Giacomo Costa – Time(e)scapes

Genova - 06/10/2018 : 12/01/2019

Megalopoli futuristiche, fanghi post-atomici, rovine urbane. Questi i soggetti del lavoro che Giacomo Costa ha sviluppato a partire dai primi Agglomerati che rappresentarono nel 1996 il suo esordio nel mondo dell’arte.

Informazioni

  • Luogo: GUIDI & SCHOEN
  • Indirizzo: Piazza dei Garibaldi 18 - Genova - Liguria
  • Quando: dal 06/10/2018 - al 12/01/2019
  • Vernissage: 06/10/2018 ore 18
  • Autori: Giacomo Costa
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da Martedì a Sabato 10.00 - 12.30 / 16.00 - 19.00 Giovedì 10.00 - 19.00

Comunicato stampa

Megalopoli futuristiche, fanghi post-atomici, rovine urbane. Questi i soggetti del lavoro che Giacomo Costa ha sviluppato a partire dai primi Agglomerati che rappresentarono nel 1996 il suo esordio nel mondo dell’arte. Da allora ogni opera creata da Costa è andata a comporre un immaginario che utilizza il fascino dei paesaggi, e della loro innegabile respingente bellezza, per sviluppare una riflessione sull’effetto che l’azione umana produce sul pianeta che abitiamo


Che fossero costruzioni minimali, come i monocromi Orizzonti del 1999 e i lisergici Landscape del 2012, metropoli impazzite e inspiegabili come gli Atti del 2006, foreste nelle quali una natura vendicativa si riappropria dello spazio come nei Gardens esposti alla Biennale del 2009, fino ad oggi le opere di Costa erano istantanee che fermavano gli avvenimenti nel momento stesso in cui avvenivano. Stava a noi, spettatori affascinati ed attoniti, immaginare un prima e un dopo.
Fino ad oggi...
Dopo una lunga ricerca, tecnica e formale, nel 2018 vede luce il progetto TIME(e)SCAPES.
Si tratta di videoboxes - così li definisce l’artista fiorentino secondo un neologismo che mette insieme i lightboxes tanto usati nell’arte contemporanea e i videomonitors - nei quali l'immagine perde la sua staticità per svilupparsi nel tempo. Una rappresentazione fatta di frames che a uno sguardo distratto potrebbe sembrare una normale fotografia, ma che, impercettibilmente, cambia attimo dopo attimo, stravolgendo, con il lento passare del tempo, il soggetto che diventa altro.
Quindi finalmente Costa ci svela come sono nati e cosa diventeranno quei suoi mondi così diversi eppure a volte così familiari?
No.
Non questa volta.
Le città crollano, le montagne si alzano dal nulla ma in realtà niente cambia veramente. Quando tutto sembra mutato, lentamente, così come era accaduto l’immagine ritorna come era. Gli iceberg si sciolgono, i mari si placano, ritornando al punto di partenza, per poi ricominciare. Ci accorgiamo di non essere spettatori di un racconto che partendo da un inizio ci conduce ad una fine ma prigionieri di un loop. Una sorta di sogno, o di incubo forse, dal quale non è possibile uscire. Ritrovando quella sensazione composta da un misto d’impotenza e irragionevole attrazione, che proviamo di fronte agli eventi che non riusciamo a controllare perché troppo grandi per noi piccoli esseri umani.
Anche questa volta Costa non propone soluzioni e risposte, ma utilizza la sua capacità di costruire immagini terribili e affascinanti per provocare inquietudini che stimolino interrogativi. Le risposte non competono ne a lui ne a ciascuno di noi singolarmente, ma devono obbligatoriamente essere collettive. Sperando che ci portino nella direzione giusta.


Giacomo Costa è nato nel 1970 a Firenze, dove vive e lavora.
Tra il 1999 e il 2000 ha partecipato alla XIII Quadriennale di Roma ed esposto da Photology a Londra, alla Arthur Roger Gallery di New Orleans, alla Laurence Miller Gallery di New York. Nel 2001 è stato invitato ad esporre al Contemporary Art Center di New Orleans. Nel 2006 alla X Biennale di Venezia - Architettura. Nello stesso anno un suo Agglomerato è stato esposto al Centre Pompidou di Parigi, entrando a far parte della collezione permanente. Nel 2007 ha partecipato alla mostra C-Photo Exhibition presso Phillips De Pury a New York. Nel 2009 l’editore Damiani ha pubblicato una monografia che ripercorre la sua ricerca con prefazione di Sir Norman Foster. Nello stesso anno ha rappresentato l’Italia alla 53^ Biennale d’Arte di Venezia. Nel 2010 il suo lavoro è stato inserito nel prestigioso volume della Taschen Architecture Now! vol 7. Nel 2011 ha esposto con una personale all’Hangaram Art Museum di Seul. Nel 2012 ha realizzato la scenografia de Il gioco dell'amore e del caso di Marivaux con i costumi del premio Oscar Gabriella Pescucci e Il New York Times gli ha dedicato un’intera pagina all’interno della sua edizione internazionale. Nel 2013 è stato invitato ad esporre al Leopold Museum di Vienna. Nel 2014 ha esposto all’UQ Museum di Brisbane. Nel 2015 ha presentato Subjektiv und Surreall alla Triennale di Fotografia di Amburgo.


Trasformare lo spazio in tempo. Intervista a Giacomo Costa

Gli innovativi videobox e il primo disegno a matita animano la mostra dedicata a Giacomo Costa dalla galleria genovese Guidi&Schoen.