche e lussureggianti di forme vorticose ad astrazioni ridotte e tenui in toni accuratamente miscelati. Strutturati secondo le relazioni armoniche tra queste tonalità, i dipinti si manifestano come strati paralleli, i loro orizzonti esplorano suggestioni di paesaggio e atmosfera attraverso la viscosità dell'olio o la trama granulosa di altro materiale aggiunto alla pittura. Anche se con l'intervento occasionale del caso, momenti casuali e l'inaspettato vortice del caos, questo processo di gesti ripetuti e ampi è stato affinato nel corso degli anni da quando Martin ha frequentato il Goldsmiths College di Londra nei primi anni '90. Questi primi lavori hanno visto Martin trascinare matasse di olio o gel acrilico su superfici dure come alluminio, acciaio inossidabile o plexiglas con uno strumento sottile simile a un pettine.
Martin elimina del tutto anche la pittura nei suoi calchi a parete di oro, oro rosa e argento, le cui superfici sono viscose ma congelate – fluttuanti tra scultura e pittura. Nelle opere monocromatiche, a pigmenti puri, il colore vivido viene applicato a pannelli sagomati, le cui contorsioni barocche appaiono come primi piani estremi della tavolozza increspata e solcata di un pittore. Unificare la sua pratica è un tentativo di promuovere il linguaggio dell'astrazione attraverso interventi discreti e misurati, che distruggono e attivano le superfici e gli spazi che abita.

Jason Martin vive e lavora tra Londra e il Portogallo. Ha ottenuto il diploma presso la Goldsmiths, Londra (1993). Le mostre personali includono Lisson Gallery, UK (2021); Thaddaeus Ropac, Francia (2018); Mimmo Scognamiglio Artecontemporanea, Milano, Italia (2017); Museum gegenstandsfreier Kunst, Otterndorf, Germania (2016); Collezione Peggy Guggenheim, Venezia, Italia (2009); Es Baluard Museu d'Art Modern i Contemporary de Palma, Maiorca, Spagna (2008); Kunstverein Kreis Gŭtersloh, Gutersloh, Germania (2007); e Centro de Arte Contemporáneo de Málaga, Spagna (2005).