Incontro con Andrea Carandini

Roma - 22/09/2014 : 22/09/2014

L'American Academy in Rome invita Andrea Carandini a raccontare la visione del Fai – Fondo Ambiente Italiano per i prossimi dieci anni.

Informazioni

Comunicato stampa

L'American Academy in Rome invita Andrea Carandini a raccontare la visione del Fai – Fondo Ambiente Italiano per i prossimi dieci anni.
L'incontro è il primo della serie dedicata ai Monumenti nel mondo contemporaneo (2014/2015). Un viaggio tra passato e presente, a partire dalla storia di Roma.
Il 22 settembre alle ore 18, l'American Academy in Rome invita Andrea Carandini, Presidente del FAI da febbraio 2013 a raccontare a Villa Aurelia, la visione del Fondo Ambiente Italiano per i prossimi dieci anni

Carandini, tra i maggiori archeologi italiani e protagonista attivo del panorama internazionale, interverrà su "Il paesaggio e il patrimonio storico e artistico dell'Italia”, tema centrale nelle cronache del Paese, anticipando la visione futura del FAI, tra i principali attori nella promozione di una cultura di rispetto della natura, dell'arte, della storia e delle tradizioni d’Italia, per la tutela di un patrimonio che è parte fondamentale delle sue radici e della sua identità. Assediata da problemi amministrativi ed economici, infatti, l'Italia ha, nella concezione della Fondazione che opera fin dal 1975 e che conta oltre 7.000 volontari, faticato negli ultimi anni per proteggere il suo straordinario patrimonio culturale, che è principalmente gestito dallo Stato. Carandini rifletterà su questa sfida e sul ruolo che il FAI, il volontariato e la collaborazione tra pubblico e privato potranno svolgere in futuro per la valorizzazione e la tutela dei Beni culturali nel XXI secolo.


Il tema del patrimonio è da sempre molto importante nella programmazione della American Academy in Rome che per l'anno 2014/2015 ha progettato un ciclo di appuntamenti intitolato Monuments in the Contemporary World/Monumenti nel mondo contemporaneo. Le città sono spesso identificate con una serie di monumenti: dalla Statua della Libertà al Colosseo, le icone del passato tendono a cristallizzare l'immaginario sulle città contemporanee. Questi “markers” della storia sembrano spesso esistere in tensione con un mondo contemporaneo: come può un presente dinamico conciliarsi con il desiderio di preservare il passato? Chi controlla queste forze opposte di cambiamento e di stasi? E in un mondo pieno di urgenze e necessità legate alle contingenze e alla crisi, quale valore viene assegnato al passato e chi pagherà per questo? Queste sono solo alcune delle questioni che il programma dell'American Academy in Rome si pone e porrà, in una riflessione accurata e costante sul tema del patrimonio e il suo rapporto con il presente che interrogherà e coinvolgerà grandi protagonisti del dibattito internazionale corrente.