Festival Torino e le Alpi 2015

Torino - 10/07/2015 : 12/07/2015

Sull’arco alpino di Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria 100 occasioni di vivere e scoprire una montagna vivace, attuale, contemporanea. Un calendario specifico a Torino e dodici programmi satellite dalle Alpi Marittime alla Val d’Ossola.

Informazioni

Comunicato stampa

Torino, giugno 2015 – Scoprire una montagna “diversa”, nuova, creativa, dinamica. E’ l’obiettivo degli oltre 100 appuntamenti di arte e cultura del Festival Torino e le Alpi della Compagnia di San Paolo che si svolge tra il 10 e 12 luglio prossimo a Torino e in diverse località alpine del Piemonte, della Valle d’Aosta e della Liguria


Mostre d’arte, spettacoli, concerti, proiezioni, land art, passeggiate, reading, video making, attività per bambini daranno voce a una montagna che è allo stesso tempo fonte di ispirazione e sede di espressione artistica, protagonista e beneficiaria di creatività, soggetto e oggetto di interpretazione da parte degli artisti. Con un occhio di riguardo per i giovani, che, come artisti o pubblico, sono i destinatari prioritari. L’iniziativa, giunta alla seconda edizione, è promossa dalla Compagnia di San Paolo nell’ambito del suo Programma strategico triennale Torino e le Alpi. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.torinoelealpi.it.
Un festival “diffuso” su tutto l’arco alpino del Nord Ovest che intende rafforzare la consapevolezza e la coesione tra soggetti interessati al tema dello sviluppo della montagna e al suo legame con la città, con cui il dialogo è spesso problematico, se non inesistente. Con questa iniziativa la Compagnia di San Paolo intende infatti favorire l’identificazione di un sistema culturale montano che riunisca armonicamente tante iniziative in cui la creatività contemporanea sposa la capacità organizzativa. Le iniziative sul territorio alpino sono state selezionate i mesi scorsi tramite un bando culturale che, raccogliendo ben 126 proposte da Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, ha fatto emergere una vitalità creativa di grande significato.
Il Festival è il risultato della selezione di dodici rassegne culturali che hanno sede in tutto l'arco alpino del Nord Ovest, dalla Val d'Ossola alla Val Grana, dal Biellese alla Valle d'Aosta, dalle montagne liguri alle valli valdesi, e vedono protagonisti personalità del passato come Cesare Pavese, Primo Levi, Piergiorgio Frassati, Massimo Mila, Giusto Gervasutti, Nuto Revelli, Fabrizio De Andrè, Guido Rossa e di oggi come Mauro Corona, Giuseppe Cederna, Reinhold Messner, Hervé Barmasse, Catherine Destivelle, Enrico Camanni, Carlot-ta, Tiziano Fratus, Daniele Nardi, Francesco Tomasinelli, Philippe Richaud e molti altri. Attori teatrali, artisti, musicisti produrranno la loro arte nella natura, nei rifugi, sulle pareti delle montagne e sui muri delle cittadine alpine. Senza dimenticare il 150° anniversario della conquista del Cervino.
A Torino, il Festival offre un programma su tre sedi – Museo Nazionale della Montagna, Cinema Massimo e Circolo dei Lettori – che spazia dall’arte al teatro, dalla danza alla musica, dalla letteratura al cinema e che include anche un convegno sulle politiche territoriali. Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito, per i workshop è richiesta la prenotazione.
Giunto al suo secondo anno, il Programma strategico triennale Torino e le Alpi continua e potenzia le attività intraprese nel corso del 2014, in particolare il suo impegno per contribuire allo sviluppo economico e sociale dei territori alpini di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta, sostenendo la crescita di modelli sociali, culturali e produttivi innovativi, favorendo le analisi e la progettualità rispetto a politiche territoriali integrate e rafforzando il ruolo di Torino come riferimento del mondo alpino che la circonda.