Fabio Pistillo – Fine del paesaggio

Roma - 02/05/2016 : 20/05/2016

Fabio Pistillo (Roma, 1973) torna ad AOCF58 con un nuovo ciclo di lavori inediti, in cui si vede maturare un diverso rapporto fra pittura e immagine a stampa, fra sfondo e figura. Pistillo è un pittore che ama i grandi spazi liquidi, in cui annida le sorprese e le insidie della figurazione.

Informazioni

  • Luogo: AOCF58 GALLERIA BRUNO LISI
  • Indirizzo: Via Flaminia 58 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 02/05/2016 - al 20/05/2016
  • Vernissage: 02/05/2016 ore 18
  • Autori: Fabio Pistillo
  • Curatori: Francesca Gallo
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: dal lunedì al venerdì ore 17.00–19.00 (chiuso sabato e festivi)

Comunicato stampa

Fabio Pistillo (Roma, 1973) torna ad AOCF58 con un nuovo ciclo di lavori inediti, in cui si vede maturare un diverso rapporto fra pittura e immagine a stampa, fra sfondo e figura. Pistillo è un pittore che ama i grandi spazi liquidi, in cui annida le sorprese e le insidie della figurazione.
Fine del paesaggio raccoglie lavori eseguiti tra il 2015 e il 2016, in cui il collage di illustrazioni ritagliate da libri, giornali, réclame, si innesta su ampie carte dipinte

Le forme sono talvolta palesi, altre volte quasi nascoste dalla pittura che, in questo modo, agisce come un filtro, le trasforma, in maniera talvolta sorprendente, ironica, ludica.
Il mondo infantile, infatti, è spesso evocato nelle composizioni di Fabio Pistillo data la predilezione per i libri illustrati, la bella grafia, il gioco di parole latente fra forma dipinta e collage, le cancellature che si fanno a loro volta immagine, i ritagli decontestualizzati. Su tutto però campeggiano i profili di un indefinito paesaggio naturale: alberi, colline, fiori si delineano quasi inevitabilmente nel campo dipinto, suggeriti appena da qualche frammento di figurazione, contorno lineare familiare. Da qui il titolo, che allude con leggerezza alla conclusione, o forse al sopravvivere, della pittura di paesaggio?