Del contemporaneo – Christian Caliandro e Laura Cionci

Carrara - 29/01/2021 : 29/01/2021

Lo storico dell’arte Christian Caliandro e l’artista Laura Cionci sono i protagonisti del quarto appuntamento del ciclo di incontri dal titolo "Del contemporaneo. Linguaggi, pratiche e fenomeni dell’arte del XXI secolo", visibile on line sulla pagina Facebook del mudaC museo delle arti di Carrara.

Informazioni

Comunicato stampa

Christian Caliandro, storico dell'arte contemporanea, studioso di storia culturale ed esperto di politiche culturali, e Laura Cionci, artista e performer, sono i protagonisti dell’appuntamento in programma venerdì 29 gennaio, il quarto del ciclo in streaming dl titolo "Del contemporaneo. Linguaggi, pratiche e fenomeni dell’arte del XXI secolo".
L’iniziativa è promossa dal Comune di Carrara ed è curata dalla Direttrice del mudaC | museo delle arti Carrara Laura Barreca, in collaborazione con l'Accademia di Belle Arti di Carrara. Gli incontri sono trasmessi in streaming sulla pagina Facebook del mudaC. Inizio ore 18.00



Nel corso dell’incontro, coordinato come sempre da Laura Barreca, gli spunti di riflessione riguardano i processi pubblici, partecipativi, le forme di relazione che agiscono attivamente all’interno delle comunità. Tale orientamento è alla base del lavoro dell’artista Laura Cionci, che attraverso i suoi progetti, unisce mondi e campi disciplinari diversi in azioni di riappropriazione dell’immaginario collettivo. L’opera d’arte contemporanea si presenta infatti più come come “stato” che come oggetto o prodotto; come atmosfera e come condizione, mobile e mutevole, aperta nei confronti del contesto di riferimento in grado di dare luogo al non ordinato, al non conosciuto, all’imprevisto. – e di fuoriuscire dal controllo che dà forma a ogni aspetto della nostra vita. In questo periodo, abbiamo imparato e stiamo ancora imparando del resto che il virus funziona da “amplificatore” e da acceleratore per processi che ci riguardano e che erano già in atto prima della pandemia, ma che scorrevano sotterraneamente, nascosti dalla routine e dalla frenesia, dagli impegni e dalle scadenze. Così, al “consumo” artistico si può sostituire sempre più l’esperienza: in questo senso, l’opera d’arte è in grado di costruire una dimensione nuova di intimità con le persone, quindi di stabilire un rapporto diretto e profondo con un essere umano che non è più “spettatore”, così come con una comunità che non è più “pubblico”. Probabilmente, è qualcosa che ha strettamente a che fare con la distanza tra verità e finzione, tra sincerità e rappresentazione: la fiction sembra cioè fare difetto, in un’occasione come quella che stiamo vivendo; e comincia a insinuarsi il sospetto che si sia creata una frattura non temporanea, ma destinata forse ad allargarsi e ad approfondirsi, legata al rapporto delle opere d’arte con il contesto da cui vengono fuori e con quello in cui vengono inserite normalmente.
Durante la conversazione si parlerà del libro di Christian Caliandro Italia Evolution. Crescere con la cultura (Meltemi Linee), un saggio che attraversa non solo chi siamo, ma anche e soprattutto chi potremmo essere. Italia Evolution indaga le numerose zone “interdette” del nostro Paese (fisiche e psichiche, materiali e culturali), gli esperimenti di futuro in corso, le diverse percezioni della cultura italiana, gli immaginari del recente passato e quelli in via di costruzione, i processi artistici basati su una relazione intensa con le comunità e i territori.

Christian Caliandro si è laureato con lode a Pisa in Lettere Moderne e presso la Scuola normale superiore di Pisa in Discipline Storico-artistiche; ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia dell’Arte Contemporanea presso l’Università di Siena. Ha insegnato “Media e narrative urbane” presso l'Università IULM di Milano. Attualmente è docente presso l'Accademia di Belle Arti di Foggia. Ha pubblicato “La trasformazione delle immagini: l'inizio del postmoderno tra arte, cinema e teoria”, per Electa. “Italia Revolution. Rinascere con la cultura” all'interno della collana Agone diretta da Antonio Scurati. Ha inoltre pubblicato il libro “Italia Evolution. Crescere con la cultura” per i tipi di Meltemi (Collana Le Linee). Sulla rivista di arte contemporanea Artribune cura le rubriche Inpratica e Cinema. Collabora con Alfabeta2, “Minima&moralia”, “Doppiozero” e con il “Corriere del Mezzogiorno-Corriere della Sera”.

Laura Cionci è un’artista e performer. La sua ricerca coltiva pratiche relazionali per lo sviluppo di processi creativi volti a riarticolare le potenzialità energetiche umane in relazione alla biodiversità e al territorio. Il suo primo libro, Stato di Grazia, è stato pubblicato nel 2020 da postmedia books.
Il suo lavoro è stato presentato in PROVE DI R(I)ESISTENZA, Fondazione Baruchello, Roma (2020), State of Grace, Darebin Art Centre, Melbourne (2020); Vi.Vedo/Viu.Vos, Museu de Arte Contemporânea de Campinas, Saõ Paulo (2019); BienNolo, Milano (2019); 101, the beginning of infinity, MIM, Museum of Innocence, Mildura (2019); Paisaje Privado, Museo Casa de la Memoria, Medellín (2018); Una Mirada al Bosque Vertical, Museo de Arquitectura Leopoldo Rother, Universidad Nacional, Bogotà (2018); Fremantle Biennale (2017), Australia; Bienal de Arte Público, Cali (2016); Teatrum Botanicum, Parco Arte Vivente, Torino (2016); Proyecto H, Museo del Carnaval e Teatro de Verano, Montevideo (2014); Carnevalma, Centro Cultural Borges, Buenos Aires (2013).