Élle de Bernardini – A Lâmina e a Língua

Roma - 05/02/2022 : 16/04/2022

Prima mostra personale in Italia dell’artista e danzatrice Élle de Bernardini, a cura di Tiago de Abreu Pinto.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA GILDA LAVIA
  • Indirizzo: Via dei Reti, 29/c - Roma - Lazio
  • Quando: dal 05/02/2022 - al 16/04/2022
  • Vernissage: 05/02/2022 dalle ore 11 alle ore 20 su prenotazione
  • Autori: Élle de Bernardini
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

La Galleria Gilda Lavia di Roma ha il piacere di ospitare A Lâmina e a Língua, la prima mostra personale in Italia dell’artista e danzatrice Élle de Bernardini, a cura di Tiago de Abreu Pinto, che inaugurerà sabato 5 febbraio dalle ore 11 alle ore 20 su prenotazione.

Attraverso numerose allusioni alle complessità del linguaggio (in ambito socio-politico, psicologico, fisico, giuridico e culturale), la mostra affronta sia la vita e l'opera di de Bernardini, sia la condizione delle persone trans in generale, che in Brasile hanno un’aspettativa di vita al di sotto dei 35 anni

Questa violenza è incarnata nel lavoro centrale della mostra intitolato Operação Tarântula (2022), che fa riferimento a un'operazione contro le donne trans organizzata dalla Polizia di Stato di San Paolo nel 1987, un momento in cui le persone trans usavano tenere delle lamette da barba sotto la lingua per difendersi.

La mostra comprenderà un'ampia gamma di opere: da lavori rappresentativi del passato a nuovi lavori sviluppati appositamente per questo progetto, comprese le tre performance che saranno realizzate durante l'inaugurazione.






La Galleria informa che l’ingresso all’evento è vietato alle persone minori degli anni 18 e che i contenuti delle opere esposte potrebbero turbare la loro sensibilità.
L’accesso alla mostra è consentito solo se in possesso di green pass rafforzato. Ai visitatori sarà richiesto di indossare la mascherina FFP2.





Biografia dell’artista

Élle de Bernardini (Itaqui, 1991) vive e lavora a San Paolo. Ha un background in danza classica presso la Royal Academy of Dance di Londra. È una transessuale donna con una produzione permeata dalla sua biografia. Le sue opere affrontano l'intersezione tra questioni di genere, sessualità, politica e identità con la storia dell'umanità e la storia dell'arte. Il suo lavoro è stato esposto in istituzioni nazionali e internazionali come Museu de Arte de São Paulo/MASP, Pinacoteca do Estado de São Paulo, Museu de Arte do Rio/MAR, Museu de Arte do Rio grande do Sul/MARGS, Museu Nacional da República, Memorial da America Latina, MAC-RS, Pivô Arte e Pesquisa, Farol Santander, Centro Cultural São Paulo. Museu Nacional da Republica.
Ha partecipato alla 12esima Bienal do Mercosul. Le sue opere fanno parte di importanti collezioni come il Museo d'Arte del Rio Grande do Sul / MARGS, Porto Alegre. MAC-RS, Porto Alegre. MAC-Niteroi, Rio de Janeiro. Collezione Santander Brasile, San Paolo. Rio de Museo d'Arte di Janeiro. Museo di Arte Moderna di Rio, Rio de Janeiro. Marcos Amaro Fondazione per le Arti, Itu e Museo Nazionale della Repubblica, Brasilia. Museo di Recife Arte Moderna, Pinacoteca stato di San Paolo, Collezione del governo francese, Biblioteca Nazionale di Francia, Parigi.