Davide Weber – Essenze di Parigi #2

Venezia - 18/12/2014 : 20/01/2015

Weber sceglie di guardare dentro la vita di Parigi, nelle abitudini di quel continuo movimento cittadino quasi in senso antropologico e per continuare a combattere in una nuova e quotidiana Sparta, che è l’affascinante Parigi e la vita che li viene macinata e continuamente rinnovata.

Informazioni

  • Luogo: IKONA GALLERY
  • Indirizzo: Zattere, Dorsoduro 48 - Venezia - Veneto
  • Quando: dal 18/12/2014 - al 20/01/2015
  • Vernissage: 18/12/2014 ore 18
  • Autori: Davide Weber
  • Curatori: Živa Kraus
  • Generi: fotografia, personale
  • Orari: da domenica a venerdì ore 11.00 alle ore 19.00

Comunicato stampa

“Questo giovanotto è un occhio” disse Ingres vedendo la disorientante mostra di Courbet a Parigi nel 1855. Un giovane pittore con lo sguardo d’un fotografo, capace di scegliere scene tratte dal quotidiano trasportandole in una dimensione sacrale. Con Davide Weber, che peraltro ha scelto anche Parigi, parliamo d’un fotografo con lo sguardo d’un pittore o meglio, d’un regista, che oggi potremmo pensare, a ragione, sinonimi.

Vivere significa, per un essere umano, anche consumare, respirare e certo, anche gettare ciò che utilizza, specie in una città metropolitana come Parigi

Parfum de Paris – intuizione di Živa Kraus – per connotare l’ultima ricerca di Weber, ci porta a primo acchito con la mente a quell’Air de Paris di Duchamp ma, anziché ingabbiare in senso concettuale la vita di Parigi, Weber sceglie di guardare dentro, nelle abitudini di quel continuo movimento cittadino, quasi in senso antropologico.

Il risultato non è l’odore, non è il sentire esclusivamente con l’olfatto, ma perviene a una dimensione di lirismo, di passaggio della vita e dell’energia umana – ad esempio – in un semplice torsolo di mela gettato. In un sacchetto che contiene oggetti che valgono nulla è percepibile la vita umana, come un biglietto della metropolitana che magari è servito per cambiare l’esistenza dell’individuo che l’aveva tra le mani, come un biglietto della lotteria. O semplicemente per continuare a combattere in una nuova e quotidiana Sparta, che è l’affascinante Paris – ville visage du monde – e la vita che li viene macinata e continuamente rinnovata.

Matteo Gardonio Ducrocq