David Lang / Nicola Piovani

Roma - 14/03/2017 : 14/03/2017

Una conversazione tra il Premio Pulitzer David Lang e il compositore Premio Oscar Nicola Piovani che racconteranno le loro produzioni per il cinema e discuteranno dell’importanza della colonna sonora all’interno delle narrazioni filmiche. L'appuntamento fa parte del ciclo di incontri "American Classics" promosso per la stagione 2016/2017 dall'American Academy in Rome.

Informazioni

Comunicato stampa

Torna la grande musica all’American Academy in Rome in un appuntamento che si svolgerà il 14 marzo alle ore 18 a Villa Aurelia con una conversazione tra il Premio Pulitzer David Lang e il compositore Premio Oscar Nicola Piovani che racconteranno le loro produzioni per il cinema e discuteranno dell’importanza della colonna sonora all’interno delle narrazioni filmiche. L'appuntamento fa parte del ciclo di incontri "American Classics" promosso per la stagione 2016/2017 dall'American Academy in Rome



Lang ha contribuito al soundtrack del film La Grande Bellezza (2013), una vera e propria ode alla Città Eterna, con due brani, I Lie e World to Come. Nella famosa ed indimenticabile scena d’apertura, un coro femminile canta una composizione minimalista sacra realizzata da Lang tra le volte di una delle fontane più famose della Capitale, Acqua Paola, al Gianicolo.
Per La Giovinezza (2015), invece, Lang ha composto l’ossessionante Simple Song #3 che riassume, nel suo complesso, la vita emotiva di un conduttore in pensione interpretato da Michael Caine, in vacanza in un felliniano centro benessere in Svizzera.

Il Maestro Nicola Piovani è attualmente uno dei più noti compositori di colonne sonore di film italiani, con oltre 130 produzioni al suo attivo, tra cui La notte di San Lorenzo (1982), Kaos (1984), entrambi diretti da Paolo e Vittorio Taviani, Ginger e Fred (1986), Intervista (1987), e La voce della luna (1990) di Federico Fellini. Nel 1998, Piovani ha vinto l'Oscar per la colonna sonora del celebre film di Roberto Benigni La vita è bella.

David Lang è residente presso l’American Academy in Rome per la primavera 2017.

La conversazione fa parte del ciclo di incontri American Classics, una serie di appuntamenti promossi dall’American Academy in Rome che riconsiderano idee, testi, canzoni e immagini, i “classici” che definiscono ciò che dà senso alla parola “Americano”. In un immaginario sempre più internazionale che sta modificando i suoi centri del potere, i tropi che per lungo tempo sono stati identificati alla base dell’identità americana sono messi al centro di una nuova indagine, mettendo in discussione le verità culturali che gli americani ritenevano un tempo acquisite. Traendo ispirazione dalla sede dell’American Academy in Rome, questa serie ha l’obiettivo di comprendere l’americanità nel XXI secolo indagando la relazione tra gli ideali americani e il mondo antico, tra l’individualismo del XXI secolo e le immagini e l’architettura dell’impero. Esplora anche i modi in cui i tratti distintivi dell’identità americana evolvono una volta sradicati dagli Stati Uniti e messi a confronto con altre culture

Sarà disponibile la traduzione simultanea in italiano e inglese.

La Fondazione Helen Frankenthaler è lo sponsor per la stagione 2016/2017 della serie di Conversations/Conversazioni: From the American Academy in Rome.