Fare vuoto

Milano - 14/05/2020 : 14/06/2020

Casa degli Artisti presenta FARE-VUOTO, ciclo di incontri ideati in collaborazione con “OT/Orbis Tertius” e “CLAC. Clinica dell’adolescenza contemporanea”.

Informazioni

  • Luogo: CASA DEGLI ARTISTI
  • Indirizzo: Via Tommaso da Cazzaniga, angolo, Corso Garibaldi, 89/A, 20121 - Milano - Lombardia
  • Quando: dal 14/05/2020 - al 14/06/2020
  • Vernissage: 14/05/2020 NO SOLO EVENTO ONLINE DALLE ORE 20.30
  • Generi: serata – evento
  • Uffici stampa: PAOLA C. MANFREDI STUDIO

Comunicato stampa

Casa degli Artisti presenta FARE-VUOTO, ciclo di incontri ideati in collaborazione con “OT/Orbis Tertius” e “CLAC. Clinica dell’adolescenza contemporanea” nato nell'ambito delle attività prodotte dal tavolo di pensiero “NUS”, attorno alla funzione che il “vuoto” può assumere nel contemporaneo, in relazione al fare, in generale, e, più in particolare, al lavoro artistico.

Il Tavolo di pensiero è un progetto continuativo con cadenza settimanale sviluppato in collaborazione con Orbis Tertius, gruppo di ricerca sull'immaginario contemporaneo dell’Università di Milano Bicocca, e Clac, clinica dell’adolescenza contemporanea, di cui fanno parte filosofi, psicanalisti, pedagogisti, e studiosi di scienze umane

Il Think Tank accompagnerà le attività di Casa degli Artisti con una riflessione collettiva sui temi che emergeranno nel corso della progettazione e del lavoro degli artisti.

Giovedì 14 maggio | ore 20.30
Il vuoto e l’opera, tra Occidente e Oriente
A cura di Marcello Ghilardi
Coordinano: M. Bonazzi e M. Bosco

Nella tradizione occidentale il termine "vuoto" ha in genere indicato qualcosa di non esistente, o ciò che - contrapponendosi al pieno - è inerte, privo di efficacia. In Cina e in Giappone invece le tradizioni taoista e buddhista, che hanno nutrito gli aspetti più filosofici delle pratiche artistiche, hanno conferito al vuoto (wu in cinese, mu in giapponese) un valore positivo e attivo, come matrice di ogni compossibilità, luogo di relazione e di generazione.

Marcello Ghilardi (Milano, 1975)
Filosofo e pittore, insegna Estetica all'Università di Padova. Ha esposto al Padiglione Italia della 54esima Biennale di Venezia e alla Prima Biennale di Taipei nel 2016. Tra i suoi libri più recenti: "Filosofia dell'interculturalità" (2012); "Il vuoto, le forme, l'altro" (2014); "L'estetica giapponese moderna" (2016); "La radice del sole" (2019).

I prossimi appuntamenti:

-La “neo-plebe” e lo spazio post-metropolitano
con Matteo Vegetti
coordinano: M. Bonazzi, P. E. Bossola
(Incontro in collaborazione con il “Laboratorio di Psicoanalisi e Politica” della Segreteria milanese SLP)
-Operosità/inoperosità
con Mario Ajazzi Mancini, Matteo Bonazzi, Pietro Enrico Bossola, Silvia Vizzardelli