Giovanna Sottini – Voyage

Merano - 15/10/2011 : 12/11/2011

La pittura dell'artista raccontata in Voyage si concentra sugli aspetti, le icone e le parole costanti nella nostra quotidianita'.

Informazioni

  • Luogo: WHITE ART GALLERY
  • Indirizzo: Corso Della Libertà 156 - Merano - Trentino-Alto Adige
  • Quando: dal 15/10/2011 - al 12/11/2011
  • Vernissage: 15/10/2011 ore 17.30
  • Autori: Giovanna Sottini
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da martedì a venerdì dalle 15:30 alle 18:00, sabato dalle 10:00 alle 13:00. lunedì e domenica su appuntamento
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

La White Art Gallery di Merano ha il piacere di invitarvi sabato 15 ottobre 2011 alle ore 17:30 all'inaugurazione dell'evento espositivo "Voyage, viaggio nella nostra quotidianità", mostra personale dell'artista Giovanna Sottini. "Riusciamo ad entrare nel mondo di Giovanna Sottini se disposti al viaggio, a tutto ciò che è diverso, con la volontà di scoprire la realtà che ci circonda con le sue radici e la sua storia". La pittura dell'artista, in stretto rapporto con la fotografia, si concentra principalmente sugli aspetti ed i significati di simboli, icone e parole che sono diventati presenze costanti nella nostra quotidianità

Questo è ciò che emerge in molti dei suoi lavori come nell'opera "Coca Cola", in cui le lettere arabe che compongono il nome sono scritte in un carattere differente da quello occidentale ma, essendo un marchio globale, ci riconducono ad un prodotto conosciuto in tutto il mondo. Nell'opera "Special K" come in "Durex" e "Coca Cola" è impiegata la parola come valore aggiunto all'immagine, amplificando il significato del soggetto rappresentato. Con l'opera "Thé ieri", l'artista gioca con la superficie delle teiere dando origine ad un "luogo" costituito da spazi concavi-convessi e riflessi di luce che, proprio come in un caleidoscopio, portano alla meditazione. Infine, con l'opera "Caramelle" si apre un nuovo ciclo produttivo: a differenza delle precedenti opere che hanno come base il viaggio fisico e le esperienze maturate dall'artista, questo lavoro conduce lo spettatore ad un percorso verso l'infanzia.