Esposizione asta Design & PopArt

Roma - 14/05/2019 : 20/05/2019

Organizzato da Bertolami Fine Art e Contemporary Cluster.

Informazioni

  • Luogo: CONTEMPORARY CLUSTER
  • Indirizzo: Via dei Barbieri 7 - Roma - Lazio
  • Quando: dal 14/05/2019 - al 20/05/2019
  • Vernissage: 14/05/2019 ore 18,30
  • Generi: design, arte moderna

Comunicato stampa

Martedì 21 maggio, Bertolami Fine Art batterà al Contemporary Cluster di Palazzo Cavallerini Lazzaroni la sua prima asta interamente dedicata al design e alle arti decorative del ‘900. “Dal 2015 abbiamo iniziato a occuparci di arti decorative del ‘900, ceramica italiana soprattutto, riservando al comparto una sezione del catalogo di arte moderna e contemporanea – spiega Raffaele Cecora, responsabile del dipartimento – In progresso di tempo il nostro interesse si è allargato ai vetri e agli arredi, con risultati più che apprezzabili in termini di fatturato

Il numero di lotti trattati è oramai abbastanza alto da richiedere vendite gestite in autonomia da un dipartimento dedicato”. Le scelte del nuovo dipartimento appaiono concentrate su un design italiano di respiro internazionale con nomi di spicco come quelli di Gio Ponti, Gastone Rinaldi e Gaetano Pesce.

All’incanto anche una selezione di opere dei caposcuola della pop art e dei loro eredi del genere urban. Tra gli autori in catalogo, Andy Warhol, Roy Lichtenstein, Keith Haring, Banksy.



Design e pop & urban art appaiono un’abbinata perfetta per il nuovo, straordinario spazio espositivo scelto dalla casa d’aste, un ambiente dove la stratificazione stilistica è la norma e la coabitazione tra sontuosi affreschi di fine ‘600 e razionali interventi architettonici anni ’50 crea atmosfere di impareggiabile suggestione. Il Contemporary Cluster, uno di quei segreti luoghi romani che bisogna assolutamente conoscere, affiancherà, a partire da quest’asta, i saloni di Palazzo Caetani Lovatelli, la sede di Bertolami Fine Art, sinora utilizzata in esclusiva per le esposizioni dei lotti. .



SEDIE, POLTRONE E ALTRI ELEMENTI D’ARREDO



Una vita per lo sport e il design. Si parla naturalmente di Gastone Rinaldi, calciatore del Cremona negli anni in cui quella squadra dominava il campionato italiano, pilota automobilistico impegnato nella Mille Miglia e designer tra i più geniali e innovativi della seconda metà del ‘900. Porta la sua firma anche DU 55, la sinuosa poltrona che con le sue inconfondibili geometrie arrotondate è diventata uno degli emblemi della linea aerodinamica 1950’, il decennio innamorato delle curve. Intramontabile classico del design italiano, la DU 55 è oggi ancora prodotta da Frau. Nel catalogo di BFA è presente una coppia degli anni ’70. Il rivestimento in tessuto color avorio è ancora quello originale

Gastone Rinaldi

Coppia di poltrone DU 55, anni ‘70

lotto 138 - € 20.000/30.000



Richieste da collezionisti e arredatori, le sedute sono le vere star delle aste di design. Tra gli highlights posti all’incanto da Bertolami Fine Art, due poltroncine UP1 firmate da Gaetano Pesce per C&B (ora B&B Italia). Il timbro sotto la base porta la data dell’11 giugno 1971, che le qualifica come prototipi assai risalenti della famosa famiglia di poltrone in schiuma poliuretanica progettate dal designer-scultore ligure a partire dal 1969

Gaetano Pesce

Coppia di poltroncine UP1, 1971

lotto 168 - € 3.000/5.000



Ancora un classico del design del ‘900: la 969 di Gio Ponti, con l’inconfondibile ed elegantissimo schienale a volute. Come è noto, la 969 è una rivisitazione realizzata dallo stesso Ponti per BBB Emmebonacina di una sua sedia presentata alla VI Triennale Di Milano del 1936

Gio Ponti per BBB Emmebonacina

4 sedie 969, anni ‘50

lotto 109 - € 3.000/5.000



Tutti interessanti i pezzi firmati da Gio Ponti, l’architetto che ha condotto il design italiano verso una nuova modernità scaturita dal confronto con l’antico. Tra gli arredi meritano attenzione:



un tavolo in mogano di lineare eleganza prodotto negli anni ’50.

Gio Ponti,

Tavolo in legno di mogano con puntali in ottone, anni ‘50

Lotto 135

€ 6.500/9.500



Una credenza a quattro ante in mogano con sportelli laccati in color avorio

Gio Ponti,

Credenza a quattro sportelli, anni ‘50

Lotto 132

€ 2.800/4.200





CERAMICHE



Due esempi dell’operazione di profondo aggiornamento avviata da Gio Ponti a partire dalla prima metà degli anni ’20, quando assume la direzione artistica della Manifattura Richard Ginori:



Occhiali, pipe e chiavi sono gli originali motivi che decorano il vaso del 1925

Gio Ponti per Richard Ginori, San Cristoforo

Vaso per lampada con decorazioni bianche profilate in nero su fondo rosso, 1925 circa

Lotto 43 - € 2.000 - 3.000



Il cacciatore, la mietitrice, il civettaro, il viandante e l’acquaiolo: la sfrenata fantasia di Gio Ponti inventa il soggetto dei Mestieri per una serie di ceramiche disegnate per la Ginori.

Nel catalogo di Bertolami si propone in asta il servizio da tavola per dodici composto da:

12 piatti fondi, 24 piatti piani, 12 piatti insalata, 12 piattini dolce, 4 piatti ovali, 2 fruttiere, 1 salsiera, 1

Gio Ponti per Richard Ginori, San Cristoforo

Servizio da tavola San Cristoro, anni ‘30

Timbro sotto la base: Ermione, San Cristoforo

Lotto 42 - € 1.500 - 2.000





POP & URBAN ART



“Il Contemporary Cluster a Palazzo Cavallerini Lazzaroni avrebbe fatto impazzire Andy Warhol e i suoi amici della Factory. Abbiamo subito intuito che in questo ambiente, reso così originalmente pop dalla sua singolare ecletticità stilistica, le opere dei caposcuola della pop art e dei loro eredi del genere urban si sarebbero trovate a loro perfetto agio”

Per affiancare l’esposizione di design, Filippo Restelli, responsabile del dipartimento di stampe e multipli d’autore, ha composto una selezione di pop & urban art con opere di Andy Warhol, Roy Lichtenstein, Keith Haring, Banksy, Mr. Brainwash e David Studwell e memorabilia musicali.



Tra le curiosità della sezione pop & urban art:



Il logo della batteria dei Queen autografato da tutta la band nel 1984, l’anno della loro esibizione alla 34° edizione del Festival di Sanremo

Lotto 221 - € 3.000/5.000



Una copia del 1984 di Like a Virgin, l’album che trasformò Madonna in un’icona della cultura pop. “Love. Madonna” recita l’autografo in copertina.

La preziosa reliquia viene posta all’incanto completa di ineccepibile certificato di autenticità.

Lotto 226 - € 2.600/4.600



Gli appassionati d’arte lo sanno: dietro allo stereotipo della pittoresca città da cartolina Napoli cela un istinto e un gusto tutto speciale per il contemporaneo. La conferma arriva dalle sette litografie tratte dal libro d’artista di Keith Haring realizzato nel 1983 in occasione della sua prima mostra italiana. L’evento portava appunto la firma di un geniale gallerista napoletano, Lucio Amelio, uno dei primi in Europa a capire le potenzialità del writer destinato a lasciare il segno nel linguaggio visivo del XX secolo.





Lotto 220 - € 3.000/4.000