De Maria | Plevano | Soddu

Milano - 25/10/2016 : 07/11/2016

Tre linguaggi fra cui si instaura un dialogo per opposti, in cui non sussiste possibilità di confusione data la precisa connotazione delle rispettive ricerche stilistiche, ma che al contempo offrono una eloquente campionatura delle possibili vie della non raffigurazione ancora fedele, pur nella reinvenzione degli stili, ai modi della pittura e della scultura.

Informazioni

Comunicato stampa

MARIANGELA DE MARIA Il segno e lo spazio

ROBERTO PLEVANO Eclisse degli eventi

STEFANO SODDU Interrogare l’universo



inaugurazione martedì 25 ottobre 2016 ore 18.00
sede Museo della Permanente, via Filippo Turati 34, 20121 Milano
apertura al pubblico 26 ottobre – 7 novembre 2016
orari da lunedì a sabato 10.00-13.00 e 14.30-18.30
ingresso libero


Martedì 25 ottobre 2016, alle ore 18.00, si inaugura la mostra della Commissione Artistica 2015/2016 della Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente



MARIANGELA DE MARIA Il segno e lo spazio
ROBERTO PLEVANO Eclisse degli eventi
STEFANO SODDU Interrogare l’universo

a cura di Gèrard-Georges Lemaire


“… uno scultore (Stefano Soddu) e due pittori (Mariangela De Maria e Roberto Plevano), qui riuniti in un singolare dialogo formale tenuto unito dall’intensa e sensibile lettura offerta da Gérard-Georges Lemaire nella presentazione dei singoli profili. Tutti e tre sono artisti che hanno imboccato consapevolmente la via della non figurazione, fra il ricordo lirico della pittura di gesto che gioca sull’affioramento e l’evocazione (De Maria), il racconto risolto in stilizzazione grafica e nitida con- duzione (Plevano), e il gioco dialettico fra sensibilità plastica e invenzione verbale tradotta in immagine (Stefano Soddu). Tre linguaggi dunque fra cui si instaura un dialogo per opposti, in cui non sussiste possibilità di confusione data la precisa connotazione delle rispettive ricerche stilistiche, ma che al contempo offrono una eloquente campionatura delle possibili vie della non raffigurazione ancora fedele, pur nella reinvenzione degli stili, ai modi della pittura e della scultura”.

(Dal testo in catalogo di Luca Pietro Nicoletti)