Dora Budor – Autoreduction

Lecce - 16/07/2021 : 30/09/2021

Progetto occupa un palazzo a Lecce, capitale di una provincia un tempo famosa per la produzione di tabacco, e ora per la sua costa.

Informazioni

  • Luogo: PROGETTO
  • Indirizzo: Via Idomeneo, 72 - Lecce - Puglia
  • Quando: dal 16/07/2021 - al 30/09/2021
  • Vernissage: 16/07/2021
  • Autori: Dora Budor
  • Generi: arte contemporanea, personale

Comunicato stampa

Dora Budor
Autoriduzione
con Michèle Graf e Selina Grüter, Niloufar Emamifar, Noah Barker e Serpas
16 luglio - 30 settembre 2021
Progetto occupa un palazzo a Lecce, capitale di una provincia un tempo famosa per la
produzione di tabacco, e ora per la sua costa. In questo modo era e rimane una regione
centrale per l'economia psichica dell'Italia: gli industriali settentrionali che facevano uso di
tabacco erano letteralmente dipendenti dalle imprese agricole del Mezzogiorno. Nei campi e
nelle fabbriche, la maggior parte dei lavoratori del tabacco erano donne, dette tabacchine


Impiegate come manodopera tipicamente più economica, il loro sfruttamento superava il
salario. Dispositivi di dominazione domestica compenetravano la linea di produzione e un
ordine imponeva l'altro. I tavoli trasportatori di una fabbrica di tabacco, dove sono rimasti in
disuso per tre decenni, sono stati trasferiti nelle sale espositive di Progetto. Con i loro sei
metri di lunghezza, le camere proporzionate per una vita sontuosa fanno fatica a contenere
le loro proporzioni industriali. I domini della produzione e della riproduzione, dell'accumulo e
della spesa, si innestano in una confutazione dell'architettura in quanto tale e dei suoi limiti.
Dopo la chiusura della mostra, le linee di trasporto saranno rinnovate e utilizzate come tavoli
da pranzo in un hotel-agriturismo aperto dall'erede dell'ex fabbrica.
In cima al palazzo ci sono muri di pietra di stanze senza tetto. In quattro di esse, le sculture
di Ser Serpas sono state costruite con i detriti stradali raccolti tra i paesi del Salento. Open
Sky ospita anche una conferenza tenuta una settimana prima dell'apertura della mostra. Nel
cortile del palazzo Niloufar Emamifar presenta A Partnership For The Future, sull'economia
dello sguardo e la liquidità finanziaria dello spazio vuoto. L'intervento dispiega una
narrazione delle relazioni umano-atmosferiche del ventesimo secolo sulla monetizzazione
contemporanea dei diritti d'aria. Il patio interno del palazzo sarà nuovamente occupato tre
giorni dopo l'apertura della mostra con Il cortile assediato di Giovanna Zangrandi (1910 -
1988). Una lettura drammatica in italiano avverrà con un intervallo, dove una traduzione in
inglese eseguita dagli artisti Michèle Graf e Selina Grüter viene sussurrata agli spettatori
anglofoni sul balcone soprastante. Zangrandi, un partigiano, scrive del conflitto tra la sua
educazione familiare socialista e l'educazione fascista impartita a scuola. Graf e Grüter
hanno aggiunto delle annotazioni all'opera per rendere conto degli idiomi e sottolineare i
momenti di intraducibilità. Tornando alle stanze del palazzo, si trovano al loro interno due
poesie di Graf e Grüter. Gli acquisti le compongono come se la loro dizione fosse già pronta.
E sul soffitto, da alcune bottiglie vuote nascono stelle di altro tipo. Le costellazioni di lamina
sono opere di Noah Barker.
Sotto i soffitti spioventi delle chiese salentine c'è cartapesta in decomposizione. Alternativa
economica al gesso e alla pietra, la cartapesta è stata usata per secoli per produrre le
sembianze dei santi defunti. In gran parte, i laboratori rimasti si sostengono con la vendita di
souvenir. Come segnaposto per un tavolo già rinnovato nell'hotel, lo studio del maestro
Mario Di Donfrancesco ha realizzato in loco un tavolo trasportatore. Modellato su quelli della
fabbrica di tabacco, la sua lunghezza e i suoi dettagli sono determinati dal budget disponibile
e dal tempo a disposizione. Estruso dal muro di pietra del palazzo, il tavolo di carta chiama,
come Lulu the Tool: cosa c'è dall'altra parte? L'autoriduzione ha reagito generando un
paradiso progressivo nell'abbassamento consapevole delle tariffe dei pezzi. Quando la
strategia migrò dalla fabbrica alla città, dove fu applicata per determinare collettivamente i
prezzi, la lotta si spostò dalla produzione al consumo. La tattica si dimostrò sia flessibile che
immediata, rispecchiando l’adattamento economico tettonico dall'investimento industriale
alla speculazione immobiliare. Come le pareti macchiate di fumo di un caffè ci tengono
prigionieri del fascino di un consumo ormai illecito ma memorizzato, l'adattamento per il
tempo libero di una linea di produzione ne igienizza l’eredità.