Giuseppe Resci – That place between

Roma - 07/11/2013 : 30/11/2013

Circa 15 scatti in bianco e nero delineano un percorso espositivo che non segue una cronologia, ma che aspira a narrare i luoghi e le visioni più intime della vita del fotografo.

Informazioni

  • Luogo: MONOGRAMMA ARTE CONTEMPORANEA
  • Indirizzo: Via Margutta 57 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 07/11/2013 - al 30/11/2013
  • Vernissage: 07/11/2013 ore 18,30
  • Autori: Giuseppe Resci
  • Curatori: Teresa Emanuele
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: tutti i giorni escluso i festivi, dalle ore 10.00 alle ore 13.00 e dalle ore 16.00 alle ore 19.30

Comunicato stampa

“…quell’ equilibrato istante fra la consapevolezza di ciò che è stato e la matura inconsapevolezza di ciò che sarà”

Comunicato stampa

Roma, 16 ottobre 2013 -Dal 7 novembre al 30 novembre 2013 negli spazi espositivi della Galleria monogramma di via Margutta, si terrà la mostra di Giuseppe Resci“That place between”curata da Teresa Emanuele. Circa 15 scatti in bianco e nero delineano un percorso espositivo che non segue una cronologia, ma che aspira a narrare i luoghi e le visioni più intime della vita del fotografo



That place between, il titolo della mostra, indica infatti un luogo che è anche uno stato d’animo, situato a metà tra la vita passata e il futuro dell’artista. In questo luogo, spiega Teresa Emanuele:“il presente si riduce così a quell'equilibrato istante fra la consapevolezza di ciò che è stato e la matura inconsapevolezza di ciò che sarà”.

Una spinta prettamente emotiva ha guidato la scelta espositiva delle opere, tratte dalla vasta produzione di Giuseppe Resci, che comprende ritratti, autoritratti, still life e paesaggi. Alla varietà dei soggetti si oppone la continuità della tecnica e dei contenuti emotivi. È questa“coerenza dell'artista, più emotiva che fotografica”che – come scrive ancora Teresa Emanuele –“diviene firma dell’autore”.

Nelle sue opere, Giuseppe Resci rappresenta mondi onirici sospesi sulla realtà ordinaria. Riflessi, ombre e talvolta manichini si alternanoalla figura umana e svelano all’osservatore la dimensione percettiva ancestrale dell’immaginario e dell’inconscio.

monogramma arte contemporanea - via margutta, 57 00187 Roma
tel. +39 06 32650297 Fax +39 06 32655574 – [email protected] - www.monogramma.it



Il titolo della mostra ha una forte connotazione autobiografica: nato nel 1959, Resci ha cominciato a fotografare non ancora ventenne e da autodidatta. Si è laureato in Medicina e Chirurgia a Roma dove ha lavorato come medico e dove ha frequentato anche la Scuola Romana di Fotografia e Cinema. La professione medica, benché svolta con dedizione, lo ha però allontanato per anni dalla sua vera passione: la fotografia.

Dieci anni fa giunge prorompente la decisione di cambiare vita e di tornare dietro l’obbiettivo. Studia, si aggiorna e si dedica a tempo pieno alla sua originaria attività. La sua è dunque una rinascita insieme professionale e personale, dettata anche dal desiderio rabbioso di riappropriarsi del tempo perduto. Scaturisce da qui la capacità di “conoscere il luogo infinitesimale dell'essenza dei gesti”e di catturarlo “con fare impetuoso, per poi trovare una calma serena e solitaria di fronte al respiro statico di un paesaggio”.