Ibrahim Kodra e i suoi compagni di strada: gli anni ‘50 e ‘60

Milano - 14/10/2017 : 05/11/2017

La mostra comprende una trentina di opere della Fondazione Ibrahim Kodra e intende riscoprire una stagione dimenticata dell’artista, quella degli anni Cinquanta e Sessanta.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO DELLA PERMANENTE
  • Indirizzo: Via Filippo Turati 34 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 14/10/2017 - al 05/11/2017
  • Vernissage: 14/10/2017 ore 17
  • Autori: Ibrahim Kodra
  • Generi: arte contemporanea, collettiva
  • Orari: tutti i giorni, 9.30-19.00
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Sabato 14 ottobre alle ore 17, il Museo della Permanente di Milano inaugura “IBRAHIM KODRA e i suoi compagni di strada: gli anni ‘50 e ‘60”. La mostra comprende una trentina di opere della Fondazione Ibrahim Kodra e intende riscoprire una stagione dimenticata dell’artista, quella degli anni Cinquanta e Sessanta. E’ il periodo in cui Kodra, giunto a Milano nel 1938, si avvicina all’informale dopo un periodo astratto-geometrico vicino al neocubismo e al concretismo del M.A.C

La sua pittura di colore e di gesto si carica però di echi e memorie, giungendo al recupero di una figuralità onirica e fantastica.
La mostra, che inaugura le celebrazioni previste per il centenario della nascita dell’artista, comprende tutte le principali opere di questo periodo, uno dei più significativi della sua produzione.
Il percorso espositivo muove dalla quasi sconosciuta Natura morta del 1944, emblematica della pittura di Kodra quando studiava a Brera con Funi. Prosegue poi con opere neocubiste (Senza titolo, 1954) e si inoltra nella stagione informale, di cui presenta alcuni degli esiti più alti ( Pesci, 1961; Composizione , 1962, Fondo marino, 1964).
La mostra si allarga infine a una serie di opere, appartenenti alla collezione del Museo della Permanente, che rievocano il clima artistico della Milano dell’epoca. Sono esposte opere del periodo astratto-concreto di Birolli, Cassinari, Ajmone; del realismo esistenziale di Ceretti, Romagnoni, Vaglieri, Martinelli, Bodini; di Meloni e Peverelli; della stagione informale di Francese, Chighine, Milani, Sturla, De Romans; di Pietro Cascella.
Il giorno dell’inaugurazione, in occasione della Tredicesima edizione della Giornata del Contemporaneo, Elena Pontiggia terrà una conferenza dal titolo “Ibrahim Kodra, nella Milano degli anni Cinquanta e Sessanta” alle ore 17 (con proiezione di diapositive).


Ibrahim Kodra nasce nel 1918 a Ishmi, un antico villaggio dell’Albania. A vent’anni vince una borsa di studio, assegnatagli dalla Regina d’Albania e dal governo italiano, e giunge a Milano, dove vivrà il resto della vita. Negli anni Quaranta studia a Brera con Funi e diventa amico soprattutto di Cassinari. Apre il suo primo studio a Milano nel 1944 e per un certo periodo abita in via Solferino 11. Partecipa al gruppo “Oltre Guernica”. Nel 1947 fa parte del gruppo “Linea”, e negli anni successivi espone regolarmente alla Galleria Bergamini. Stringe intanto amicizia con Testori, suo grande estimatore, Marco Valsecchi, Raffaele De Grada e altri intellettuali e artisti. Muore a Milano nel 2006.