Elena Giustozzi – Vicinanze

Cupra Marittima - 11/06/2016 : 09/07/2016

Mostra personale di Elena Giustozzi. La mostra curata da Valentina Falcioni, autrice anche del testo critico, è organizzata da Galleria Marconi e Marche Centro d’Arte ed è un evento parallelo dell’Expo di arte contemporanea 2016 di MCdA.

Informazioni

  • Luogo: GALLERIA FRANCO MARCONI
  • Indirizzo: Corso Vittorio Emanuele 70 - Cupra Marittima - Marche
  • Quando: dal 11/06/2016 - al 09/07/2016
  • Vernissage: 11/06/2016 ore 18
  • Autori: Elena Giustozzi
  • Curatori: Valentina Falcioni
  • Generi: arte contemporanea, personale
  • Orari: lunedì-sabato dalle 16 alle 19.30

Comunicato stampa

La Galleria Marconi di Cupra Marittima sabato 11 giugno alle 18.00 presenta Vicinanze, mostra personale di Elena Giustozzi. La mostra curata da Valentina Falcioni, autrice anche del testo critico, è organizzata da Galleria Marconi e Marche Centro d’Arte ed è un evento parallelo dell’Expo di arte contemporanea 2016 di MCdA.

Vicinanze è il sesto appuntamento della rassegna Cosa c’è di nuovo oggi? che accompagnerà la Galleria Marconi durante la stagione espositiva 2015/2016. La Galleria Marconi si trova in c.so Vittorio Emanuele II n°70 a Cupra Marittima

La personale di Elena Giustozzi potrà essere visitata fino al 9 luglio 2016 con i seguenti orari: lunedì – sabato 16.30 - 19.30.

“I dipinti di Elena Giustozzi sono una risposta piccata all’approssimazione odierna, alla bulimia comunicativa, alla superficialità emotiva con cui l’uomo si approccia all’universo esterno. Ogni esperienza pratica o affettiva viene fagocitata con la stessa voracità con cui si consuma un panino preconfezionato in un fast food. Non si è più in grado di vivere a fondo un’esperienza, coinvolgendo gradualmente tutti gli organi di senso. Si predilige la simultaneità. Mentre si mastica del cibo assemblato convulsamente, si controllano notifiche e messaggi sullo smartphone, si aggiorna il profilo su Facebook, si scatta un’istantanea del locale, si getta uno sguardo alla tv e si canticchia distrattamente la canzone trasmessa in radio. Tutto ciò avviene mentre di fronte è seduto, rigorosamente sul bordo della sedia, un altro commensale, la persona con la quale andrebbe assaporato l’attimo. In verità col diramarsi dei social network si è divaricato lo spazio fra gli esseri umani, si è accentuato l’individualismo e si è ridotta la percezione cognitiva dei sentimenti propri e altrui. I minuziosi dipinti di Elena invece obbligano l’osservatore a soffermarsi per cogliere il senso complessivo attraverso ogni singolo particolare che è stato riportato su tela con dovizia, placidità, abnegazione e innegabile pazienza.” (Valentina Falcioni)

“Non ricordo tutto quello che ho fatto in questi anni, ma ricordo bene tutti gli artisti con cui ho lavorato, il piacere delle discussioni sull’arte e sulla vita, il freddo di inverno e il caldo d’estate. La Galleria Marconi mi ha dato molto, un percorso umano e professionale ricco e avvincente, che si è incrociato strettamente con la mia vita, anche se non è tutta la mia vita. Penso agli affetti, alla famiglia, alla mia casa e a chi la frequenta. Penso di avere fatto molto, penso di avere ancora molto da dire e non voglio rinunciare a nulla di tutto questo. È con questo spirito che mi sono chiesto Cosa c’è di nuovo oggi? E adesso aspetto solo di avere la risposta.” (Franco Marconi)