I’ll Be There Forever / The Sense of Classic

Milano - 12/05/2015 : 04/06/2015

Mostra "I'll Be There Forever / The Sense of Classic", ideata e prodotta da Acqua di Parma e curata da Cloe Piccoli.

Informazioni

Comunicato stampa

I’ll Be There Forever / The Sense of Classic, che si terrà nella prestigiosa sede del seicentesco Palazzo
Cusani in via Brera, nel centro di Milano, è una mostra ideata e prodotta da Acqua di Parma a
cura di Cloe Piccoli, critico d’arte e direttore artistico di Acqua di Parma Contemporary Art Projects


La mostra, che si avvale dei Patrocini del Ministero degli Esteri, del Ministero dei Beni e delle Attività
Culturali (Mibac), del Comune di Milano e della più prestigiosa e riconosciuta Accademia italiana,
l’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano, ha l’obiettivo di presentare come classico e contemporaneo
dialoghino nel lavoro di alcuni degli artisti italiani più interessanti del momento: Rosa Barba,
Massimo Bartolini, Simone Berti, Alberto Garutti, Armin Linke, Diego Perrone, Paola Pivi.
I’ll Be There Forever / The Sense of Classic è la prima mostra di arte contemporanea prodotta da
Acqua di Parma e rappresenta un’ulteriore evoluzione di un impegno consolidato nel campo dell’arte
e della cultura. Sostenere questi ambiti nelle sue diverse espressioni artistiche è infatti per il
marchio un’attitudine, un modo naturale e concreto per condividere un patrimonio di valori con un
pubblico attento e consapevole.
I’ll Be There Forever / The Sense of Classic scandaglia un tema d’attualità e rilevanza internazionale
come quello del classico nell’arte contemporanea, osservando come gli artisti si confrontino
con questo concetto. Il classico di I’ll Be There Forever è The Sense of Classic, ovvero non uno
stile o una citazione, ma un’atmosfera, un’ispirazione, un elemento sfuggente, evanescente, eppure
assertivo nella sua presenza persistente. Di sicuro i riferimenti più interessanti al classico nella
storia dell’arte non sono stati i classicismi modellati sulla ripresa filologica del canone, ma epoche, correnti e artisti che si sono confrontati in maniera dialettica con il classico, come avviene per gli
artisti in mostra a Palazzo Cusani.
La mostra si apre con La Fusione della Campana, l’imponente scultura di Diego Perrone, un’opera
del 2007 che racconta come l’attenzione per temi e suggestioni classiche e storiche sia una costante
nel lavoro di questi artisti. Da qui I’ll Be There Forever procede con una sequenza serrata di
nuove produzioni commissionate da Acqua di Parma per questa mostra e per questo luogo. Nelle
corti, nei giardini, nelle sale preziosamente decorate con stucchi e intarsi barocchi, gli artisti dialogano
con l’idea del classico – interpretando antico e contemporaneo, epoche e luoghi, materie e
tecnologie – per restituirne una visione sfaccettata e complessa. In mostra sculture, installazioni
ambientali, film, dipinti, fotografie si confrontano con il Rinascimento, trasfigurano Giotto e Leonardo,
rimandano al cinema di Tarkovsky e di Fellini, ripensano l’architettura classica, dall’Acropoli
di Atene alla Valle dei templi di Agrigento, ma anche il Modernismo di Carlo Scarpa e le visionarie
architetture di Amburgo di Herzog & de Meuron.
Come spiega Cloe Piccoli, “In I’ll Be There Forever il classico non è una serie di norme e costruzioni
più o meno prospettiche, genialmente inventate come metodo della visione. Non equilibrio, grazia
e armonia. Non l’idea della democrazia Ateniese ai tempi di Fidia, e nemmeno quella dell’uomo al
centro dell’universo di Piero della Francesca. O almeno non solo questo. L’idea di classico di I’ll
Be There Forever, è quella di un processo di sviluppo complesso, che mette in rapporto elementi
diversi facendoli dialogare per inventare nuove forme e significati. Ma è anche l’idea del classico
come memoria, appartenenza, condivisione come scriveva Calvino: “Si dicono classici quei libri
che costituiscono una ricchezza per chi li ha letti e amati… classici sono libri che esercitano un’influenza
particolare sia quando s’impongono come indimenticabili, sia quando si nascondono nelle
pieghe della memoria mimetizzandosi da inconscio collettivo”.
A sottolineare la relazione fra classico e contemporaneo lo studio di architettura Kuehn Malvezzi,
fra i più riconosciuti a livello Europeo, con all’attivo installazioni nei più prestigiosi musei, ha
lavorato a un allestimento che mette in dialogo il contemporaneo con il Palazzo Neoclassico. Per
realizzarlo Kuehn Malvezzi ha utilizzato tessuti di Rubelli, storica azienda veneziana, che con questa
collaborazione riafferma la sua attenzione verso il mondo dell’arte, anche contemporanea, e
consolida il suo legame con Acqua di Parma.
Mentre gli art directors di Leftloft, che hanno seguito il design di importanti rassegne d’arte, come l’ultima Documenta di Kassel, interpretano il concetto della mostra in una grafica classica e insieme
contemporanea.
Accompagnerà la mostra un libro, edito da Electa, che approfondirà il tema con saggi critici di Cloe
Piccoli, Alessandro Rabottini, Martin Herbert, Pier Paolo Tamburelli e Paola Nicolin. Mentre ricchi
repertori d’immagini di suggestioni e ispirazione accompagneranno il lettore in una narrazione che
attraversa l’arte antica e contemporanea, cinema e architettura, scienza e alchimia. Giovani artisti e curatori dell’Accademia di Belle Arti di Brera saranno coinvolti in un programma di
visite guidate specificatamente concepito per la mostra.
Palazzo Cusani, situato nel cuore di Milano in via Brera 15, è una residenza privata concepita in origine
da Giovanni Ruggeri nel XVII secolo, e rinnovata con una nuova magnifica facciata, in stile Neoclassico,
dall’architetto Giuseppe Piermarini tra il 1775 e il 1779. Preziosi affreschi e stucchi originali d’epoca
Barocca, perfettamente conservati, adornano soffitti, cupole, infissi, specchiere e camini dell’antica
dimora milanese. Completano l’iconografia simbolica del palazzo i parquet dai minuziosi intarsi.
Fondamentale il supporto tecnico del CESI (Centro Elettrotecnico Sperimentale Italiano) per la
realizzazione dell’opera di Alberto Garutti.