Ishmael Randall Weeks

Milano - 28/09/2017 : 15/11/2017

La mostra si inserisce nella riflessione che l’artista sta portando avanti sullo spazio geografico, architettonico e culturale con un riferimento al tempo inteso come il momento in cui il passato, il presente e il futuro s’incontrano. In tutte le principali ricerche di Randall Weeks c’è un profondo interesse nei confronti della specificità dei materiali di origine, considerati strumenti preziosi e il cui significato deve essere intrecciato con i suoi stati trasformativi, con particolare attenzione all’archeologia e alla museologia.

Informazioni

  • Luogo: SCHIAVO ZOPPELLI GALLERY
  • Indirizzo: Via Martiri Oscuri 22, 20125 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 28/09/2017 - al 15/11/2017
  • Vernissage: 28/09/2017 ore 18
  • Autori: Ishmael Randall Weeks
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: su appuntamento

Comunicato stampa



Federica Schiavo Gallery è lieta di presentare Extractions la seconda personale in galleria di Ishmael Randall Weeks.

La mostra si inserisce nella riflessione che l’artista sta portando avanti sullo spazio geografico, architettonico e culturale con un riferimento al tempo inteso come il momento in cui il passato, il presente e il futuro s’incontrano. In tutte le principali ricerche di Randall Weeks c’è un profondo interesse nei confronti della specificità dei materiali di origine, considerati strumenti preziosi e il cui significato deve essere intrecciato con i suoi stati trasformativi, con particolare attenzione all’archeologia e alla museologia



Metalized Memory è un’istallazione composta da quattro vetrine contenenti oggetti contemporanei, ramati, la cui forma si inspira ai reperti provenienti da siti archeologici pre-colombiani e che determinano nello spettatore l’attivazione di un’osservazione di tipo museologica non più in grado di distinguere tra detriti, artefatti o opere d’arte. Wind Variation Construct è composta da una struttura in ottone montata a parete e pavimento che sorregge alcuni mattoni erosi provenienti da costruzioni utopiche degli anni Sessanta, abbandonate nel deserto. Le immagini fotografiche che accompagnano il progetto uniscono le forme costruttiviste a quelle del consumismo commerciale.

Alle pareti sono esposti due lavori della serie Excavation Annotations, composizioni basate su produzioni tessili della cultura Nazca. Qui i tessuti vengono alterati e colorati in digitale e poi trasformati in gel acrilico la cui consistenza materica è molto simile a quella del papiro o della pelle. Queste opere sono appese su barre d’acciaio e cadono delicatamente affiancandosi a lastre di rame e argento, minerali e altri oggetti che fanno riferimento ad epoche diverse.

Al centro di queste sculture e dei loro diversi materiali è il tema della scarsità economica che comprende memoria, identità, abitudini di vita legate al territorio, in un continuo alternarsi di fragilità e sicurezza.

Ishmael Randall Weeks è presente al Pacific Standard Time: LA/LA, un’esplorazione ampia e ambiziosa dell’arte latino-americana e arte latina in dialogo con la città di Los Angeles, da settembre 2017 a gennaio 2018.

L’artista presenta contemporaneamente la mostra Annotazioni, striature e souvenir alla Van Doren Waxter Gallery di NYC.
ISHMAEL RANDALL WEEKS
EXTRACTIONS
OPENING RECEPTION: THURSDAY SEPTEMBER 28, 6-9 PM
SEPTEMBER 29 - NOVEMBER 15, 2017
FEDERICA SCHIAVO GALLERY MILANO
VIA MICHELE BAROZZI 6

Federica Schiavo Gallery is pleased to present Extractions, the second solo show by Ishmael Randall Weeks at the gallery.
The show takes an interest in a continued dialogue within geographic, architectural, and cultural space that has a particular reference to time as a marker for the confluence of past, present and future. Within the research aspects of Randall Weeks’ work is an acute interest in the specificity of source material as a valuable tool to weave meaning into transformative states with a particular focus on archeology and museology.

The works in the show present Metalized Memory, a four parts installation with specific crafted wood display cases containing copper-plated contemporary objects sourced from pre-Colombian archaeological sites that elicit a museological gaze disrupting the distinction between debris, artifact and art object; a wall and floor mounted brass structural work titled Wind Variations Construct holds fragile naturally eroded 1960’s bricks from the abandoned utopian construction sites in the desert. Alongside these works are photo-transfer images that brought together pay tribute to constructivist form and commercial consumerism.

Two wall mounted works from the series Excavation Annotations are compositions based on textile works from the Nazca culture, but where those textiles are digitally altered and colored and then transferred onto acrylic gel whose material consistency feels much like papyrus or hide. These works hang delicately on steel bars and sit alongside copper and silver plates, minerals and other objects that take into account different monumental time frames.

Within these sculptures and materials is a closely allied theme of economic scarcity that concerns itself with memory, identity and ways of living within the landscape rooted in a push and pull of fragility over security.

Ishmael Randall Weeks will be featured in this year’s Pacific Standard Time: LA/LA, a far reaching and ambitious exploration of Latin American and Latino art in dialogue with Los Angeles, taking place from September 2017 through January 2018 at cultural institutions across Southern California.

The artist simultaneously presents Annotations, Striations and Souvenirs at Van Doren Waxter Gallery in NYC.