Floating Cube. 10 anni 10 autori 10 opere

Giussano - 16/10/2017 : 16/11/2017

La quadreria Contemporanea di Molteni&C in mostra con un nuovo concept espositivo di Ron Gilad – a cura di Cristiana Colli.

Informazioni

  • Luogo: MOLTENI COMPOUND
  • Indirizzo: Via Rossini 50 20833 - Giussano - Lombardia
  • Quando: dal 16/10/2017 - al 16/11/2017
  • Vernissage: 16/10/2017
  • Autori: Ron Gilad
  • Curatori: Cristiana Colli
  • Generi: fotografia
  • Orari: Lun – Ven, 10.00 – 16.00 Su appuntamento

Comunicato stampa

La quadreria Contemporanea di Molteni&C in mostra con un nuovo concept espositivo di Ron Gilad – a cura di Cristiana Colli.

Dentro M&C, il giornalone multiculturale e plurale bilingue inventato da Luca Meda da 10 anni si annida, intima e segreta, una committenza fotografica, Visual Art, che contrappunta ogni edizione, ogni Salone del Mobile.
Un progetto inaugurato nel 2006, ideato e curato da Cristiana Colli, un dono annidato al centro del giornale, una collezione condivisa, accessibile, diffusa


Così la Quadreria Contemporanea è stata l’opera in cammino che ha reso manifesta l’esperienza, l’idea di collezione, lo stile di collezionismo, la rete di collezionisti - imprevedibile, ibrida, mobile.
Ora, dal giornalone M&C, la collezione arriva a Giussano, all’interno del Compound, presentata in un allestimento site specific per Glass Cube, chiamato “Floating Cube”, con il concept espositivo di Ron Gilad.

“Sarà un cubo dentro un cubo,
una stanza sospesa senza entrata e senza uscita,
uno spazio inaspettato per l’arte”


Ron Gilad

Uno spazio in uno spazio che esiste, inaspettato e flottante su qualche centimetro d’acqua. Un volume quadrato atterrato al centro della struttura che diventa art gallery.


Venti le opere fotografiche in mostra, con altrettanti prodotti Molteni&C come protagonisti, realizzate da Paola De Pietri (2007), Francesco Jodice (2008), Antonio Biasiucci (2009), Olimpia&Miro Zagnoli (2010), Alessandra Spranzi (2011), Barbara Probst (2012), Davide Pizzigoni (2013), Botto&Bruno (2014), Mario Carrieri (2015), Olivo Barbieri (2016).