Giovanni De Angelis – Art Rewind #1

Roma - 19/10/2015 : 19/10/2015

Alla presentazione del libro fotografico, oltre all'autore Giovanni De Angelis, intervengono Laura Cherubini, Paola Ugolini e alcuni degli artisti ritratti nel libro.

Informazioni

Comunicato stampa

Per questa serie di ritratti di artisti Giovanni De Angelis non sceglie di eseguire uno scatto classico. Cerca invece di individuare nell’opera dell’artista i processi del lavoro e all’interno dello studio gli oggetti più significativi. Sono oggetti che fanno parte del paesaggio dello studio. A quel punto la fotografia si concentra su un’azione, anzi su una microazione che però riconduce sempre al lavoro. De Angelis chiede agli artisti di eseguire una piccola azione, di offrirla. Poi la dirige come un regista, in un continuo via vai tra il set e la macchina fotografica

Ogni foto è un’interpretazione del lavoro dell’artista.

Giovanni De Angelis è nato a Napoli nel 1969 ma vive e lavora a Roma dal 1992. Si avvicina alla fotografia tradizionale appena adolescente e da subito sviluppa un forte interesse per la ricerca sulla percezione visiva: nel 2004, con Luceveloce, inizia uno studio che mira ad indagare le infinite potenzialità della luce ed il suo interagire con i corpi. Tra il 2005 ed il 2006, in una dimensione che oscilla tra pittura e fotografia, prosegue la sua indagine con Luce dissolve, dove figure solitarie, immobili o in movimento, attraversano con le loro ombre fasci luminosi. Lo sviluppo della sua ricerca evolve verso un crescente interesse per gli aspetti della modernità, delle società e delle metropoli giapponesi ed indiane, come dimostrano Strade con pioggia, Sui iki e Churchgate, lavori esposti in molte gallerie in cui l’interesse per la cultura orientale è colto con uno sguardo etno-antropologico.

Il lavoro di Giovanni De Angelis ricrea a volte le memorie di chi memoria non ha più, come nel caso di Sansoni elide. In uno degli ultimi progetti, WATer DroPS presentato al MACRO De Angelis affronta il tema della gemellarità da una doppia prospettiva, sociale ed antropologica, slegandosi dall’idea del semplice reportage per giungere ad approfondire i temi dell’identità, dell’unicità dell’individuo e del suo rapporto con l’altro.

Fotografie di: Giovanni De Angelis
Testo di: Laura Cherubini
Editore: Maretti Editore
Formato: 21,5x26 cm, brossurato / 8,46x10,23 in, paperback
Pagine: 128
Fotografie: 82 b/w + redline