Fatta in Collesano

Palermo - 06/07/2012 : 06/01/2013

Le opere esposte illustrano la produzione di maiolica nel corso della seconda metà del Seicento, da considerarsi il periodo più articolato e ricco di testimonianze della antica manifattura di Collesano.

Informazioni

  • Luogo: ORATORIO DEI BIANCHI
  • Indirizzo: Via Dello Spasimo (90133) Palermo - Palermo - Sicilia
  • Quando: dal 06/07/2012 - al 06/01/2013
  • Vernissage: 06/07/2012 ore 11
  • Generi: arti decorative e industriali
  • Orari: La Mostra è visitabile dal martedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,30 (ultimo ingresso).

Comunicato stampa

Venerdi 6 luglio alle ore 11 presso l’Oratorio dei Bianchi, Piazzetta dei Bianchi, sede espositiva della Galleria interdisciplinare regionale di Palazzo Abatellis, sarà presentata la mostra“Fatta in Collesano. Le maioliche di Collesano del XVII secolo nelle Collezioni di Palazzo Abatellis”, realizzata in collaborazione tra l’Amministrazione regionale dei Beni Culturali e il Comune di Collesano. Le opere esposte illustrano la produzione di maiolica nel corso della seconda metà del Seicento, da considerarsi il periodo più articolato e ricco di testimonianze della antica manifattura di Collesano

In quegli anni maestri quali Rizzuto, Saldo, Savia, diedero slancio ad una florida stagione destinata a tramandarsi per generazioni, ponendo le officine di Collesano in rapporto agli altri importanti centri di produzione : Palermo, Sciacca, Burgio, Trapani e Caltagirone. Avvalendosi del contributo economico del Comune di Collesano, dell’apporto specialistico di Tommaso Gambaro, e della collaborazione di Maria Reginella, sono stati selezionati 26 pezzi, fra bocce e albarelli che ben documentano la varietà e le caratteristiche della maiolica di Collesano, proposta entro un percorso espositivo corredato da apparati didattici che mettono in luce la specificità iconografica e stilistica dei pezzi esposti e i loro legami con l’originario centro di produzione e successivamente con pubblica raccolta museale. Nell’ambito del consolidato impegno per la valorizzazione della importante collezione di ceramica della Galleria, la mostra si pone in continuità con la precedente iniziativa de “I mai visti”, che nel 2011 ha richiamato l’attenzione sulla maiolica di Burgio.