Divina creatura

Rancate - 13/10/2017 : 28/01/2018

La donna e la moda nelle arti del secondo Ottocento.

Informazioni

Comunicato stampa

Sculture e dipinti assolutamente affascinanti, una sequenza di ventagli d’autore e un nucleo di preziosi abiti d’epoca, per raccontare il secondo Ottocento dal punto di vista delle donne, che diventano ora protagoniste anche al di fuori delle pareti domestiche.

La mostra “Divina creatura” illustra questo felice momento storico ricorrendo alle testimonianze che i grandi artisti – tra cui ricordiamo Boldini, Segantini, Previati, Ciseri, Vela, Feragutti Visconti, Luigi Rossi, Mosè Bianchi, eccetera – ci tramandano attraverso le loro opere



Alla contessa Carolina Maraini-Sommaruga, infine, protagonista del mondo della filantropia e protettrice delle industrie femminili in Italia e nel Canton Ticino, immortalata da molteplici pittori, è dedicato un ricco affondo monografico.







COME RAGGIUNGERE LA PINACOTECA ZÜST

Rancate si trova a pochi chilometri dai valichi di Chiasso, Bizzarone (Como) e del Gaggiolo (Varese), presso Mendrisio, facilmente raggiungibile con l’ausilio della segnaletica. Per chi proviene dall’autostrada Milano-Lugano l’uscita è Mendrisio: alla prima rotonda si gira a destra e mantenendo sempre la destra si giunge dopo poco più di un chilometro nel centro di Rancate. La Pinacoteca è di fronte alla chiesa parrocchiale di Santo Stefano, sulla sinistra della strada. Rancate è raggiungibile anche in treno, linea Milano-Como-Lugano, stazione di Mendrisio, e poi a piedi, in 10 minuti, o con l'autobus (linea 524, Mendrisio-Serpiano).