Ileana Ruggeri – La memoria dell’acqua

Venezia - 01/12/2012 : 12/12/2012

Con ‘Memorie dell’acqua’ Ileana Ruggeri, ci propone una serie di acquerelli, una memoria fluttuante, fatta di frame che catturano ogni istante. La luce accompagna il tempo, si modifica al passare di esso, lo scandisce e ci ricorda di quanto regoli la nostra esistenza.

Informazioni

  • Luogo: A PLUS A GALLERY
  • Indirizzo: San Marco 3073, 30124 - Venezia - Veneto
  • Quando: dal 01/12/2012 - al 12/12/2012
  • Vernissage: 01/12/2012
  • Autori: Ileana Ruggeri
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

Sabato 1 dicembre presso gli spazi di A plus A Centro Espositivo Sloveno sarà inaugurata la mostra personale dell’artista Ileana Ruggeri dal titolo “La memoria dell’acqua”.
“Acquarelli liquidi e polivalenti, perché, mentre l’acqua scorre lungo la corrente, questi sono segni e colori che scorrono in ogni direzione” (Achille Bonito-Oliva)
Con ‘Memorie dell’acqua’ Ileana Ruggeri, ci propone una serie di acquerelli, una memoria fluttuante, fatta di frame che catturano ogni istante. La luce accompagna il tempo, si modifica al passare di esso, lo scandisce e ci ricorda di quanto regoli la nostra esistenza


La luce e l’acqua, elementi naturali fondamentali, principi di vita, interagiscono a vicenda, si modificano si fondono.
Questi frame sono come un catalogo di piccole esperienze, tutte diverse tra di esse, ma tutte esistite, passate, parte di una memoria autoindotta, suggerita o vissuta. I frammenti d’acqua dipinti dall’artista, non ci danno riferimenti specifici, non è una memoria soggettiva di chi li dipinge ma è un’immagine di evocazione, è un qualcosa che esiste o che è esistita, che può essere assorbita da chi l’ha già vissuta, una reminiscenza, un soffuso ricordo, che appartiene ad un archivio personale, un’immagine mentale, che appartiene alla nostra memoria.
La sua arte è una perfetta sintesi tra un’attenta visione e un’acquisizione di sensazioni che sviluppano la particolarità del paesaggio veneziano, non tanto nella sua architettura ma quanto nella sua naturalità, fatta di luci e acqua. Riflessi dinamici su un atmosfera rarefatta caratterizzata da un umidità che al sorgere della luce si fa densa, materica. La naturalezza esasperata di queste immagini crea dei lavori al limite dell’astrazione, aiutati dalla infinita variazione e combinazioni di colori e di strati, di colori e di acqua, cioè di acqua e luce.
Mantovana, ma veneziana di acquisizione, Ileana Ruggeri si forma all’Università di Architettura IUAV di Venezia, laureandosi sotto l’egida del maestro Carlo Scarpa, seguendo contemporaneamente i corsi dello scultore Mark Di Suvero all’Università Internazionale d’Arte di Giuseppe Mazzariol. Nel corso degli anni partecipa a diverse collettive in Italia e all’estero, tra cui ‘Arte a Mantova 1955-1999’ , ‘Nuovo Paesaggio Italiano’, Biennale del Whitney Museum di New York Day for Night, partecipazione al progetto Tower Peace, insieme a mostre personali tra cui quelle a Palazzo Correr e Museo Fortuny, Venezia, al Palazzo Te di Mantova, alla Spacetime Gallery di New York.
Il rinfresco sarà offerto dall’azienda vinicola Ruggeri di Valdobbiadene.