Giulia Mangione – Halfway Mountain

Bolzano - 23/10/2018 : 24/11/2018

Secondo il World Happiness Report, un'indagine annuale sullo stato della felicità globale, commissionata dalle Nazioni Unite, la Danimarca è spesso classificata come la "nazione più felice del mondo”. Mentre studiava fotografia in Danimarca nel 2014, l'italiana Giulia Mangione ha dovuto lavorare a un progetto finale. La maggior parte dei suoi compagni di classe è andata in paesi lontani. Giulia ha deciso di rimanere per capire cosa ha reso la Danimarca il paese più felice del mondo.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA FOTO-FORUM
  • Indirizzo: Via Weggenstein 2/1 - Bolzano - Trentino-Alto Adige
  • Quando: dal 23/10/2018 - al 24/11/2018
  • Vernissage: 23/10/2018 ore 19
  • Autori: Giulia Mangione
  • Generi: fotografia, personale

Comunicato stampa

Laut dem ‘World Happiness Report’, einem jährlichen Überblick über den Zustand des globalen Glücks im Auftrag der Vereinten Nationen, wird Dänemark oft als das "glücklichste Land der Welt" eingestuft.
Als die Italienerin Giulia Mangione 2014 in Dänemark Fotografie studierte, musste sie ein Abschlussprojekt wählen. Die meisten gingen dafür in ferne Länder. Giulia beschloss zu bleiben, um zu verstehen, was Dänemark zum glücklichsten Land der Welt machte.
"Die Leute fragen mich oft, ob die Dänen wirklich die glücklichsten Menschen der Welt sind. Ich habe immer noch keine Antwort darauf. Aber ich weiß, was ich an den Dänen mag

Mir gefällt, dass sie Friedhöfe als Orte nutzen, um das Leben mehr als den Tod zu feiern. Ich mag ihr angeborenes Gefühl der Freiheit, das zu sein, was sie sein wollen. Mir gefällt die Tatsache, dass Dänen auf die "højskole" (High School) gehen, um etwas fürs Leben zu lernen, um sich bewusst zu sein, worin sie gut sind und was sie glücklich macht.
In ihrer Neujahrsansprache 2017 sagte Königin Margrethe von Dänemark: ‘Versuchen Sie, etwas zu tun, was nicht notwendig ist, etwas, das es nicht braucht, etwas, das sinnlos ist!’ Und weiter: ‘Ich denke, es ist wichtig, Erfahrungen zu machen, die unsere Sinne ansprechen, etwas, das unsere Vorstellungskraft anregt, das den Geist stimuliert und unsere Welt erweitern kann. Das ist letztendlich doch nicht so sinnlos.’
Als ich durch Dänemark fuhr und oft in einem Zelt bei strömendem Regen schlief, fragte ich mich, warum ich das tue. Aber jetzt habe ich das Gefühl, dass Margrethe Recht haben könnte."

it

Secondo il World Happiness Report, un'indagine annuale sullo stato della felicità globale, commissionata dalle Nazioni Unite, la Danimarca è spesso classificata come la "nazione più felice del mondo”.
Mentre studiava fotografia in Danimarca nel 2014, l'italiana Giulia Mangione ha dovuto lavorare a un progetto finale. La maggior parte dei suoi compagni di classe è andata in paesi lontani. Giulia ha deciso di rimanere per capire cosa ha reso la Danimarca il paese più felice del mondo.
"La gente spesso mi chiede se i danesi sono davvero le persone più felici del mondo. Non ho ancora una risposta a questo. Ma so cosa mi piace dei danesi. Mi piace che usino i cimiteri come luoghi per celebrare la vita più della morte. Mi piace il loro innato senso di libertà nell'essere ciò che vogliono essere. Mi piace il fatto che i danesi vadano a "højskole" (scuola superiore) per imparare qualcosa per la vita, per essere consapevoli di ciò in cui sono bravi e di ciò che li rende felici.
Nel suo discorso del nuovo anno 2017, la regina Margrethe di Danimarca ha detto: ‘Prova e fai qualcosa che non è necessario, qualcosa di cui non ci sia bisogno, qualcosa di inutile!’
E ha continuato: ‘Penso che sia importante avere esperienze che facciano appello ai nostri sensi, qualcosa che ispira la nostra immaginazione, che stimola la mente, e che può allargare il nostro mondo. Dopo tutto non è poi così inutile.’
Guidando in giro per la Danimarca, spesso dormendo in una tenda sotto la pioggia battente, mi sono trovata a chiedermi perché lo stavo facendo. Ma ora ho la sensazione che Margrethe abbia ragione."


en

According to the World Happiness Report, a yearly survey of the state of global happiness, commissioned by the United Nations, Denmark is often ranked as the ‘happiest country in the world’.
While studying photography in Denmark in 2014, Italian Giulia Mangione had to work on a final project. Most of her classmates went to far away countries. Giulia decided to stay to understand what made Denmark the happiest country in the world.
“People often ask me if the Danes are really the happiest people in the world. I still don’t have an answer to this. But I know what I like about the Danes. I like that they use cemeteries as places to celebrate life more than death. I like their innate sense of freedom in being what they want to be. I like the fact that Danes go to ‘højskole’ (High School) to learn something for life, to be aware of what they are good at and what makes them happy.
In her New Year’s Speech 2017, Queen Margrethe of Denmark said: ‘Try and do something that is not necessary, something that there is no need for, something pointless!’ And continued: ‘I think it is important to have experiences that appeal to our senses, something that inspires our imagination, that stimulates the mind, and that can enlarge our world. That is not so pointless after all.’
Driving around Denmark, often sleeping in a tent under pouring rain, I would find myself asking why I was doing it. But now I have the feeling that Margrethe might be right.”