Giovanni Termini – Disarmata

Pesaro - 30/11/2013 : 23/02/2014

Fondazione Pescheria-Centro Arti Visive è lieta di annunciare la mostra personale di Giovanni Termini (Assoro, 1972) che presenta per gli spazi della Chiesa del Suffragio il progetto dal titolo Disarmata.

Informazioni

  • Luogo: CENTRO ARTI VISIVE - PESCHERIA
  • Indirizzo: Corso XI Settembre 184 - Pesaro - Marche
  • Quando: dal 30/11/2013 - al 23/02/2014
  • Vernissage: 30/11/2013 ore 18,30
  • Autori: Giovanni Termini
  • Curatori: Ludovico Pratesi
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: _dal martedì al venerdì 16.30-20.30 _sabato, domenica e festivi 10-12.30/16.30-20.30 lunedì_ giorno di chiusura
  • Biglietti: -persona singola €4.00 -20-25 anni €2.00 -oltre i 65 anni €2.00 -possessori Card PesaroCult/Musei Civici Pesaro €2.00 -Gruppi (min. 5 persone) persona singola € 3.00 ingresso gratuito: -0-19 anni -per i portatori di handicap e accompagnatore -per i membri ICOM (International Council of Museums) -per i possessori di tessera AMACI -per le scolaresche (studenti più insegnanti di scuole elementari, medie inferiori e superiori) -per i giornalisti con tessera professionale
  • Patrocini: La mostra è realizzata grazie al sostegno di: Comune di Pesaro, Bertozzini costruzioni, Gamba manifatture 1918, Ifi-Arredi Bar Gelaterie Pasticcerie, Isopak Adriatica Spa, Banca dell’Adriatico, Gruppo Di.Ba, gruppo Amici in Pescheria, gli sponsor tecnici Hotel Alexander Museum, Il Pesaro.it, Acanto e Costantini.
  • Editori: SILVANA EDITORIALE

Comunicato stampa

Fondazione Pescheria-Centro Arti Visive è lieta di annunciare la mostra personale di Giovanni Termini (Assoro, 1972) che presenta per gli spazi della Chiesa del Suffragio il progetto dal titolo Disarmata.
Giovanni Termini esibisce nell’ampio spazio circolare della Chiesa una grande installazione in legno e ferro dal titolo Armatura; si tratta di uno scheletro armato dall’anima vuota, utilizzato di prassi per l’edilizia. L’artista ha scelto di affidare la fabbricazione dell’imponente struttura proprio ai costruttori che di norma realizzano le fondamenta e le opere murarie

Con questa operazione, Giovanni Termini intende indagare il presente attraverso l’assenza, una mancanza che diviene materiale e che si caratterizza come un’armatura vuota, fine a se stessa poiché decontestualizzata.
Nel reinterpretare una nuova idea di linguaggio scultoreo contemporaneo, l’artista utilizza materiali industriali lasciati grezzi, ma per questo estremamente comunicativi nel rappresentare una società disarmata e spesso inconsapevole delle proprie modalità d’azione. Giovanni Termini carica i suoi lavori dell’arma dell’ironia, per sottolineare il ruolo dell’artista nella società, all’ombra di quella che Zygmunt Bauman ha concepito come “vita liquida”.
La mostra si completa con una scultura, intitolata Disarmata da se stessa, costruita da stratificazioni di piattelli, anch’essi decontestualizzati e quindi resi opera d’arte, come fossero una sorta di totem da venerare, non senza una dose sottile di sarcasmo capace di rendere nuovo senso e valore agli oggetti comuni utilizzati. Infine l’artista propone la scultura intitolata Idea di coesione, in cui il rapporto tra l’espressione linguistica e la materia utilizzata crea un gioco di corrispondenze formali e concettuali tra l’opera e il pubblico.

La mostra sarà accompagnata da un catalogo edito da Silvana Editoriale, contenente le immagini delle opere esposte, un’intervista e un testo di Ludovico Pratesi.

Note biografiche
Giovanni Termini è nato ad Assoro (EN) nel 1972, vive e lavora a Pesaro. Mostre personali selezionate: 2012 “Pull” Galleria Artcore, a cura di Andrea Bruciati, Bari; 2011 “Zona limitata” Galleria Piomonti Arte contemporanea, a cura di Angelo Capasso, Roma; 2009 Galleria Fuorizona Arte contemporanea, Macerata a cura di Alberto Zanchetta; 2008 “Zero”, Otto Gallery, Bologna; 2007 “Dove tutto è niente” Palazzo Fondazione A. Pomodoro a cura di Bruno Corà, Pietrarubbia Castello (PU). 2004 “W lo S.P.A.C.” a cura di Renato Barilli, Frontino (PU). Mostre collettive selezionate: 2013 “(P)ARERGA &(P)ARALIPOMENA DELLA (P)ITTURA” a cura di Alberto Zanchetta, Bonelli LAB, Canneto sull’Oglio (Mn); 2012 “Sprezzatura”, Homo faber, Homo dialecticus, a cura di Alberto Zanchetta, Galleria Zelle di Palermo e L.E.M di Sassari; C_Artelibro, “Il principio delle pagine”, a cura di Danilo Montanari, Biblioteca universitaria di Bologna; 2011 (to)PUZZLE, a cura di Alberto Zanchetta, Otto Gallery, Bologna; 2011 “L’angolo obliquo” a cura di Alberto Zanchetta, Galleria EFFEarte, Milano; 2009 “Premio Giovani” Accademia Nazionale di San Luca, Roma; 2008 “Not so private” Villa delle Rose, Bologna; 2008 XV Quadriennale di Roma, Palazzo delle Esposizioni; 2006 “1 Premio Internazionale Giovani Scultori” Fondazione Arnaldo Pomodoro, Milano; 2005 “Materika” a cura di Aleksander Bassin, Claudio Cerritelli, Radovan Vukovic, Peter Weiermair