In Space No One Can Hear You Laugh

Milano - 05/04/2016 : 14/05/2016

Gli artisti sono stati chiamati a lavorare sul concetto di fantascienza e arte, legate silenziosamente nel corso della storia da una qualità comune e mai davvero presa in considerazione: entrambe sono infatti veicoli di creazione di mondi.

Informazioni

Comunicato stampa

Il libro “Making World: Art and Science Fiction”, raccoglie saggi di artisti, curatori, storici dell’arte, professori e scrittori con una passione per l’arte e la fantascienza. Gli scritti sono legati dall’idea comune di usare la fantascienza come lente attraverso la quale il mondo, incluso quello dell’arte, può essere compreso in maniera nuova.

Gli artisti sono stati chiamati dunque a lavorare sul concetto di fantascienza e arte, legate silenziosamente nel corso della storia da una qualità comune e mai davvero presa in considerazione: entrambe sono infatti veicoli di creazione di mondi

Mondi nuovi, possibili, impossibili, utopici, sognati, immateriali, distrutti, alieni, o qualsiasi altra idea possa essere elencata in una lista delle infinite possibilità dell’immaginazione e della realtà stessa.

L’idea è di dare alla mostra la potenza della fantascienza, ovvero quella di trattare con le cose non ancora avvenute – con le immagini caricate di uno stato di futuro potenziale, o di spazi infusi di una radicale temporalità – che ci mette in contatto con la capacità di immaginare, e con la capacità dell’immaginario di costruire nuovi mondi. Questo è anche un processo esplicitamente politico. La mostra vuole porre una domanda, ed eventualmente cercare di dare qualche risposta: perché alcuni artisti riescono a creare altri mondi? Mentre altri creano invece opere?

Proprio come l’artista australiano Tom Nicholson ha notato, la creazione di mondi è qualcosa che non è veramente importante solo per l'arte, ma anche per il nostro comportamento politico e sociale. Non dobbiamo per forza accettare il mondo com’è perché possiamo re-immaginarlo – e ridisegnarlo – diversamente.

La fantascienza diventa la fonte per capire il mondo e immaginare nuove possibilità, con un impatto visivo versatile che spazia su territori che comprendono il viaggio nel tempo, la geofilosofia, scenari post apocalittici, la materia nera, l’estetica aliena, la filologia, l’antropologia, la distopia, la telepatia, e così via.