Festival delle Arti Giudecca Sacca Fisola

Venezia - 11/09/2014 : 14/09/2014

La Fondazione Bevilacqua La Masa partecipa all'edizione 2014 del Festival delle Arti Giudecca Sacca Fisola: saranno organizzati sia eventi dedicati in modo specifico alla manifestazione, sia l'apertura al pubblico gli Atelier collocati presso il Chiostro dei SS. Cosma e Damiano alla Giudecca.

Informazioni

Comunicato stampa

11 – 14 settembre 2014 dalle ore 16.00 alle 20.00
Chiostro SS. Cosma e Damiano, Giudecca 620
Opere degli artisti: Giuseppe Abate e Paola Angelini, Anemoi, Pamela Breda, Samuele Cherubini, gli Impresari, Fabrizio Perghem, Fabio Roncato, Caterina Erica Shanta, Eleonora Sovrani

11 settembre 2014 ore 19.30
Fondamenta San Biagio, Giudecca 795
Gli Impresari & Paolo Buggiani presentano “La Tempesta”. Performance sonora in collaborazione con Guido Modanese

13 e 14 settembre 2014 ore 20.00
Chiostro SS

Cosma e Damiano, Giudecca 620
The Mechanical Tales in concerto


La Fondazione Bevilacqua La Masa partecipa all'edizione 2014 del Festival delle Arti Giudecca Sacca Fisola: saranno organizzati sia eventi dedicati in modo specifico alla manifestazione, sia l'apertura al pubblico gli Atelier collocati presso il Chiostro dei SS. Cosma e Damiano alla Giudecca. In questo modo verrà data ai visitatori la possibilità di conoscere gli artisti in residenza e i luoghi in cui questi, per dodici mesi, producono le proprie opere.

Il pubblico, veneziano e non, potrà così addentrarsi nei luoghi di produzione artistica, osservando le tele dipinte e a quelle ancora in corso di lavorazione del duo composto da Giuseppe Abate e Paola Angelini e le ricerche condotte dal collettivo Anemoi attorno ai temi della coralità, della possibile creazione di una nuova mitologia contemporanea e della temporalità circolare in opposizione alla linearità produttiva. Se la documentazione e i video riportano nell'atelier gli interventi site-specific di Fabrizio Perghem, focalizzati sulla relazione tra l'uomo e il paesaggio, i lavori di Fabio Roncato originano da mico-storie personali per svelare più complessi meccanismi della società in cui viviamo, dalla costruzione degli immaginari familiari alle dinamiche produttive di un territorio. Gli Impresari, il cui progetto è liberamente ispirato al teatro di Bernini, attraverso una ricerca iconografico-tecnica svelano la fascinazione per le macchine teatrali, elevandole da strumenti scenici a opere autonome. Proprio una di queste macchine produrrà l'accompagnamento acustico de La Tempesta, installazione di fuoco dell'artista romano Paolo Buggiani. Lo spettacolo avrà luogo giovedì 11 settembre alle 19.30 presso la Fondamenta San Biagio.
Come interferenze, appariranno in questi luoghi di lavoro anche le opere degli artisti assegnatari di uno studio a Palazzo Carminati: Samuele Cherubini con il suo lavoro Prove tecniche di un varo, installazione in cui un salvagente nautico svolge la funzione di disco ball, affronta con ironia l'ibridazione tra l'immaginario veneziano tradizionale e gli elementi portati dal turismo e dalla modernità. Al confine tra realtà e finzione si colloca il Polaroid Book di Pamela Breda, in cui il fascino per un medium come la pellicola polaroid è soddisfatto attraverso un trucco digitale, celato dall'ulteriore processo di raccolta in una pubblicazione. E mentre la proiezione di Caterina Erica Shanta accoglie e sorprende lo spettatore attraverso geometrie di luce e illusioni ottiche dall'effetto giocoso e ipnotico, materiali video di Eleonora Sovrani accompagneranno il concerto dei The Mechanical Tales, che si terrà presso il Complesso dei SS. Cosma e Damiano alle ore 20.00 di sabato 13 settembre e domenica 14 settembre 2014.

Il Festival delle Arti Giudecca Sacca Fisola, nato nel 2010 dall’esigenza e dalla volontà di esprimere attraverso l’arte la vitalità del territorio, è promosso dal circolo Arci Giovani “Luigi Nono” e coinvolge le varie realtà associative e culturali attive nelle isole della Giudecca e Sacca Fisola, con la volontà di dar voce e visibilità agli artisti, locali e non, professionisti e amatoriali. L'obiettivo principale è stimolare quest'area veneziana, relativamente poco nota, con eventi culturali. L’ingresso e la partecipazione a tutti gli eventi sono liberi e gratuiti.

Il programma degli studi d'artista della Fondazione Bevilacqua La Masa affonda le sue radici nel 1901, con la nascita dell'istituzione stessa; riconfigurato dal 2006 seguendo i criteri delle residenze d'artista internazionali, nel 2014, dopo oltre centodieci anni di attività, esso consente all'istituzione di mantenere inalterata la propria missione di sostegno ai giovani artisti, in particolare a quelli attivi nel Triveneto, attraverso l'assegnazione annuale di 12 Atelier. L'anno di permanenza vede gli artisti impegnati in un fitto calendario di eventi per il pubblico, incontri ad essi dedicati e importanti collaborazioni con altre Istituzioni e sponsor privati, e si conclude con una mostra presso la Galleria di Piazza San Marco della Fondazione Bevilacqua La Masa.
Sostengono il programma degli studi d'artista Moleskine, Milano e Stonefly, Treviso.