Gianni Caruso – Volere Volare

Genova - 08/10/2011 : 20/12/2011

Una mostra personale dedicata a Gianni Caruso, artista concettuale a tutto tondo, che ritorna ad esporre a Quarto accettando il caloroso invito del direttivo dell’Istituto per le Materie e le Forme Inconsapevoli.

Informazioni

  • Luogo: MUSEOATTIVO CLAUDIO COSTA
  • Indirizzo: via Giovanni Maggio, 6 - Genova - Liguria
  • Quando: dal 08/10/2011 - al 20/12/2011
  • Vernissage: 08/10/2011 ore 17.30
  • Autori: Gianni Caruso
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: tutti i giorni dalle 8.00 alle 20.00

Comunicato stampa

In occasione della Settima Edizione della Giornata del Contemporaneo, l’8 ottobre 2011, il Museattivo Claudio Costa apre le porte al pubblico con un evento molto speciale: una mostra personale dedicata a Gianni Caruso, artista concettuale a tutto tondo, che ritorna ad esporre a Quarto accettando il caloroso invito del direttivo dell’Istituto per le Materie e le Forme Inconsapevoli.
Volere Volare è il titolo della mostra, mutuato dall’omonima installazione che l’artista ha creato appositamente per quest’occasione


L’installazione “ Volere volare” sintetizza il personalissimo percorso dell’artista che nell’ambito del concettualismo italiano trova, agli inizi degli anni ’60, Torino fucina di idee e protagonismi.
In quell’ambito si sviluppa anche la fantastica stagione del poverismo che, auspice il critico genovese Germano Celant, si afferma nel mondo ed al quale anche Caruso si accosta in modo assolutamente eccentrico e personale.
L’impegno civile e la capacità di essere, al tempo, artista e promotore d’arte tracciano la figura che Caruso si costruisce in un momento storico difficile, i difficili anni ‘70 ,ma tale da rendere il suo atelier torinese una fucina ed un centro tra i più attivi a Torino ed in Italia.
La sua prima esperienza espositiva a Genova gliela offre l’amico Claudio Costa nell’allora spazio Paradigma dell’ex Ospedale Psichiatrico di Quarto.
Di questa esperienza Caruso conserva un ricordo che si arricchisce alcuni anni dopo di un’altra affascinante esperienza con Claudio, Gilardi ed altri, in una mostra tenuta nell’ex Osp. Psich.Villa Azzurra di Grugliasco.
Il suo “Volere Volare” di oggi sottolinea la straordinarietà propria della mente umana di concepire meta-parole e meta-sogni con il gioco del trucco scenico e l’incanto di una visione fanciullesca.