Giuseppe Stampone – L’ABC dell’Arte

Milano - 06/10/2014 : 12/10/2014

L'Associazione MonteNapoleone in collaborazione con Palazzo Reale presentano, all'interno della quinta edizione de "La Vendemmia", un'installazione dell'artista Giuseppe Stampone a cura di Alessandro Cocchieri.

Informazioni

  • Luogo: PALAZZO REALE
  • Indirizzo: Piazza Del Duomo 12 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 06/10/2014 - al 12/10/2014
  • Vernissage: 06/10/2014
  • Autori: Giuseppe Stampone
  • Curatori: Alessandro Cocchieri
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: Lun. 14:30 - 19:30 Mar. Mer. Ven. Dom. 9:30 - 19:30 Gio. Sab. 9:30 - 22:30
  • Biglietti: ingresso libero
  • Sito web: lavendemmia.org
  • Patrocini: Promosso da Associazione MonteNapoleone in collaborazione con Palazzo Reale Milano con il patrocinio del Comune di Milano Courtesy dell'artista

Comunicato stampa

"L'enigma di poter unire in un blocco concettuale elementi come: Vendemmia e Arte, ha trovato risoluzione in un'installazione artistica che, tenta di decodificare ciò che usualmente è lasciato alle scienze demologiche. Il compimento di un rituale, la sacralità ed il mito vengono qui ri_manipolati. Il divertimento nell'affrontare l'opera sta nel coglierne i legami. " (A. Cocchieri)





Descrizione dell'opera
Giuseppe Stampone, autore del gioco "L'ABC dell'Arte" realizzato all'interno del progetto BcomeBox, propone nel contesto di Palazzo Reale un intervento sull'opera, aprendo una riflessione antropologica sulla Global Education dell'artista


L'obiettivo di tale intervento è quello di spostare l'attenzione sul ruolo del gioco come spunto di osservazione per individuare elementi caratterizzanti le società contemporanee.
La realizzazione dell'opera, nata come strumento ludico/didattico per fornire una prima alfabetizzazione dell'arte contemporanea, ha visto il coinvolgimento di critici e curatori, storici dell’arte e galleristi, collezionisti e direttori di musei, responsabili di dipartimenti di didattica museale, giornalisti e direttori di testate.
Viene ora rivisitata e reinterpretata attraverso un punto di osservazione esterno ai convenzionali processi dell'arte, consolidando l'arduo percorso intrapreso dall'artista nella sua missione di ri-educazione collettiva.
L'intervento installativo consiste in un grande tabellone da gioco, con dadi e pedine, pronto ad accogliere i visitatori al suo interno.
Tale spazio di azione è concettualmente uno spazio sociale, con regole e confini, in cui il visitatore, "giocando", abbandona il ruolo originario di spettatore e diventa l'attore sociale e il protagonista del progetto di Giuseppe Stampone.
L'intento dell'artista è dunque quello di portare lo spettatore nel fuori della realtà mediatizzata del quotidiano attraverso la didattica dell'arte. Giocando si compie una sorta di rito contemporaneo, partecipativo, di purificazione con rimandi all'idea originaria di Johan Huizinga, che non distingue tra rito e gioco e che afferma che giocando, la collettività esprima la sua interpretazione della vita e del mondo.
Il risultato del lavoro dell'artista è una straordinaria ricerca antropologica, un documento
visivo che sublima, nel linguaggio contemporaneo dell'arte, la teoria funzionalista per la quale il
gioco strappa l'uomo alla consuetudine e lo rigenera.














The ABC of Art
"within the social boundaries of play"
Work by Giuseppe Stampone curated by Alessandro Cocchieri
From Monday 6th to Sunday 12th October
Palazzo Reale - Piazza Duomo, 12 - Milano
FREE ENTRY
Mon. 2:30 - 7:30 pm
Tue. Wed. Fri. Sun. 9:30 am - 7:30 pm
Thu. Sat. 9:30 am - 10:30 pm

sponsored by Associazione MonteNapoleone

in collaboration with Palazzo Reale Milano

under the auspices of Comune di Milano

courtesy of the artist

lavendemmia.org comune.milano.it/palazzoreale


The Montenapoleone Association gives space to the language of contemporary art to pay homage to the city of Milan. The early enigma which is the combination of Vendemmia and Art, finds its place in an installation which unifies and interprets constructs usually belonging to demology.
The accomplishment of a ritual, sacredness and myth have been re-manipulated and the amusing aspect is to find possible connections reading the opera.











description
Giuseppe Stampone, who created the “The ABC of Art” game as part of the BcomeBox project, now takes it a step further and presents an installation at Palazzo Reale, opening an anthropological reflection on the artist’s Global Education.
The aim is to draw attention to the role of play as a means of observation to identify elements that characterize modern societies.
Creation of the work, which originated as a game/teaching aid to provide a basic education in contemporary art, involved critics and curators, art historians, gallery owners, collectors and museum directors, museum educational department heads, journalists and magazine editors, It has now been revisited and reinterpreted from a point of view leagues apart from conventional art processes, consolidating the arduous journey undertaken by the artist in his mission of collective re-education. The installation consists of a great game board with dice and counters, ready to welcome visitors inside it.
This action space is conceptually a social space, with rules and boundaries, where by “playing”, visitors abandons their original role of spectator and become social actors and protagonists of Giuseppe Stampone’s project. The artist’s intention is to take the spectator out of the mediatized reality of daily life through art education. By playing, we carry out a sort of modern purification ritual calling to mind Johan Huizinga’s original idea, which did not distinguish between ritual and play, and stated that by playing, the collective expresses its interpretation of life and the world. The result of the artist’s work is an extraordinary anthropological research, a visual document that exalts, in the language of contemporary art, the functionalist theory whereby play plucks man out of his routines and regenerates him.
















Giuseppe Stampone
Nato nel / Born in 1974, Cluses (France)
Vive tra / Lives between Roma, New York
Principali mostre personali /
Selected Solo Shows
2014
Giuseppe Stampone. Ritratti – Bic Data Blue, a cura di / curated by Giacinto Di Pietrantonio, GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, Bergamo
2012
Global Education, a cura di / curated by Giacinto Di Pietrantonio, Ex Chiesa San Matteo, Lucca; prometeogallery di Ida Pisani, Milano-Lucca
2011
Private Collections, a cura di / curated by Umberto Palestini, L’ARCA – laboratorio per le arti contemporanee, Teramo
Saluti da L’Aquila da Giuseppe Stampone, a cura di / curated by Luca Massimo Barbero, Elena Forin, progetto speciale per/special-project for MACRO, Roma
Non tutto è in vendita, a cura di / curated by Raffaele Gavarro, Circuito Off/Arte Fiera, Bologna
2010
The Rules of the Game, a cura di / curated by Marco Scotini, prometeogallery di Ida Pisani, Milano-Lucca; Galleria Michela Rizzo, Palazzo Palumbo Fossati, Venezia
Principali mostre collettive /
Selected Group Shows
2014
Big Point, a cura di / curated by Bartolomeo Pietromarchi, Aula Bunker, Roma
Cinque mostre / Time and again: Concrete ghost, a cura di / curated by Christian Caliandro, American Academy in Rome, Roma
2013
L’idea del Realismo. The Idea of Realism, a cura di / curated by Christian Caliandro, Carl D'Alvia, American Academy in Rome, Roma
Storie Italiane, a cura di / curated by Laura Cherubini, Lea Mattarella, ArteFiera, Bologna
2012
Kochi-Muziris Biennale 2012, a cura di / curated by Bose Krishnamachari, Fort Kochi PO, Kerala
[email protected] del mondo. Spazialità e mondializzazione, a cura di / curated by Emanuela Casti, Giacinto Di Pietrantonio, GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, Bergamo
Visioni. La fortezza plurale dell'arte, a cura di / curated by Giacinto Di Pietrantonio, Umberto Palestini, Fortezza e Museo delle Armi, Civitella del Tronto
XI Havana Biennial, Havana, Cuba



2011
Tra il sublime e l’idiota. L’umorismo nell’arte contemporanea, a cura di / curated by Luca Beatrice, 26ª Biennale Internazionale dell’Umorismo – Palazzo Parisani Bezzi, Tolentino
Orientale, a cura di / curated by Maurizio Bortolotti, Shwetal Patel, Zuecca Project Space, Venezia

Interferenze costruttive, a cura di / curated by Giacinto Di Pietrantonio, Francesca Referza, Fondazione Malvina Menegaz, Castelbasso

Premio Maretti – Group Show, a cura di / curated by Raffaele Gavarro, Centro per l’Arte Contemporanea Luigi Pecci di Prato, Prato
Dada and Merz, a cura di / curated by Maurizio Bortolotti, Adrian Notz, Cabaret Voltaire, Zürich

2010
Il Belpaese dell’arte – Etiche ed Estetiche della Nazione, a cura di / curated by Giacinto Di Pietrantonio, M. Cristina Rodeschini, GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, Bergamo
Il museo privato. La passione per l'arte contemporanea nelle collezioni bergamasche, a cura di / curated by Giacinto Di Pietrantonio, M. Cristina Rodeschini, GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo, Bergamo
6th Liverpool Biennial, Liverpool
L’immaginazione degli architetti e la città reale, a cura di / curated by Paolo Valente, MACRO – Testaccio, Roma
The Flower of May, a cura di / curated by Inho Cho, Yongwoo Lee, Ik Yun, Gwangju Museum of Art Kunsthalle, Gwangju
Winter Roots. Memoria Identità Territorio, a cura di / curated by Maurizio Coccia, Matilde Martinetti, Mara Predicatori, Palazzo Lucarini Contemporary Centro per l'arte contemporanea, Trevi
2009
My Space. Cosa vuol dire “pubblico”?, a cura di / curated by Laura Barreca, Julia Draganovic, PAN – Palazzo delle Arti Napoli, Napoli

Invisible Dog. Something Out of Nothing, a cura di / curated by Julia Draganovic, No Longer Empty (Manon Slome, Asher Remy-Toledo), Invisible Dog Art Center, New York

Il Caos #1 Il lavoro, evento nell’ambito della 53ª Esposizione Internazionale d’Arte La Biennale di Venezia / events during the 53rd International Art Exhibition the Venice Biennale, a cura di / curated by Raffaele Gavarro, Isola di S. Servolo, Venezia
Through the Looking Glass, a cura di / curated by Adriana Rispoli, Eugenio Viola, Villa Italia, Beograd
Roots/Radici: Memoria, Identità, Territorio. Disegni contemporanei da Palazzo Lucarini in Trevi, a cura di / curated by Maurizio Coccia, Matilde Martinetti, Mara Predicatori, Istituto Italiano di Cultura, Madrid
2008
Remembering, a cura di / curated by Raffaele Gavarro, American Academy in Rome, Roma
Junkbuilding, a cura di / curated by Davide Giannella, Maria Chiara Piccioli, Triennale Bovisa, Milano
XV Quadriennale nazionale d’arte di Roma, Palazzo delle Esposizioni, Roma

2005
XIV Quadriennale nazionale d’arte di Roma, GAM – Galleria Nazionale d'Arte Moderna, Roma
Progetti Speciali/
Special Project
2013
La costruzione di una cosmologia – vol. 2, talks, a cura di / curated by Giuseppe Stampone, American Academy in Rome, Roma; MAAM - Museo dell’Altro e dell’Altrove di Metropoliz, Roma
2010-2014
Architecture of Intelligence, intervento artistico a cura di / artistic intervention curated by Derrick de Kerckhove, Giuseppe Stampone, nell’ambito del progetto “We Are the Planet!” supportato dall’Unione Europea all’interno del suo Development Co-operation program / for the European Union funded-project “ We Are the Planet!” within its Development Co-operation program, con l’impegno di / with the partnership of Teramo, Italia; Ávila, Spain; Nova Gorica, Slovenija; Strovolos, Cipro; Burkina Faso; Benin
2009
Charon's Bark, installazione site-specific con / site-specific installation with Julia Kent, Invisible Dog Art Center, New York

2006-2020
Acquerelli per non sprecare la vita, vincitore del progetto “Art&Earth” supportato dall’Unione Europea / winner of the European Union funded-project “Art&Earth”, con eventi pubblici in / with a public events in Poland, Croatia, Italia, Burkina Faso, Benin
Premi e Residenze/
Awards and Residencies
2013
Pacco d’artista, vincitore del premio assegnato da / winner of the prize awarded by Poste Italiane
Youngeun Museum of Contemporary Art (YMCA), Gwangju
American Academy in Rome, residenza di cinque mesi / five months residency, Roma
2011

III Premio Maretti, primo premio assegnato da / first prize awarded by Fondazione Valerio Riva – Premio Maretti