Ilaria Bochicchio – Perlage

Pavia - 15/02/2013 : 15/03/2013

Osservando le sue opere si ha come la sensazioni di vivere tra il sogno e l'incubo, una raffinata fiaba noir.

Informazioni

Comunicato stampa

PERLAGE
personale di ILARIA BOCHICCHIO
a cura del Gruppo Fu*turista
dal 15 febbraio al 15 marzo 2013
OPENING Venerdì 15 febbraio dalle ore 15:00

Ilaria Bochicchio, classe 1988, originaria della Basilicata, trapiantata prima a Roma ed ora a Milano, è un'artista che ha molto da dire: le sue illustrazioni sono “libri aperti”, immagini distorte, scomposte e ricomposte; i suoi colori sono il bianco, il rosso e il nero. Osservando le sue opere si ha come la sensazioni di vivere tra il sogno e l'incubo, una raffinata fiaba noir


Info: http://www.ilariabochicchio.com/
(IUCU)

Informazioni sul progetto

SPAZIO FU*TURISTA
LIBRERIA MONDADORI / VOLTAPAGINA Corso Mazzini 3 a PAVIA

Il progetto, nato dall'iniziativa degli artisti pavesi IUCU e LELE PICA', consiste in un corner espositivo, visibile sia internamente alla libreria che esternamente (vetrina di Piazza del Lino). L'idea nasce dall'insufficienza di spazi espositivi “accessibili” in Pavia, che possano ospitare artisti emergenti, per esposizioni di pittura e fotografia di qualità. Lo spazio prende il nome dell'omonimo MANIFESTO FU*TURISTA che, adiacente allo spazio, sarà sempre esposto e leggibile. Per il primo appuntamento lo spazio ha ospitato una collettiva in cui i protagonisti erano proprio gli ideatori dello spazio:
IUCU ha presentato uno dei suoi consueti corpi realizzato in acrilico su legno e tre serigrafie tratte dalla cartella “RACCOGLITORI DI STELLE”, di recente pubblicazione.
LELE PICA' ha esposto tre opere retro illuminate dal ciclo “L'UOMO COL CAPPELLO”.
_____________________________________________

Di seguito i 12 punti principali del MANIFESTO FU*TURISTA:

- il FU*TURISMO promuove tutte le forme d’arte.
- il FU*TURISMO aborre la “copia d’autore” dichiarata e NON.
- il FU*TURISMO promuove l’utilizzo della tecnologia come mezzo di comunicazione.
- il FU*TURISMO aborre la tecnologia senza design.
- il FU*TURISMO promuove mostre e performance in ogni luogo.
- il FU*TURISMO aborre il “cattivo gusto”, se non per fini di ricerca o per evidenziare “l’abuso” dello stesso.
- il FU*TURISMO promuove “il buon gusto”.
- il FU*TURISMO aborre “la banalità” in ogni sua forma.
- il FU*TURISMO promuove il confronto diretto fra artisti di eguale valore estetico/concettuale.
- il FU*TURISMO aborre l’ignoranza e la mediocrità.
- il FU*TURISMO promuove mostre collettive e lo scambio d’informazioni tra artisti.
- il FU*TURISMO aborre la “competizione” tra artisti.