Franco Giuli

Milano - 17/01/2012 : 10/02/2012

La mostra accompagnata da un saggio di Luciano Caramel raccogli una quindicina tra le opere più significative degi anni recenti.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA SCHUBERT
  • Indirizzo: Via Sirtori 11 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 17/01/2012 - al 10/02/2012
  • Vernissage: 17/01/2012 ore 18
  • Autori: Franco Giuli
  • Curatori: Luciano Caramel
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da martedì a venerdì 11-19 lunedì 15-19 chiuso sabato e domenica

Comunicato stampa

Martedì 17 gennaio alle ore 18 presso la Galleria Schubert, via Fontana 11, 20122 Milano, si inaugura la mostra personale di Franco Giuli a cura del professor Luciano Caramel.
Franco Giuli è nato a Cerreto D’Esi (AN) nel 1934. Vive e lavora a Fabriano e Roma. Attivo dagli anni sessanta, porta ora a Milano il frutto della sua intensa ricerca con il più recente lavoro inciso su cartoni da imballo dove maggiormente si evidenzia una precisa fenomenologia spaziale


Molti sono stati i critici ad interessarsi del suo lavoro e molte le gallerie che li hanno ospitati, così come molte sono state le sue partecipazioni ad eventi internazionali quali la XXXVI Biennale internazionale d’Arte di Venezia del 1972, invitato da Mauro Reggiani. Biennale che rivedrà le sue opere nel 2007 tra gli "Eventi Collaterali" e nel 2011. Inoltre nel 1988 lo si vede coprotagonista dell'importante mostra "Astratta - Secessioni astratte in Italia dal dopoguerra al 1990", palazzo Forti, Verona, Permanente di Milano e Kunsthalle di Darmstad.
Recentemente una sintesi della sua attività dal 1959 al 2009 è stata raccolta in una monografia per i tipi di De Luca Editori d'Arte dove Caramel dice: "... nella pittura di Giuli ricerca e sperimenta con un'interazione problematica tra elaborazione concettuale e applicazione fattuale, rigore costruttivo e lirismo cromatico, che spiega la diversità nella continuità del suo lavoro, sempre riconoscibile, ma non ripetitivo, oltre che legato dal metodo e non da cifre stilistiche.".
La mostra accompagnata da un saggio di Luciano Caramel raccogli una quindicina tra le opere più significative degi anni recenti.