Il Mare

Torino - 09/07/2016 : 18/07/2016

Esposizione d'arte visiva.

Informazioni

  • Luogo: CHIESA DI SAN MICHELE ARCANGELO
  • Indirizzo: piazza Cavour angolo via Giolitti - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 09/07/2016 - al 18/07/2016
  • Vernissage: 09/07/2016 ore 18,30
  • Curatori: Ivan Fassio, Amalia De Bernardis
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: tutti i giorni 16.00-20.00
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Ennio Bertrand, Carlo Gloria, Fabio Nicotera, Carla Sanguineti, Andrea Chidichimo, Gosia Turzeniecka, Severino Magri, Davide Fasolo, Marco Memeo,
Vadis Bertaglia, Adriano Paltrinieri, Riccardo Cecchetti, Francesco Pellerano, Francesca Vignale, Greta Bertino, Indiesigh, Andrea Massarelli, COSTAROCOSA (Roberta Toscano/ Armando Riva).

Per il mare non dire.
Scrivi nel mare:
Le rifrazioni tagliate.
Lama infinita e luce accecata netta –
Nella pace di cocci –
Asciugata da relazioni:
Coltello sull'onda,
Che mai è una sola.
Immolare:
Non dire le cose:
Scrivi nel mare.

i.f



Gli approdi dell'intuizione, a cui le potenti imbarcazioni della ragione non riescono ad attraccare, sono sabbiosi, cangianti, franosi. Fragile, lo scoglio di queste rive è frangibile e friabile. Se anche volessimo stabilire una posizione per gettare le fondamenta di un molo, nessuna bitta potrebbe essere fissabile... Con un orizzonte tanto mutabile, allo stesso modo, sarebbe comunque vano ed impossibile invertire la rotta. Occorre navigare a vista, esplorando le continue trasformazioni della costa, osservando stupiti le metamorfosi del paesaggio, rispetto alle indicazioni ormai obsolete delle carte nautiche a nostra disposizione.
La facoltà dell'immaginazione ci guida, paradossalmente, tra le correnti della realtà. Così conosciamo il mondo: nell'applicazione giocosa di strumenti improvvisati, nella creativa immedesimazione in dinamiche perennemente correttive ed evolutive. Percepiamo il nostro corpo e la società: abbozzando, attraverso pretesti, il congiungimento di noi alla componente biologica o relazionale. L'appiglio di appoggio per ogni nostra operazione, una volta usato, si ripresenta come residuo. Possiamo decidere se gettarlo a mare, o se riutilizzarlo come un'ancora per incanalare, intorno ad esso, le energie per la creazione di una nuova disciplina. Conseguentemente alla nostra scelta, l'oggetto sarà ammirabile in lontananza, nella completezza della propria maturata inutilità. Oppure rappresenterà soltanto l'occasione per continuare ad imparare, leggendo l'universo nelle pieghe di ogni momentanea mancanza ed imperfezione... La scorza della natura sarà sempre intaccabile dalla forza dell'inventiva. Si riformuleranno i nostri tratti su diversi piani, in una finzione necessaria alla comprensione dell'interiorità. La quotidianità si rinnoverà su un disegno inedito: schizzo per un progetto di superiore qualità.

Ivan Fassio