Franco Giuli – Opere dal 2008 al 2016

Roma - 06/07/2016 : 04/09/2016

Le circa trenta opere esposte documentano la ricerca dell’artista attraverso la sperimentazione con vari materiali; negli ultimi anni, in particolare, Giuli ha impiegato differenti tipologie di cartoni da imballaggio ricavandone soluzioni spaziali, di superficie e cromatiche di grande suggestione.

Informazioni

  • Luogo: MUSEO CARLO BILOTTI - ARANCIERA DI VILLA BORGHESE
  • Indirizzo: Viale Fiorello La Guardia - 00197 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 06/07/2016 - al 04/09/2016
  • Vernissage: 06/07/2016 ore 18 su invito
  • Autori: Franco Giuli
  • Curatori: Bruno Corà
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: da martedì a venerdì ore 13.00 - 19.00 (ingresso consentito fino alle 18.30) Sabato e domenica ore 10.00 - 19.00 (ingresso consentito fino alle 18.30)
  • Biglietti: ingresso libero

Comunicato stampa

Dal 6 luglio 2016 il Museo Carlo Bilotti, all’Aranciera di Villa Borghese, ospiterà la mostra dedicata all’artista Franco

Giuli, a cura di Bruno Corà, promossa da Roma Capitale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.

Le circa trenta opere esposte documentano la ricerca dell’artista attraverso la sperimentazione con vari materiali;

negli ultimi anni, in particolare, Giuli ha impiegato differenti tipologie di cartoni da imballaggio ricavandone soluzioni

spaziali, di superficie e cromatiche di grande suggestione



L'elaborazione di materiali extrapittorici ha spinto Giuli a dotare la struttura delle sue opere di piani prospettici e rilievi

che definiscono la sua opera tra le più avanzate sul fronte pittorico-plastico.

Nel 1974, Cesare Vivaldi, segnalando Franco Giuli per il premio nazionale Bolaffi, dichiarava: “Giovane artista tra i più

interessanti nel panorama del nuovo astrattismo italiano” e Nello Ponente nel 1977 affermava che le sue pitto-

sculture producono una percezione immediata, assoluta e senza inganni.

Franco Giuli ha partecipato, dal 1960, alle più importanti mostre nazionali e internazionali, tra le quali: la XXXVI

Biennale di Venezia nel 1972, nel 2007 (eventi collaterali) e nel 2011; Astratta, Secessioni Astratte in Italia dal

dopoguerra ad oggi, Verona, Milano e Darmstadt; Linee della Ricerca Artistica in Italia dal 1960 al 1980, Palazzo delle

Esposizioni, Roma; Nuove tendenze della Pittura Europea, Dusseldorf; Museo delle Collezioni, Bucarest; Rapporti tra

Critica Analitica e ricerca nelle Arti Visive, Galleria Comunale d’Arte Moderna, Bologna; Art’90 For Europe, Londra;

Domotecnica, Colonia; Art 7 Basel; Arte Fiera Bologna; Galleria d’Arte Moderna, Gallarate; L’Arte Italiana del XX secolo

attraverso i grandi marchigiani, Mosca e Mole Vanvitelliana, Ancona; Museo de Arte Contemporanea Rio de la Plata,

Argentina; Centro de Esposiciones y Congresos, Saragozza, Spagna. Recentemente ha realizzato una scultura in acciaio

per il Parco internazionale di Portofino.

Nel 2013, la mostra personale di Franco Giuli, alla Galleria Edieuropa di Roma, a cura di Bruno Corà, è stata

protagonista della fiction Il restauratore 2, andata in onda su RAI 1 in prima serata.

Tra i riconoscimenti, si annoverano il Premio Michetti, il Premio Marche e il Premio Termoli. Nel 2014, ha ricevuto in

Campidoglio il premio Il marchigiano dell’anno.