E il nuovo che nessuno conosce vi sta nel mezzo e tace

Cagli - 31/10/2015 : 15/11/2015

Al piano nobile del cinquecentesco Palazzo Tiranni Castracane l'esercizio delle arti nelle strategie del potere delle antiche famiglie ha soprattutto l'evidenza della scultura a stucco di Federico Brandani di Urbino.

Informazioni

Comunicato stampa

Al piano nobile del cinquecentesco Palazzo Tiranni Castracane l'esercizio delle arti nelle strategie del potere delle antiche famiglie ha soprattutto l'evidenza della scultura a stucco di Federico Brandani di Urbino. La grandeur di questi apparati narrativi e simbolici realizzati nei soffitti a volta, nei camini, nei portali, ci informa dei luoghi in cui convergevano le classi dirigenti per decidere le gerarchie, le relazioni e le linee di conduzione atte a raggiungere determinati obbiettivi



Spesso, però, si trascura, con una prima immediata lettura politica, l'ambito privato, introspettivo, dell'uso di queste immagini, che è poi fondamentalmente quello che, sfumate con l'avanzare dei secoli le corrispondenze più direttamente strumentali tra l'arte e le élite, ha organizzato gli scambi psichici tra il fruitore e gli accadimenti visivi, e predisposto alla domanda sulla natura dell'immagine. Si vuol dire, che tutto un sostrato di interiorità, perduto con l'avanzamento della storia e non restituito attraverso gli studi filologici sulle tracce rimaste, è confluito in qualcosa di più grande.

Questo ambito più vago e meno corrispondente ad immediate nozioni, è invece prossimo se considerato con un giusto approccio, che parte innanzitutto da un sentimento di verità. L'appropriarsi, prima di un'estetica, di una metafisica, in cui avviene la relazione esatta tra la manifestazione del pensiero e l'espressione in attività spirituale.
In tale formazione si definisce una comunità o comunione di appartenenti fondata sulla virtù, che per la ricerca attuale dell'arte, qui in mostra rappresentata da linguaggi ed esperienze eterogenee, si tratta non diversamente di rispondere, nel confronto, a questioni di realtà o di verosimiglianza, di autorialità o di poetiche creative.

Il nuovo di Rilke, è il punto mediano, allegoria della Giustizia, della Verità e dei Vizi.

artisti invitati

CARLONI / FRANCESCHETTI, GIACINTO CERONE, MORENA CHIODI, FEDERICO GUERRI, MAD MEG, MIRCO TARSI, JACQUES TOUSSAINT, ERICH TURRONI, VERTER TURRONI, MATTIA VERNOCCHI