Giuseppe Zilli – Apocalisse

Vernole - 02/08/2013 : 31/08/2013

Dopo sei anni di elaborazioni e progetti, Giuseppe Zilli presenta al pubblico l’immensa opera legata alla rappresentazione visuale dell’”Apocalisse” di Giovanni.

Informazioni

  • Luogo: CASTELLO DI ACAYA
  • Indirizzo: Strada Comunale Di Acaya - Vernole - Puglia
  • Quando: dal 02/08/2013 - al 31/08/2013
  • Vernissage: 02/08/2013 ore 20,30
  • Autori: Giuseppe Zilli
  • Curatori: Cecilia Leucci
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: lunedì chiuso dal martedì al venerdì: 09.30-12.30 / 18-21 sabato e domenica: 10-12.30 / 18-21

Comunicato stampa

Dopo sei anni di elaborazioni e progetti, Giuseppe Zilli presenta al pubblico l’immensa opera legata alla rappresentazione visuale dell’”Apocalisse” di Giovanni.
Noto come uno dei testi biblici più complessi a livello interpretativo, l'Apocalisse contiene un'incalcolabile mole di suggestioni visive, che Zilli riprende e parafrasa, giungendo ad un compendio iconografico dall'immenso impatto psicologico e metatestuale, in grado di trasportare concretamente lo spettatore all'interno della narrazione


Novantuno carte dipinte, incollate e cucite saranno esposte insieme alle sei installazioni che negli anni Zilli ha presentato come singole opere in molteplici contesti, dalla mostra “Clausure” del 2011 presso San Francesco della Scarpa (“La Donna e il Drago”), al Padiglione Puglia della 54ma Esposizione Biennale d'Arte di Venezia (“Luce in noi”); piccole anticipazioni dell'immane progetto, che trova oggi degna collocazione nel Castello di Acaya, per un'esposizione che totalizza l'intero lavoro e rende omaggio alle fatiche dell'artista.
Con la mostra “Apocalisse”, l’intero corpus di opere sarà presentato al pubblico insieme ad un catalogo illustrato, unica pubblicazione contemporanea sul tema dell’Apocalisse giovannea.
La mostra – organizzata per iniziativa della Provincia di Lecce - vedrà prendere parte all’inaugurazione, l’Assessore alla Cultura della Provincia di Lecce, Simona Manca ed il Responsabile dell’istituto di Culture Mediterranee della Provincia di Lecce, Luigi De Luca.