Gabriel Kuri – Punto y línea en el altiplano

Torino - 04/05/2013 : 30/05/2013

La Galleria Franco Noero da maggio 2013 trasferisce la sua attività nel nuovo spazio di Via Mottalciata 10/B, al limite del quartiere Barriera nella zona nord della città, in una ex carrozzeria degli anni ʼ50 con una superficie espositiva di oltre 600 mq. La personale Punto y línea en el altiplano dellʼartista messicano Gabriel Kuri inaugura il programma del nuovo spazio.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA FRANCO NOERO - NEW SPACE
  • Indirizzo: Via Mottalciata 10b - Torino - Piemonte
  • Quando: dal 04/05/2013 - al 30/05/2013
  • Vernissage: 04/05/2013 ore 18-21
  • Autori: Gabriel Kuri
  • Generi: arte contemporanea, inaugurazione, personale
  • Orari: Dal Martedì al Venerdì, 11:00 - 19:00. Lunedì e Sabato: 15:00 - 19:00
  • Email: info@franconoero.com

Comunicato stampa

Apertura della nuova sede espositiva, Torino 4 maggio 2013
La Galleria Franco Noero da maggio 2013 trasferisce la sua attività nel nuovo spazio di Via
Mottalciata 10/B, al limite del quartiere Barriera nella zona nord della città, in una ex carrozzeria
degli anni ʼ50 con una superficie espositiva di oltre 600 mq.
Il progetto è stato affidato allʼarchitetto Flavio Albanese, che ha ridisegnato lo spazio con una serie
di interventi radicali, pur mantenendo ed evidenziando le caratteristiche essenziali dellʼedificio,
esempio di architettura ʻspontaneaʼ tipica dello sviluppo industriale torinese di metà Novecento

La
nuova galleria si colloca in un tessuto urbano di piccole fabbriche e laboratori artigianali tuttora
attivi accanto a nuove realtà creative, che è interessato dal progetto di rinnovamento urbanistico
che trasformerà lʼintera area nord di Torino.
La personale Punto y línea en el altiplano dellʼartista messicano Gabriel Kuri inaugura il
programma del nuovo spazio, sabato 4 maggio 2013.
La mostra dellʼamericano Darren Bader #I am just living to be dying by your side, ha concluso
invece lʼarticolato programma iniziato a marzo 2008 negli spazi della ʻFetta di Polentaʼ. Lo storico
edificio antonelliano è stato trasformato in cinque anni di intensa attività in un vero e proprio
ʻlaboratorio di ideeʼ, con progetti che per la loro specificità hanno attirato uno straordinario numero
di visitatori e grande attenzione. Parallelamente alla programmazione dello spazio di Via
Mottalciata 10/B, nuovi progetti speciali continueranno a essere ospitati in futuro nella ʻFetta di
Polentaʼ.
Radicalmente differente sarà lʼapproccio progettuale degli artisti invitati a confrontarsi con gli
ambienti della nuova galleria dove, oltre alle mostre presentate, due spazi distinti allʼentrata e al
piano interrato saranno messi a disposizione di alcune realtà editoriali indipendenti e spazi no
profit, tra i più interessanti del panorama italiano e internazionale. Invitati per un periodo da 6 a 12
mesi, gli ʻospitiʼ proporranno un programma completamente autonomo da quello della galleria, con
lʼintento di generare vere e proprie contaminazioni di linguaggi e sperimentazioni contemporanei.
La programmazione della nuova sede proseguirà a giugno con un importante progetto dedicato a
uno dei più grandi fotografi del ʻ900, Robert Mapplethorpe, di cui una sezione sarà curata da
Richard Flood. A settembre la galleria ospiterà la personale del canadese Andrew Dadson, per
proseguire a novembre, in concomitanza con Artissima 2013, con la seconda mostra a Torino di
Mark Handforth e a gennaio 2014, con la prima personale in Europa del giovane artista brasiliano
Paulo Nazareth.